Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. Chiara da Montefalco

Date rapide

Oggi: 17 agosto

Ieri: 16 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Varietà: l'edizione 2018 del Gusta Minori in Costa d'Amalfi - Arte e Sapori di un territorio unico Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniAttualitàPrefabbricati lettera-denuncia di Avella

Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera Amalfitana La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giorno D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Attualità

Prefabbricati, lettera-denuncia di Avella

Scritto da (admin), mercoledì 18 luglio 2012 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 18 luglio 2012 00:00:00

Cari/e concittadini/e, cari amministratori e non, questa lettera ha l’intento di denunciare gli avvenimenti che si stanno verificando nelle aree occupate dai prefabbricati-container della Città di Cava de’ Tirreni. In questi giorni diverse famiglie stanno lasciando i prefabbricati in virtù dei decreti di assegnazione degli Alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica.

Dopo le numerose polemiche dei mesi scorsi e dopo le decisioni amministrativo-politiche di abbandonare i Piani di Mobilità che consentivano di eliminare interi comparti occupati da 31 anni dai prefabbricati-containers ricoperti di amianto, secondo un piano ben specifico, l’Amministrazione Comunale ha preso la decisione di assegnare gli alloggi in ordine alla Graduatoria Assegnazione Alloggi Provinciale e, successivamente, in base ad un ordine di scelta redatto dall’Ufficio Patrimonio. Tutto ciò ha comportato, e comporterà, l’apertura di “una fase di gestione tecnica” in tutti i siti dei prefabbricati abbandonati, in quanto “liberati” da quei nuclei familiari assegnatari di un alloggio popolare (si liberano i prefabbricati a macchia di leopardo!).

Vengo al dunque. In località Maddalena ed in località di Pregiato Uno i prefabbricati liberati sono stati lasciati pieni di mobili fatiscenti, di cibo buttato per terra (pasta CEE - olio - pane ammuffito - frutta in decomposizione, etc.), di conserve alimentari evidentemente scadute. Sono state distrutte le pareti interne delle strutture fatte di cartongesso ricoperto di lana-vetro. Addirittura sono stati smontati gli infissi di alluminio, comportando delle aperture evidenti all’interno delle pareti esterne, favorendo un habitat favorevole per ratti ed insetti vari. Sono state distrutte mattonelle, vasche e tubi vari. Qualcuno ha pensato bene di creare dei corridoi all’interno dei prefabbricati abbandonati, facendo dei grossi buchi e distruggendo le pareti per favorire il passaggio tra un prefabbricato e l’altro. Addirittura qualcuno ha pensato bene di rompere le tegole di amianto. Sono state lasciate nel degrado più assoluto baracche di ferro arrugginite, ricoperte da erbacce e da oggetti di vario tipo e genere. Insomma, è stato lasciato di tutto.

In questi giorni sono state fatte diverse segnalazioni telefoniche al Comando dei Vigili Urbani da parte dei residenti, che lamentavano “rumori di distruzione proprio all’interno dei prefabbricati abbandonati”. I Vigili Urbani intervenuti nulla hanno potuto fare se non rendersi conto dello stato di cose e di segnalare l’accaduto (spero) agli uffici competenti. E’ risultato “sterile ed inefficace” rendere inaccessibili queste strutture dall’esterno e non è bastata la chiusura agli accessi per evitare qualsiasi accesso. La cosa drammatica è che a ridosso di questi prefabbricati vivono ancora tante famiglie, cosiddette storiche, che dovranno per forza di cose rimanere a vivere ancora per anni in queste baracche. Famiglie di anziani e famiglie con bambini in tenera età.

Chiedo, umilmente, a chi di competenza di verificare lo stato dei prefabbricati abbandonati. Di verificare le cose lasciate all’interno degli stessi che possano generare problemi di degrado e di attacco alla salute pubblica.

