Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 12 ore fa S. Ireneo martire

Date rapide

Oggi: 15 dicembre

Ieri: 14 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Sottocosto di Natale da Euronics a Maiori e Positano alla Bottega di Capone

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2017 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle feste Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Ristorante Pizzeria Al Valico di Tramonti - Ristorante Al Valico di Chiunzi Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniAttualitàI Patti Lateranensi ed il Nuovo Concordato

La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Associazione Giornalisti Lucio Barone, Cava dei Tirreni e Costa d'Amalfi Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore Ristorante Pizzeria Al Valico di Chiunzi a Tramonti in Costiera Amalfitana, Pizza a Metro, Camere e Colazione, Ospitalità B&B in Costa d'Amalfi Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana AB Tech Informatica - La soluzione ai tuoi problemi di Information Technology - Web - Hosting - Server - Home Office e Personal Computer Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi Booble Italia - Notizie virali, senza virus, senza interferenze. La notiza dalla parte del lettore

Attualità

I Patti Lateranensi ed il Nuovo Concordato

Scritto da Livio Trapanese (admin), giovedì 10 settembre 2009 00:00:00

Ultimo aggiornamento giovedì 10 settembre 2009 00:00:00

I media, recentemente, carpendo qualche “poca attenta dichiarazione” da parte di esponenti politici nei confronti della Chiesa, hanno posto l’accento sui rapporti Stato-Chiesa, ovvero Governo-Chiesa. Noi non osiamo entrare nel merito, anche perché sembra che le “cose” siano tornate al loro posto, ma vogliamo che si sappia quanto è stato non facile addivenire prima ai Patti Lateranensi e poi al Nuovo Concordato fra Stato e Chiesa.

La storia ci ricorda che era l’11 febbraio 1929 quando a Roma, nel palazzo di San Giovanni in Laterano, i rappresentanti dello Stato italiano, nella persona del Primo Ministro, Cavaliere Benito Mussolini, e della Chiesa, rappresentata dal Cardinale Pietro Gasparri, s’incontrarono per la firma dei Patti Lateranensi, dai quali “scaturì”, ufficialmente, il più piccolo paese del mondo: lo Stato della “Città del Vaticano”, a capo del quale vi era Papa Pio XI.

L’Italia, a differenza delle altre Nazioni, dovette risolvere il problema dei rapporti con la Chiesa di Roma. Tale esigenza, già sentita sin dai primi del ‘900, aveva spinto i liberali a muovere timidi tentativi riconciliatori, ma visto che la “Questione Romana” era materia molto delicata, tutti temevano di “scottarsi le dita”.

Le vecchie ruggini tra il nostro Stato e la Chiesa incominciarono a dissolversi proprio con la prima guerra mondiale. Negli oltre 50 anni dall’entrata dei bersaglieri a Roma, molte ostilità si erano stemperate e fu proprio la Chiesa a capacitarsi che i tempi erano maturi per cui andava risolta la questione romana. La ferita apertasi nel 1870 doveva essere ineluttabilmente sanata e per il Vaticano era giunta l’ora di ritagliarsi un confine giuridico, ovvero un lembo di terra nello Stato italiano, in cui svolgere le proprie funzioni.

Per la firma dell’accordo fu scelta la data dell’11 febbraio 1929, quale ricorreva dell’apparizione di Nostra Signora di Lourdes. I Patti vennero articolati in tre atti:
1. Il Trattato, col quale la Santa Sede riconosceva la sovranità dello Stato italiano e Roma capitale. Lo Stato italiano, dal canto suo, riconosceva la sovranità pontificia sulla Città del Vaticano.
2. La Convenzione finanziaria, a mezzo della quale venne stabilita la somma risarcitoria che lo Stato doveva versare (a titolo d’indennità) alla Chiesa, per l’occupazione dello Stato Pontificio.
3. Il Concordato, destinato a regolare i rapporti tra Stato e Chiesa, conferiva effetti civili al matrimonio religioso, garantiva l’autonomia dell’Azione Cattolica nell’educazione dei giovani e proclamava la dottrina cattolica “fondamento e coronamento dell’istruzione pubblica”, ampliandone l’insegnamento anche nelle scuole secondarie.

Con la firma dei Patti Lateranensi, il Governo del tempo, ovviamente quello fascista, ottenne un’importante affermazione politica: il suo riconoscimento da parte della Chiesa Cattolica. L’opinione pubblica riconobbe in Benito Mussolini “l’uomo della Provvidenza” od il “solutore” dell’annoso dissidio tra Stato italiano e Chiesa, mai affrontato prima, con decisione, dai politici liberali. Papa Pio XI, il 13 febbraio 1929, commentando i Patti Lateranensi, disse: “Siamo stati nobilmente assecondati, forse ci voleva un uomo come quello che la Provvidenza ci ha fatto incontrare, un uomo che non avesse le preoccupazioni della scuola liberale (Mussolini)”.

