Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 8 minuti fa S. Policarpo vescovo

Date rapide

Oggi: 23 febbraio

Ieri: 22 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico Costiera Amalfitana

Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Vi. Pa. Alberghi Ravello, Hotel Giordano, Villa Maria, Villa Eva Prima Cotta, Caseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAOfferta Granato Caffè a cialde con macchina FrogMaurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniHotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: PoliticaPrivatizzazione di Poste Italiane, il deputato salernitano Franco Mari (AVS) boccia l'operazione del Governo

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Politica

Poste italiane, Governo , politica

Privatizzazione di Poste Italiane, il deputato salernitano Franco Mari (AVS) boccia l'operazione del Governo

Dopo ben due interpellanze, in Commissione Lavoro, per convincere il Governo ad includere quello dei portalettere tra i lavori usuranti, ora l’attenzione del parlamentare salernitano si concentra sull’annunciata privatizzazione della società, di cui lo Stato detiene quasi il 65% delle azioni

Inserito da (Redazione Costa d'Amalfi), giovedì 1 febbraio 2024 12:30:02

Poste Italiane ancora nel mirino del deputato di Alleanza Verdi e Sinistra (AVS), FrancoMari.

Dopo ben due interpellanze, in Commissione Lavoro, per convincere il Governo ad includere quello dei portalettere tra i lavori usuranti, ora l'attenzione del parlamentare salernitano si concentra sull'annunciata privatizzazione della società, di cui lo Stato detiene quasi il 65% delle azioni. Nel question time alla Camera, il ministro dell'Economia e delle Finanze, Giancarlo Giorgetti, ha risposto a Mari confermando, di fatto, tutte le preoccupazioni espresse nell'interrogazione. Stando a quanto dichiarato dal titolare del Mef, se pure la quota pubblica dovesse andare sotto il 50%, cosa ormai certa, ciò non pregiudicherà il controllo dello Stato sulla società. Non è così, ha replicato al Ministro il deputato. Secondo il quale siamo evidentemente di fronte ad una vera e propria svendita, con rischi concreti per l'occupazione. Sono infatti ben 120mila i dipendenti di Poste Italiane e proprio in queste ore tutte le organizzazioni sindacali di categoria hanno lanciato una mobilitazione e iniziative di lotta per fermare la privatizzazione.

"Poste Italiane non è un'azienda qualsiasi - ha ricordato il parlamentare salernitano a Giorgetti - è, insieme al sistema sanitario, al sistema scolastico e al trasporto pubblico, una fondamentale infrastruttura sociale del nostro Paese".

L'ufficio postale, infatti, è una presenza dello Stato anche in piccole frazioni dove non c'è la caserma dei carabinieri o l'ufficio decentrato del Comune. E la raccolta dei piccoli risparmi degli italiani viene fatta fisicamente negli uffici postali. C'è bisogno di fiducia per portare i soldi a qualcuno. E se quel qualcuno non è più lo Stato è facile che si riduca anche la fiducia.

"È una scelta miope - ha ribadito il deputato di Alleanza Verdi e Sinistra - perché la dismissione del 20% di Poste potrebbe forse generare un incasso di 2,7 miliardi di euro, ma significherebbe perdere circa 260 milioni di euro annui di dividendi, con una perdita evidente e senza alcun vantaggio per la riduzione del debito pubblico. Ed è anche una scelta debole perché subalterna all'Europa, dove la premier Meloni aveva detto che non avrebbe fatto accordi al ribasso, battendo se necessario i pugni sul tavolo nell'interesse nazionale. Invece queste svendite sono proprio l'effetto del ripristino del Patto di Stabilità, accettato anche dall'Italia senza colpo ferire. E proprio per provare a evitare probabili sanzioni si avvia un piano di privatizzazioni che prevede la cessione di quote di Eni, Poste Italiane e persino Ferrovie dello Stato. Cos'altro possiamo aspettarci - ha chiesto Mari al ministro dell'Economia e delle Finanze - da una riduzione della presenza pubblica in società che operano in settori strategici come Enav, Enel, Eni e Leonardo, se non una ulteriore difficoltà per la nostra economia, anche a stare dentro la crisi delle maggiori economie europee. In pratica si smontano settori strategici, dopo aver già ceduto la rete telefonica, con la svendita di Tim a Kkr, e quella autostradale".

Mari, infine, ha accusato il Governo di affrontare le spese dello Stato usando sempre i soliti strumenti.

"La fiscalità generale, sempre più iniqua grazie a condoni e flat tax; il debito pubblico, tanto pagheranno sempre i soliti noti, cioè i lavoratori dipendenti; la vendita del patrimonio pubblico, come in questo caso, sebbene abbia sempre prodotto risultati pessimi per l'occupazione e per la qualità dei servizi. Anche questo Governo, insomma, perfettamente in linea con i precedenti, si rifiuta di guardare all'unica possibilità che abbiamo, cioè la tassazione della ricchezza, il recupero dell'evasione fiscale e il ritorno degli extraprofitti nelle tasche delle famiglie che hanno pagato in questi anni più del dovuto, soprattutto per le forniture energetiche", ha concluso Mari.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Privatizzazione di Poste Italiane, il deputato salernitano Franco Mari (AVS) boccia l'operazione del Governo
Privatizzazione di Poste Italiane, il deputato salernitano Franco Mari (AVS) boccia l'operazione del Governo

rank: 100817107

Politica

Cava de’ Tirreni, firmato protocollo d'intesa per il "Controllo del Vicinato" proposto da "La Fratellanza"

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa a firma de "La Fratellanza" sul protocollo d'intesa per il "Controllo del Vicinato", che regolamenta la possibilità che i cittadini siano parte attiva e collaborativa per un più capillare controllo del proprio vicinato ed essere un forte deterrente contro...

Danni maltempo nel Salernitano, Governo Meloni stanzia altri 9 milioni per l'avvio di interventi urgenti

"Il Governo Meloni conferma la sua attenzione verso la provincia di Salerno. Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro per la Protezione Civile Nello Musumeci, ha deliberato infatti lo stanziamento di altri 9 milioni di euro (esattamente 8.900.00 euro) come ulteriore finanziamento per l'avvio...

Salerno, assolto Piero De Luca: la Procura aveva chiesto due anni al figlio del governatore

Piero De Luca può tirare un sospiro di sollievo. Il deputato del Pd e figlio del governatore Vincenzo De Luca è stato assolto dall'accusa di bancarotta della Ifil, società legata a Mario Del Mese, nipote dell'ex deputato Udeur Paolo. La decisione, come scrive il quotidiano "Il Mattino", è stata presa...

Reddito di Cittadinanza, dati Inps rivelano quanto ha dilapidato lo Stato: Campania prima per percettori

Il documento rilasciato dall'Osservatorio dell'Inps ha reso noti dettagli sul Reddito di Cittadinanza, simbolo del partito, che ha comportato una spesa complessiva di oltre 34,5 miliardi di euro, con 1.121.690 famiglie beneficiarie per un importo medio di 540,38 euro al mese. In particolare, la Campania...

Meloni a Schlein: «Pd prenda le distanze da De Luca». Lui chiede un confronto pubblico con la premier

«"Imbecilli, farabutti, delinquenti politici". Con questa elaborata analisi il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, appella il Governo per illustrare la sua posizione sui fondi di coesione». Lo scrive in una nota la premier Giorgia Meloni, intertenendo sulle recenti dichiarazioni del...

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.