Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 12 ore fa S. Agostino v. di Canterbury

Date rapide

Oggi: 27 maggio

Ieri: 26 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Hotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriConnectivia, Internet Service Provider in fibraMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: Territorio e AmbienteNasce la scheda di caratterizzazione sensoriale del Tartufo Campano

Alden Consulenti d'impresa - Cava de' Tirreni - Salerno - Costiera AmalfitanaCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Territorio e Ambiente

Campania, tartufo, scheda, tracciabilità, riconoscibilità, specificità

Nasce la scheda di caratterizzazione sensoriale del Tartufo Campano

Tracciabilità, riconoscibilità e specificità della filiera campana: il risultato del Primo Corso di Analisi sensoriale sul Tartufo

Scritto da (Redazione Costa d'Amalfi), giovedì 12 maggio 2022 10:03:27

Ultimo aggiornamento giovedì 12 maggio 2022 10:03:27

Nasce la scheda di caratterizzazione sensoriale del tartufo targata Campania. È lo straordinario risultato realizzato al termine del "Corso di analisi sensoriale per giudici qualificati a codificare le caratteristiche organolettiche dei tartufi", organizzato dal Consorzio Osservatorio dell'Appennino Meridionale, su richiesta dell'Assessorato all'Agricoltura della Regione Campania, Settore Ambiente, Foreste e Clima.

Tre giorni di lezioni e di approfondimenti che hanno portato alla identificazione delle caratteristiche organolettiche e sensoriali di due tartufi campani, il Bianchetto Tuber borchii e il Tartufo nero di Bagnoli Tuber mesentericum.

Il sistema di schedatura realizzato in occasione del Corso costituirà d'ora in poi il modello standard di riferimento in tutta Italia per la tracciabilità dei due tartufi prima indicati.

"Il modello consiste in indicatori che definiscono il bouquet olfattivo dei tartufi campani analizzati, oltre ad altre caratteristiche sensoriali. Il lavoro svolto durante il Corso ha ottenuto un risultato rilevante per la conoscenza di un importante prodotto di nicchia - sottolinea Mariagiovanna Riitano, Presidente del Consorzio Osservatorio dell'Appennino Meridionale -. Segna una tappa significativa di un Progetto portato avanti negli anni dall'Osservatorio, in collaborazione con l'Assessorato all'Agricoltura della Regione Campania. L'obiettivo è stato quello di valorizzare un prodotto che, nell'immaginario collettivo, è legato ad altre regioni, come il Piemonte, le Marche, la Toscana o l'Umbria. I tartufi campani sono poco conosciuti, pur costituendo una risorsa molto significativa del contesto regionale e nazionale. L'obiettivo dell'Osservatorio è stato, fin dall'inizio, quello di sviluppare l'intera filiera, dalla formazione di tecnici esperti e dalla produzione di piantine micorrizate con spore di tartufo autoctono per l'allestimento di tartufaie coltivate fino alla formazione di giudici esperti".

Il Corso abilitante costituisce la prima esperienza di questo tipo fatta in Campania e nel Mezzogiorno. I sentori di bosco, di erba tagliata, di aromi che risentono dell'habitat naturale in cui i tartufi vengono raccolti, dalle pinete marine alle montagne delle Campania, costituiscono solo una parte dell'esperienza sensoriale che considera anche la rugosità, il colore, l'integrità di questi singolari prodotti della natura.

"Il Corso, pur essendo molto specializzato, ha riscosso un grande interesse. Non ci aspettavamo che un prodotto di nicchia come il tartufo attirasse tanto l'attenzione di un pubblico ampio - prosegue il presidente Riitano - Sono giunte richieste da tutta la Campania, dal settore agroalimentare, dalla ristorazione e da chef stellati che desiderano utilizzare il tartufo campano conoscendone a fondo le caratteristiche.

"Crediamo in questa iniziativa - afferma il Prorettore dell'Ateneo salernitano, Mario Vento, intervenuto in rappresentanza della comunità accademica - Il nostro Ateneo ha interesse a portare avanti simili progettualità che incrociano la terza missione dell'Università, laddove la ricerca scientifica è finalizzata a valorizzare il territorio e le sue eccellenze, capacità e peculiarità. Il Corso organizzato dall'Osservatorio ha ottenuto un grande successo, intersecando la cultura enogastronomica, con un impatto sulla ristorazione orientata all'utilizzo di risorse di pregio della nostra regione".

