Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Giovanni da Cap.

Date rapide

Oggi: 23 ottobre

Ieri: 22 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniSportGiro d’Italia, perché il Sud non è mai protagonista?

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoCentro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Sport

Sport, Sud Italia, Ciclismo

Giro d’Italia, perché il Sud non è mai protagonista?

Sempre meno tappe della Corsa Rosa si corrono al Sud: per quali motivi?

Scritto da (admin), lunedì 18 maggio 2015 07:59:25

Ultimo aggiornamento mercoledì 2 gennaio 2019 21:21:58

Con la tappa Benevento - San Giorgio del Sannio il Giro d'Italia 2015 ha toccato ieri il punto più a Sud dello Stivale. Il giorno di riposo, oltre che a permettere alla Carovana Rosa di spostarsi verso Civitanova Marche ed ai corridori di rifocillarsi, può essere utilizzato per lasciare spazio alle riflessioni. E' evidente, ormai, che negli ultimi anni la principale corsa ciclistica del Paese sta diventando sempre meno generosa con il Meridione: sono veramente poche le tappe che si disputano da Roma in giù e ciò alimenta non poche polemiche, tant'è che c'è chi si affretta a mettere in discussione il concetto stesso di Giro d'Italia. Onde evitare di parlare per partito preso, può tornare utile provare a capire qualcosa in più su come viene organizzato l'evento.

Le grandi salite sono al Nord

La maggior parte degli italiani "scopre" il ciclismo solo a maggio e, ciclicamente, a luglio quando qualche atleta nostrano si rende protagonista al Tour De France, come accaduto un anno fa con Vincenzo Nibali. Chi non segue abitualmente questo sport, quindi, non conosce un aspetto fondamentale delle corse di tre settimane: sono le salite a decidere la classifica generale di un Giro, di un Tour o di una Vuelta. La Corsa Rosa ha un suo appeal proprio perché in Italia ci sono alcune delle asperità più importanti della storia del ciclismo. E' un fatto geografico che siano collocate al Nord, sulle Alpi, e non al Sud. Al Meridione ci sono diverse montagne "appetibili" che, quasi ogni anno, ospitano comunque un arrivo nella prima settimana. Esse, però, non hanno le pendenze del Mortirolo, del Colle delle Finestre, delle Tre Cime di Lavaredo, dello Zoncolan, eccetera eccetera. Solo sulle Alpi si trovano salite con grandi difficoltà altimetriche e lunghezze importanti, tutte vicine tra loro: il c.d. tappone è quello che, generalmente, mette insieme 3-4 scalate in un unico giorno. Considerando che un Giro che si rispetti necessita di almeno 4-5 arrivi in salita, o comunque di un numero importante di tappe con ascese di difficoltà elevata, per un fatto logistico devono necessariamente svolgersi al Nord almeno 7-8 frazioni. Il Giro d'Italia si compone di 21 tappe ed una buona parte di esse, sostanzialmente, finisce per svilupparsi quasi sempre negli stessi posti. Va aggiunto, poi, che accaparrarsi la partenza di una grande Giro è un fatto di prestigio e, non a caso, molto spesso addirittura alcune edizioni iniziano dall'estero, in Paesi che non hanno una manifestazione analoga. Quando questo accade, le tappe "disponibili" per il Sud diventano ancora meno.