Con riguardo all’autonomia delle Associazioni Cattoliche, ritenute fucine di democrazia e di critica, non si può non sottolineare che non mancarono attriti e tensioni fra il Governo fascista e la Chiesa. Il fascismo, mirando ad un “pensiero unico”, ovvero a monopolizzare l’educazione dei giovani, mal tollerava la competitiva apertura dei gruppi giovanili, come la Federazione Universitari Cattolici Italiani, tanto che il Governo, nel 1931, ordinò che venissero sciolte tutte le associazioni cattoliche, ad eccezione dell’Azione Cattolica, la quale fu “relegata” a svolgere attività puramente religiose.

I Patti furono riconosciuti ed inseriti nell’art. 7 della Costituzione, ove è detto che qualsiasi modifica deve avvenire di mutuo accordo tra Stato e Santa Sede.

Il 18 febbraio 1984, l’On. Bettino Craxi, Presidente del Consiglio dello Stato italiano, ed il Cardinale Agostino Casaroli, per la Santa Sede, firmarono il Nuovo Concordato, il cui articolo 1 fa esplicito richiamo all’impegno dello Stato e della Chiesa a lavorare insieme, di comune accordo, per il bene del Paese e per la crescita e la promozione dell’uomo.

Le principali modifiche furono:
a. la rimozione della clausola riguardante il cattolicesimo come religione di Stato;
b. l’insegnamento nelle scuole della religione cattolica da obbligatoria divenne facoltativa;
c. il clero cattolico viene finanziato da una frazione del gettito totale dell’I.R.Pe.F.;
d. la nomina dei Vescovi non richiede più l’approvazione del Governo italiano;
e. l’istituzione del “matrimonio concordatario” (allorquando è celebrato dai Ministri della Chiesa (sacerdoti) ha valenza anche per lo Stato Civile italiano);
f. il suono delle campane delle chiese, collegato con funzioni liturgiche, in quanto tale sorgente sonora, rientra nell’attività tutelata dall’art. 2 dell’accordo tra Stato e Santa Sede del 18/02/84 ed è disciplinato dagli organi diocesani locali. Tale esclusione non si applica per il suono delle campane al di fuori del collegamento con funzioni liturgiche, quali lo scandire di ore o altro. Il suono delle campane al di fuori del contesto liturgico, la loro riproduzione mediante diffusori acustici, l’uso di amplificatori per riprodurre celebrazioni liturgiche e/o musica sacra rientrano nell’applicazione della normativa vigente sui limiti acustici come per qualsiasi altra fonte sonora.

Il cattolicesimo, purtroppo, come abbiamo detto, dal 1984 non è più religione di Stato, ma ciò non giustifica, a mio modesto avviso, la pretesa di appartenenti ad altre confessioni religiose di rimuovere dalle aule il “crocifisso”, poiché i cattolici cristiani, allorquando si recano in terre ove vige la religione islamica, devono assoggettarsi, volenti o nolenti, ai dettami di tale dottrina, non solo se entrano nelle moschee, altrimenti sono guai seri.

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Attualità

A Cava de' Tirreni la costituzione dei "Giovani Democratici"

Stamattina, presso la sala dei Gemellaggi del Palazzo di Città, si è tenuta la costituzione dei Giovani Democratici di Cava de' Tirreni. All'evento erano presenti il Sindaco Vincenzo Servalli, dell'on. regionale Franco Picarone, del Segretario provinciale PD, Vincenzo Luciano, del Segretario provinciale...

Premio Nazionale "Inpace": tra i partecipanti anche l'ente Sbandieratori Cavensi

Si è tenuto ieri mattina, nella Sala Gemellaggi a Palazzo di Città, un incontro fortemente voluto dall' Ente Sbandieratori Cavensi con i giornalisti e le personalità da sempre vicine all'ente Sbandieratori Cavensi, per esporre un consuntivo delle attività svolte ed annunciare le prossime. Presenti il...

Cava: 17 dicembre le elezioni per la Consulta dei Popoli Comunitari ed Extracomunitari

Domenica 17 dicembre 2017, dalle 9.00 alle 20.00, a Palazzo Buongiorno (Uffici Servizi Demografici) - in via della Repubblica, 9 - si terranno le elezioni per la Consulta dei Popoli Comunitari ed Extracomunitari. Possono votare ed essere eletti tutti i cittadini non italiani o con doppia cittadinanza,...

Muro pericolante di via Grimaldi: iniziati i lavori di rifacimento

Sono iniziati i lavori di rifacimento del muro pericolante di via Grimaldi, al rione Gescal. Da circa 10 anni il muro di contenimento era gravemente lesionato e recintato e l'area soprastante con aiuola e panchine era stata interdetta. I lavori affidati alla ditta Gra.Edil srl, per un importo di circa...

Il Natale a Cava de' Tirreni all'insegna dell'accoglienza

Si avvicina il Natale e Cava de' Tirreni si prepara a celebrare le feste secondo la tradizione, con un lungo programma di appuntamenti che coinvolgeranno non solo la popolazione cavese, ma anche i numerosi visitatori che arriveranno dalla provincia e anche da fuori. Mentre si continua ad istallare le...