"L'agricoltura moderna deve sapersi innovare. È essenziale la ricerca scientifica e il rapporto con l'Università da sviluppare in maniera profonda e strutturata - afferma l'Assessore all'Agricoltura della Regione Campania, Nicola Caputo -. La valorizzazione dell'intera filiera del tartufo è l'importante risultato del lavoro compiuto in sinergia con l'Osservatorio. La Campania è una grande produttrice di tartufi, ma poco riconosciuta dai mercati. È detentrice, inoltre, di una grande biodiversità, con la presenza di nove specie di tartufo eduli e commerciabili, che vogliamo promuovere e sostenere per dare forza ai tanti imprenditori che si stanno adoperando in questo settore. A breve, inoltre, diventerà operativa la proposta di Legge sul tartufo campano, con una serie di misure che si riveleranno preziose per la sua valorizzazione.

"In Regione Campania abbiamo oltre duemila raccoglitori di tartufo, per una produzione che sfiora i mille quintali annui - dichiara Flora Della Valle, dirigente Settore "Ambiente, Foreste e Clima", Assessorato all'Agricoltura Regione Campania - L'intento principale è garantire tracciabilità e riconoscibilità al tartufo campano, rivenduto in passato nelle altre regioni senza menzionarne l'origine. Il Corso sull'analisi sensoriale del tartufo realizzato dall'Osservatorio, realtà di cui la Regione Campania è orgogliosa, sarà sicuramente ripetuto, vista la pressante richiesta pervenuta anche dai ristoratori interessati all'utilizzo di un prodotto locale a forte attrattività e a chilometro zero. È il primo in presenza dopo due anni di distanziamento e di didattica a distanza. Siamo felici, è un segno di partenza, di rilancio, di voglia di ricominciare in tutti i settori e nell'agricoltura in particolare".

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Territorio e Ambiente

Concorso "Una Torre per la Pace": le scuole di Cava de' Tirreni dicono no alla guerra

L'Ente Sbandieratori Cavensi - Città di Cava de' Tirreni organizza la XXXI edizione del Festival delle Torri - Rassegna internazionale di musica, danza, arte e folklore, che si svolgerà a Cava de' Tirreni ad agosto 2022. Il Festival delle Torri si svolge ogni anno in osservanza della "Convenzione UNESCO...

"La spada di Manfredi", domani 26 maggio presentazione libro a Cava de' Tirreni

Nell'ambito della rassegna "Un libro (quasi) al giorno", promossa dall'Assessorato alla Cultura di Cava de' Tirreni, sarà presentato giovedì 26 maggio 2022 alle ore 18 a Palazzo di Città il romanzo storico "La spada di Manfredi", scritto dal professor Francesco Nobile e pubblicato dalla Casa Editrice...

Cava de' Tirreni ricorda Falcone e Borsellino 30 anni dopo le stragi

Importante giornata di studi su "Educazione alla Legalità, criminalità organizzata e confisca dei beni, organizzata dall'amministrazione comunale di Cava de' Tirreni, in ricordo di Giovanni Falcone e Paolo Borsellino e di tutte le vittime della criminalità organizzata a 30 anni delle stragi di Capaci...

Lampade legate ai casali di Cava de' Tirreni, l'idea del prof Balzano e della scuola media "A. Balzico"

Il prof. Pietro Balzano accende i riflettori sulla suggestiva festa del SS. Sacramento con un'idea che è stata subito colta con entusiasmo da studenti e docenti di Cava de' Tirreni, legatissimi alla tradizione religiosa e folkloristica di questa celebrazione. La stampante 3D è in attività da giorni pe...

Cava de' Tirreni, dopo due anni l'associazionismo torna in presenza con l'alzata del Panno Eucaristico

Ieri sera, 21 maggio, presso Piazza Duomo, a Cava de' Tirreni, si è tenuta l'alzata del Panno dei Festeggiamenti in Onore del Santissimo Sacramento. L'associazionismo cavese risponde "presente!" dopo due anni di pandemia L'iniziativa è organizzata dall'Ente Montecastello E.T.S. con la partecipazione...

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.