Chiedo, umilmente, che i prefabbricati vuoti vengano ripuliti, svuotati e “smembrati” internamente con l’ausilio della SETA (come fatto in passato), in modo da non permettere a nessuno di trovare le condizioni favorevoli per un’occupazione abusiva ed in modo da garantire la salute pubblica.

Chiedo, umilmente, di far assegnare ad uso deposito quei prefabbricati vuoti adiacenti a quelli ancora occupati, in modo da permettere la vigilanza e la pulizia interna (così come fatto in passato dall’Ufficio Patrimonio).

Chiedo, umilmente, che venga messa in cantiere una derattizzazione sulle aree dei prefabbricati. I generi alimentari, evidentemente scaduti e putrefatti, lasciati all’interno dei prefabbricati, hanno generato in pochi giorni la presenza di molti ratti (topi di fogna) che hanno trovato il loro ambiente fertile.

Chiedo, umilmente, che venga fatta una pulizia delle griglie, dei tombini ed uno spurgo delle fogne in previsione della stagione invernale (visti i disagi degli anni passati).

Chiedo, umilmente, che si creino la condizione necessarie affinché le famiglie non ancora assegnatarie di un alloggio popolare possano vivere in un ambiente almeno decente sotto tutti i punti di vista.

Mi rivolgo a tutti gli Amministratori locali con l’auspicio che si possa in breve tempo intervenire politicamente affinché si metta in campo un nuovo piano di smantellamento di queste strutture, attraverso un procedimento tecnico-amministrativo di bonifica dei siti, con il coinvolgimento del Comune, della Provincia e soprattutto della Regione (visti i ritardi). La situazione è drammatica ed occorre, oltre ad un piano ben specifico di intervento, la consapevolezza umana e politica che si stanno creando le condizioni oggettive, per tante famiglie storiche, di peggioramento ulteriore del loro livello di vita, condito da disagio e da degrado.

Con la speranza che si faccia chiarezza e che si intervenga con urgenza. Grazie per l’attenzione.

Salvatore Avella - Simpatizzante del Popolo dei Prefabbricati

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

Aiuole vandalizzate a Villa Rende: arriva la smentita del sindaco Servalli

Nessuna aiuola vandalizzata e giardini rovinati nel parco di Villa Rende, come invece titola un noto quotidiano locale. Allarmati dall'articolo, stamattina sono scattati i controlli, ma, sorpresa: di quanto denunciato dal quotidiano nessuna traccia. Le aiuole erano in ordine, le panchine nuove integre...

Cava de' Tirreni, fallimento Seta: Comune in Tribunale

L'ex Seta, la società che fino al 2012 gestiva il servizio di igiene ambientale a Cava de' Tirreni, continua ad alimentare polemiche a Palazzo di Città. Lo scorso 14 maggio, ricordiamo, il fallimento Seta Spa in liquidazione ha notificato al Comune metelliano un atto di citazione innanzi al Tribunale...

L’Italia spezzata (e uccisa)

di Massimiliano D'Uva Genova è tagliata in due, l'Italia divisa tra governo e opposizioni; nel frattempo gli italiani, incerti e impauriti, stanno a chiedersi come sia potuto succedere e si interrogano sul perché non si siano fermati tutti i festeggiamenti del ferragosto, indecisi tra il credere o meno...

Numeri e mistero: alla scoperta di Cervinara

La passione per il mistero e per i numeri sembra essere una delle più antiche. Da sempre l'essere umano osserva i numeri e con il fiato sospeso attende la sorte. Dalle nostre parti il filo rosso tra mistero e numeri è molto molto conosciuto. E se si potesse andare alla scoperta di un luogo dove i numeri...

Governo pensa al ritiro immediato della patente per chi viene trovato al cellulare mentre guida

Il ministro dei Trasporti Danilo Toninelli pensa al "ritiro immediato della patente" per chi viene sorpreso a utilizzare il cellulare mentre è alla guida. La misura si inserisce nel quadro di un "ragionamento sull'inasprimento delle sanzioni" per queste tipologie di violazione del codice della strada...