Tutti vogliono ospitare il Giro

Fatte le dovute premesse di carattere geografico e tecnico, si può ragionare sull'aspetto mediatico ed economico della competizione: il dio denaro, che piaccia o no, si è ormai appropriato anche di questo sport. Gli eventi principali sono trasmessi in diretta mondiale: le partenze di tappa e soprattutto gli arrivi sono eventi molto gettonati perché, in pratica, consentono alla città o al territorio ospitante di godere di una visibilità internazionale, con le immagini che entrano nelle case di appassionati in tutto il mondo. Ogni tappa viene assegnata sulla base di un lavoro posto in essere da un comitato che mobilita gente e, soprattutto, soldi. Molte volte, per far sì che il Giro d'Italia arrivi o parta da una località che ambisce ad essere città di tappa, occorre lavorare per anni. La concorrenza è agguerrita ed è alquanto singolare che al Sud, dove questo sport non è praticato come al Nord, a nessuno interessi la portata pubblicitaria offerta da una vetrina del genere. Regioni come la Campania, la Puglia, la Calabria e la Sicilia, che potrebbero essere le "Baviera del Turismo", dovrebbero battagliare per aggiudicarsi appuntamenti di questo tipo per autopromuoversi. Invece, purtroppo, continuano a vivere molto spesso dell'arte dell'arrangiarsi e di clientela politica più o meno rientrante nei confini della legalità. Altrove, nel frattempo, sfruttano le occasioni e fanno il contrario, attraverso l'impegno e la lungimiranza di amministratori pubblici ed imprenditori che in qualche modo hanno capito il vero significato del "gioco". Poi, come sempre accade al Sud, una volta che si rimane indietro e ci si stente tagliati fuori, parte il solito vittimismo privo di costrutto che porta a puntare il dito sugli "altri", fin quando il ferro è caldo: finito il Giro, a nessuno frega più niente.

Allora chi ha ragione?

Le colpe sono un po' di tutti anche se, considerando gli aspetti logistici illustrati e quelli economici ormai primari, è bene rendersi conto che i tempi dei ciclisti che correvano sugli sterrati portando le bici in spalla sono finiti da un pezzo. Volendo anche tralasciare lo stato pietoso di molte strade che attraversano il Sud, è evidente che molto spesso i pochi appassionati, da soli, non hanno la forza di portare il Giro d'Italia nel proprio territorio se non supportati politicamente e dal tessuto economico-produttivo. E' inutile girarci intorno: se non prende piede l'idea che la Corsa Rosa è diventata una cartolina che si regge, come ogni grande evento, grazie agli investimenti di chi è interessato a che si realizzi, la situazione non cambierà mai.

(In foto: la maglia rosa Alberto Contador ed il vincitore di ieri, Paolo Tiralongo - Fonte: Lapresse.it)

Galleria Fotografica

rank:

Sport

Cava de' Tirreni: a Santa Lucia il campo sportivo intitolato ad "Alfonso po po po"

Nella giornata di ieri, 20 ottobre, con una cerimonia semplice, ma intensa e partecipata, è stato intitolato il campo sportivo comunale della frazione Santa Lucia, ad Alfonso Senatore, conosciuto come Po PoPo. A scoprire la targa, dopo la benedizione del parroco don Beniamino D'arco, il sindaco Vincenzo...

Cavese frenata dalla Casertana: il derby campano finisce senza reti

Finisce senza reti Cavese-Casertana, il derby campano disputatosi ieri sera allo stadio "Romeo Menti" di Castellammare di Stabia. Gli aquilotti di mister Campilongo, reduci dalla sofferta vittoria in trasferta contro il Rende, non riescono a dare continuità alle vittorie, accontentandosi di un pari che...

I tifosi della Cavese omaggiano Melissa La Rocca, la studentessa morta a scuola a 16 anni

Anche i tifosi della Cavese ricordano Melissa La Rocca, la studentessa 16enne deceduta lunedì scorso, durante le lezioni, nella sua classe dell'istituto Genovesi-Da Vinci di Salerno, davanti all'insegnante e ai compagni. Ieri sera, durante la partita benefica giocata al "Simonetta Lamberti" per la piccola...

Cava de' Tirreni: domani partita benefica per la piccola Miriam [PROGRAMMA]

Si terrà domani, venerdì 18 ottobre, la gara di solidarietà per Miriam Corsini, la bimba cavese di 6 anni affetta da una cardiopatia congenita complessa. A sfidarsi allo stadio "Simonetta Lamberti", con fischio d'inizio alle 18:30, saranno la Cavese e gli Ultras Curva Sud "Catello Mari". Il ricavato...

Il Cava Basket ricomincia con una vittoria: battuta la Virtus Curti al fotofinish

È iniziata con il piede giusto la stagione del Cava Basket. Dopo aver osservato il turno di riposo, nella prima giornata della serie C Silver Campana, la compagine del presidente Emilio Maddalo, domenica 13 ottobre, ha esordito, espugnando al fotofinish, con il punteggio di 53-54, l'ostico campo della...