Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 7 minuti fa S. Eusebio vescovo

Date rapide

Oggi: 12 agosto

Ieri: 11 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Acquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De RisoHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriConnectivia, Internet Service Provider in fibraCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: Storia e StorieDostoevskij “censurato” all’Università di Milano

Cardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Storia e Storie

Milano, Università, Storia, Arte, Cultura, Russia

Dostoevskij “censurato” all’Università di Milano

Giuseppe Aletti: «E’ da condannare la guerra non la cultura russa»

Scritto da (Admin), domenica 6 marzo 2022 17:31:11

Ultimo aggiornamento domenica 6 marzo 2022 17:31:11

«Non solo essere un russo vivente oggi è una colpa in Italia, ma anche essere un russo morto». Così lo scrittore parmigiano, Paolo Nori, trattenendo a stento le lacrime, aveva denunciato, pochissimi giorni fa, che l'Università "Bicocca" di Milano ha rinviato un corso che lo stesso Nori doveva tenere sui romanzi del celebre romanziere e filosofo russo Fedor Dostoevskij (1821-1881), per «evitare ogni forma di polemica in quanto momento di forte tensione» alla luce della guerra in Ucraina. «Dostoevskij - aggiunge Paolo Nori - fu condannato persino a morte perché aveva letto una cosa proibita».

A commentare l'episodio, anche il poeta, editore e formatore Giuseppe Aletti, titolare della omonima casa editrice ed animatore di una tra le più esclusive comunità letterarie italiane da quasi trent'anni. «Credo che nessuno nella nostra comunità o in qualsiasi altra comunità letteraria possa, anche lontanamente, giustificare l'invasione armata dell'Ucraina. E, sicuramente, nessuno ne dedurrà indulgenza o redenzione da alcuni seminari riguardanti autori russi. Ma censurare Dostoevskij non ci rende più civili, anzi. E quale sarebbe il prossimo passo? Evitare qualsiasi iniziativa pubblica sulla letteratura russa?».

Il maestro Giuseppe Aletti, ideatore due anni fa di un concorso internazionale dedicato proprio al noto autore russo, si dice sconcertato da questo episodio. Il premio è suddiviso in diverse sezioni: "Narrativa"; "Saggio o tesi di laurea"; "Teatro"; "Poesia"; "Sezione Aletti Editore"; "Musica"; Premio "Faretra".

«Quando ho indetto il concorso dedicato a questo autore immenso - afferma Aletti - sapevo di andare incontro a inutili polemiche strumentali. Vorrei farvi leggere alcuni commenti sotto i post pubblicitari dove facciamo conoscere di anno in anno questa prestigiosa manifestazione. I leoni da tastiera - racconta l'ideatore del primo ed unico paese della Poesia in Italia - sfogano le proprie frustrazioni contro tutti, per cui non c'è da preoccuparsi, fanno parte del folclore della rete. Tuttavia - aggiunge il poeta e critico letterario romano ma calabrese di origine -mai avrei voluto leggere una sorta di tentata censura preventiva.Sono tempi preoccupanti per il pensiero divergente, di cui siamo portatori da sempre. Ciò che dobbiamo condannareè la guerra non la cultura russa, che come ogni cultura ha molto da comunicare e da condividere». E Aletti si sofferma proprio sull'importanza della cultura, che, a volte, «può essere addirittura temuta per la forza dirompente che può scatenare».

Mai arrendersi, dunque. «Spero che il putiferio scatenato, eviti altri scivoloni del genere in futuro. Questo dimostra, però, quanto sia importante quello che facciamo. E alla Aletti lo sappiamo bene. Non si contano le volte che politici locali e amministrazioni miopi si siano opposte o hanno reso difficoltose le nostre iniziative. Ma - conclude Aletti - non dobbiamo demordere. È il naturale percorso dell'uomo di cultura che davvero riesce a trafiggere l'animo umano».

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

A Vietri sul Mare una vita spezzata troppo presto: incredulità e dolore per la morte di Francesca Senatore

La comunità di Vietri sul Mare è sconvolta per la morte di Francesca Senatore. La 35enne di Raito (il prossimo 27 settembre avrebbe compiuto 36 anni) si è spenta questa mattina dopo aver combattuto contro una malattia che non le ha lasciato scampo. La notizia sta generando grande commozione nella Città...

Palermo, trent'anni fa la strage di via D'Amelio e la morte di Paolo Borsellino

"Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola". Oggi ricorre il trentesimo anniversario della strage di via D'Amelio con cui la mafia, il 19 luglio 1992 a Palermo, assassinò il giudice Paolo Borsellino e i cinque poliziotti della sua scorta: Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli,...

Si è spenta a 78 anni Maria Rosaria Gambino, madre dell'ex Sindaco di Pagani

Pagani piange la scomparsa di Maria Rosaria Gambino, nata Ruggiero-Zitan. Aveva 78 anni. Ne danno il triste annuncio il marito Antonio, i figli Alberico (ex Sindaco di Pagani), Rosalba, Gaetano e Teresa, la sorella Giulia, la nuora Rossella Campitiello, il genero Ciro Tortora, i cognati le cognate, i...

Lutto a Cava de' Tirreni, si è spento il signor Alfonso Civetta

Lutto a Cava de' Tirreni. E' mancato all'affetto dei suoi cari, all'età di 83 anni, il signor Alfonso Civetta. Ne danno il triste annuncio i figli Luisa, Anna e Paolo (presidente dei Comitati Uniti per la difesa dell'Ospedale di Cava de' Tirreni e il diritto alla salute e la vita; vedi foto), i generi...

Cava de' Tirreni, dolore e incredulità per morte di Francesco Cozzolino

A Cava de' Tirreni sono ancora in tanti a non voler credere a quanto accaduto. Un'intera comunità oggi, 4 luglio, è segnata dall'improvvisa scomparsa di Francesco Cozzolino. Giovane dal carattere gentile e benvoluto da tutti, Francesco era proprietario di un negozio di biancheria. Incredulità e sgomento...

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.