Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 21 ore fa S. Costanzo patrono di PG

Date rapide

Oggi: 29 gennaio

Ieri: 28 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Pasticceria Sal De Riso, capolavori di dolcezza realizzati in Costa d'Amalfi Pasticceria Pansa dal 1830 tutta la dolcezza di Amalfi Offerta Granato Caffè a cialde con macchina FrogHotel Villa Romana Hotel & SPA sulla Costa d'Amalfi a MinoriMaurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a Maiori

Tu sei qui: Storia e StorieScheletri giganti a Cava de' Tirreni: il gruppo Cava Storie ricorda i rinvenimenti

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Storia e Storie

Cava de' Tirreni, storia, archeologia, rinvenimento, territorio

Scheletri giganti a Cava de' Tirreni: il gruppo Cava Storie ricorda i rinvenimenti

Svariate sono le notizie di ritrovamenti di antichi sepolcri sul territorio cavese tramandati e scritti da storici e ricercatori. Tra queste spiccano due curiose scoperte che ci riferiscono il dott. Agnello Polverino (fine del XVII sec. - metà del XVIII sec.) e il Canonico Andrea Carraturo (17 agosto 1739 - 17 aprile 1807)

Inserito da (Redazione Costa d'Amalfi), lunedì 22 novembre 2021 14:10:09

Il gruppo "Cava storie", che ha lo scopo di far conoscere a grandi e piccini le bellezze di Cava de' Tirreni e dintorni, specie quelle di cui poco si parla, ha deciso di riportare all'attenzione della cittadinanza la vicenda dei rinvenimenti di sarcofagi e ossa gigantesche di uomini nell'antico territorio cavese.

«Svariate sono le notizie di ritrovamenti di antichi sepolcri sul territorio cavese tramandati e scritti da storici e ricercatori. Tra queste spiccano due curiose scoperte che ci riferiscono il dott. Agnello Polverino (fine del XVII sec. - metà del XVIII sec.) e il Canonico Andrea Carraturo (17 agosto 1739 - 17 aprile 1807). I rinvenimenti parlano di sarcofagi e ossa gigantesche di uomini. Il Polverino, nel suo "Descrizione istorica della città fedelissima della Cava" volume I (pag. 76), riporta la scoperta a Vietri sul Mare (allora territorio De La Cava). I padri di S. Antonio stavano per costruire un magazzino nei pressi della chiesa e ritrovarono: "molte urne di smisurata grandezza, con proporzionate lucerne; in una delle quali conservavansi ossa umane senza teschio, di mole, e vastezza gigante". Le ossa furono conservate, nello stesso Convento, per diversi anni sotto il controllo dei "Reverendi Maestri Francesco Antonio di Teuta, e Domenico Coppola". Le stesse, vennero poi "bruggiate da un Laico scrupoloso" perché credute "ossa d'uomini gentili". Il rinvenimento venne testimoniato al Polverino dai dottori Giuseppe Tajano e Antonio Cantarella. Il Carraturo, invece, riporta un altro ritrovamento nel suo "Ricerche storico-topografiche della Città e territorio della Cava". Al tomo I (pag. 79) ci rimanda al rinvenimento di un sepolcro con corpi "giganteschi" che vennero trovati, nel 1726, sopra Pregiato verso la zona di San Giuseppe al Pennino. Nel testo dice: "E singolare, senza meno, fu quello che si scoprì nel 1726 sopra Priato, verso il Pennino. Era questo un sepolcro forse gentilizio, o comune, poiché conteneva dodici cadaveri giganteschi, riposti in dodici colombaie, o siano nicchie laterizie, disposte orizzontalmente sul pavimento, in figura orbicolare, con nel centro un vaso lacrimatoio, o (come altri chiamano) da profumi". Continua la descrizione dicendo che ogni nicchia conteneva una lucerna di terracotta e "un'olla" con all'interno una moneta ed "un chiodo, ossia smoccolatoio" per le lucerne suddette. Dove siano questi corpi del secondo ritrovamento o il sepolcro non è in nostra conoscenza. Per un legame ad un ritrovamento analogo, avvenuto in Milano, si può riportare quello dei corpi di San Gervasio e Protasio ad opera di Sant'Ambrogio. Nelle sue "Epistole, X, 77" scrive: "Trovammo due uomini di straordinaria statura, com'erano quelli dei tempi antichi". C'è da dire che, almeno per quanto riguardo i corpi dei due santi, le attuali ricerche hanno evidenziato che erano alti tra 1.80 e 1.85 m. Al di sopra della media del tempo come, probabilmente, quelli di Pregiato e di Vietri».

Foto: Cava Storie, immagine assolutamente indicativa.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Giornata della Memoria, il 27 gennaio si ricordano le vittime della Shoah

Sono trascorsi 78 anni dall'apertura dei cancelli di Auschwitz. Il 27 gennaio 1945 le truppe sovietiche della 60ª Armata del maresciallo Ivan Konev arrivarono per prime presso la città polacca di Oświęcim (in tedesco Auschwitz). Lì vicino individuarono il campo di concentramento e ne liberarono i superstiti:...

Gioia ad Avellino, 50enne diventa mamma dopo due aborti e otto fecondazioni fallite

Crederci sempre, non mollare mai. E' l'insegnamento trasmesso da Barbara Caramico, diventata mamma a 50 anni dopo due aborti e otto tentativi di fecondazione assistita falliti. Come riporta Fanpage, la donna, insieme al marito Fabio De Luca, si è rivolta a Clinica Malzoni di Avellino. La coppia, lei...

Cava de’ Tirreni, 28 dicembre si presenta il calendario dedicato all'opera di Mamma Lucia

Si terrà mercoledì 28 dicembre alle ore 18.30, nella chiesa di San Giacomo in Corso Umberto I 106 a Cava de' Tirreni (più nota a tutti come Chiesa di Mamma Lucia), un incontro con i curatori del calendario di beneficenza 2023 dedicato a "La Battaglia di Cava de' Tirreni e l'opera di Mamma Lucia. 1943-2023"....

Seconda guerra mondiale: l'Associazione Salerno 1943 rinviene resti di due soldati tedeschi

Sono stati rinvenuti dall'Associazione Salerno 1943 i resti di due soldati tedeschi riconducibili al secondo conflitto mondiale. L'identificazione è stata resa possibile attraverso il ritrovamento dell'equipaggiamento e di elementi della buffetteria in dotazione alla Wehrmacht. Sono emersi, inoltre,...

Bellizzi piange Franco Leo, il 53enne tetraplegico morto dopo aver coronato il sogno della maratona di New York

Il cuore di Franco Leo ha smesso di battere dopo aver coronato il suo sogno. Il 53enne, tetraplegico dalla nascita, di Bellizzi, durante il primo lockdown, aveva chiesto al fratello Dario di spingere la sua carrozzina e partecipare alla maratona di New York. Quel sogno è diventato realtà pochi giorni...

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.