Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 2 giorni fa S. Pietro Eymard sac.

Date rapide

Oggi: 26 febbraio

Ieri: 25 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico Costiera Amalfitana

Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Vi. Pa. Alberghi Ravello, Hotel Giordano, Villa Maria, Villa Eva Prima Cotta, Caseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Maurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniHotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: Storia e StorieDostoevskij “censurato” all’Università di Milano

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Storia e Storie

Milano, Università, Storia, Arte, Cultura, Russia

Dostoevskij “censurato” all’Università di Milano

Giuseppe Aletti: «E’ da condannare la guerra non la cultura russa»

Inserito da (Admin), domenica 6 marzo 2022 17:31:11

«Non solo essere un russo vivente oggi è una colpa in Italia, ma anche essere un russo morto». Così lo scrittore parmigiano, Paolo Nori, trattenendo a stento le lacrime, aveva denunciato, pochissimi giorni fa, che l'Università "Bicocca" di Milano ha rinviato un corso che lo stesso Nori doveva tenere sui romanzi del celebre romanziere e filosofo russo Fedor Dostoevskij (1821-1881), per «evitare ogni forma di polemica in quanto momento di forte tensione» alla luce della guerra in Ucraina. «Dostoevskij - aggiunge Paolo Nori - fu condannato persino a morte perché aveva letto una cosa proibita».

A commentare l'episodio, anche il poeta, editore e formatore Giuseppe Aletti, titolare della omonima casa editrice ed animatore di una tra le più esclusive comunità letterarie italiane da quasi trent'anni. «Credo che nessuno nella nostra comunità o in qualsiasi altra comunità letteraria possa, anche lontanamente, giustificare l'invasione armata dell'Ucraina. E, sicuramente, nessuno ne dedurrà indulgenza o redenzione da alcuni seminari riguardanti autori russi. Ma censurare Dostoevskij non ci rende più civili, anzi. E quale sarebbe il prossimo passo? Evitare qualsiasi iniziativa pubblica sulla letteratura russa?».

Il maestro Giuseppe Aletti, ideatore due anni fa di un concorso internazionale dedicato proprio al noto autore russo, si dice sconcertato da questo episodio. Il premio è suddiviso in diverse sezioni: "Narrativa"; "Saggio o tesi di laurea"; "Teatro"; "Poesia"; "Sezione Aletti Editore"; "Musica"; Premio "Faretra".

«Quando ho indetto il concorso dedicato a questo autore immenso - afferma Aletti - sapevo di andare incontro a inutili polemiche strumentali. Vorrei farvi leggere alcuni commenti sotto i post pubblicitari dove facciamo conoscere di anno in anno questa prestigiosa manifestazione. I leoni da tastiera - racconta l'ideatore del primo ed unico paese della Poesia in Italia - sfogano le proprie frustrazioni contro tutti, per cui non c'è da preoccuparsi, fanno parte del folclore della rete. Tuttavia - aggiunge il poeta e critico letterario romano ma calabrese di origine -mai avrei voluto leggere una sorta di tentata censura preventiva.Sono tempi preoccupanti per il pensiero divergente, di cui siamo portatori da sempre. Ciò che dobbiamo condannareè la guerra non la cultura russa, che come ogni cultura ha molto da comunicare e da condividere». E Aletti si sofferma proprio sull'importanza della cultura, che, a volte, «può essere addirittura temuta per la forza dirompente che può scatenare».

Mai arrendersi, dunque. «Spero che il putiferio scatenato, eviti altri scivoloni del genere in futuro. Questo dimostra, però, quanto sia importante quello che facciamo. E alla Aletti lo sappiamo bene. Non si contano le volte che politici locali e amministrazioni miopi si siano opposte o hanno reso difficoltose le nostre iniziative. Ma - conclude Aletti - non dobbiamo demordere. È il naturale percorso dell'uomo di cultura che davvero riesce a trafiggere l'animo umano».

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Dostoevskij “censurato” all’Università di Milano
Dostoevskij “censurato” all’Università di Milano

rank: 108311109

Storia e Storie

Gli anni ottanta di Amalfi, Atrani, Ravello e Scala nelle fotografie di Keld Helmer-Petersen

di Cava Storie Keld Helmer-Petersen (1920-2013) è stato un fotografo danese che ebbe buon successo in patria e in ambito internazionale, grazie alle foto a colori realizzate intorno la metà del Novecento. Il percorso iniziale di Helmer-Petersen fu da semplice autodidatta, in seguito si cimentò con lo...

La Moda Positano degli anni ’50 negli scatti di Hermann Landshoff: le foto d’archivio di Cava Storie

Di Aniello Ragone Gli anni Cinquanta del secolo scorso furono fondamentali per la rinascita di molti stati europei. Archiviato il decennio precedente, quello della Seconda guerra mondiale, si pensò a rilanciare la vita economica e sociale di ogni nazione. Tra i settori in via di sviluppo, il turismo...

La scomparsa di Nina Farano Fortin, la “sposa bambina” del dopoguerra originaria di Cava de' Tirreni

A ottantanove anni, si è spenta nella sua casa di Fallbrook in California Nina Farano Fortin, la "sposa bambina", cavese d'America e americana di Cava. Ha avuto appena due mesi per godersi il piacere di vedere la sua storia pubblicata su quel libro che aveva sempre sognato. Ma quel libro, "Nina" (una...

Alluvione 1954, quando la scimmia Cita salvò una famiglia di Molina di Vietri sul Mare: il racconto di "Cava storie"

La terribile alluvione, che nella notte tra il 25 e il 26 ottobre del 1954 sconvolse la Provincia di Salerno, provocò ben 318 morti. Queste centinai di vittime vennero registrate tra i comuni di: Maiori, Vietri sul Mare, Cava de' Tirreni e Salerno. In quella "malanotte" avvennero anche dei salvataggi...

Il Lions Club Cava-Vietri incontra l’archivio storico del Banco di Napoli

Come si svolgevano i rapporti commerciali nei territori meridionali tra il XVI e il XVII secolo? Chi comprava? Chi vendeva? Cosa si comprava? Cosa si vendeva? Quali erano i rapporti economici prevalenti e chi ne erano i protagonisti? Molte risposte a queste domande sono contenute nell'Archivio storico...

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.