Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 15 ore fa S. Luigi Gonzaga

Date rapide

Oggi: 21 giugno

Ieri: 20 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico Costiera Amalfitana

Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Vi. Pa. Alberghi Ravello, Hotel Giordano, Villa Maria, Villa EvaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: Storia e StorieLe Banconote d'Europa

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Storia e Storie

Le Banconote d'Europa

Inserito da Lello Pisapia (admin), sabato 3 novembre 2001 00:00:00

Il processo di selezione dei disegni è iniziato nel 1995, quando l'istituto monetario europeo, predecessore della Banca centrale europea, ha scelto due temi di ispirazione per la serie di banconote in euro: "Età e stili d'Europa" e "Moderno/Astratto". Nel febbraio 1996 è stata indetta una gara per il disegno delle banconote. Bozzettisti nominati dalle banche centrali dell'Unione europea sono stati invitati a predisporre i disegni per la serie di sette banconote in euro (5 €, 10 €, 20 €, 50 €, 100 €, 200 € e 500 €), basandosi sui temi indicati. Sette mesi più tardi una giuria, composta da noti esperti di marketing, design e storia dell'arte, ha composto due elenchi, contenenti le cinque serie giudicate migliori per entrambi i temi proposti. L'opinione del pubblico in merito ai disegni selezionati è stata, quindi, verificata tramite un sondaggio, che ha interessato circa 2.000 persone in tutti i Paesi dell'Unione europea. Nel dicembre 1996 è stato annunciato l'esito finale della gara. I bozzetti prescelti, eseguiti da Robert Kalina della Banca nazionale austriaca, sono ispirati al tema "Età e stili d'Europa".

Dal disegno alla stampa

Una volta trasformati i bozzetti in disegni finali, si è dato avvio al processo di conversione in banconote. Naturalmente, le banconote sono più che semplici pezzi di carta decorati. È stato necessario incorporare una serie di caratteristiche di sicurezza per rendere facilmente riconoscibili le banconote non contraffatte da parte del pubblico, delle banche e dei distributori automatici. Inoltre, l'inchiostro e la carta sono stati sottoposti a prove tecniche per assicurare la resistenza delle banconote all'usura e garantirne una produzione uniforme. Nella primavera del 1999 la Banca centrale europea ha approvato le specifiche tecniche finali. Completato il lavoro preparatorio, è stata avviata la stampa delle banconote in euro.

La cultura europea in un'immagine

Le banconote in euro raffigurano gli stili architettonici tipici di sette epoche della storia e della cultura europea: arte classica, romanica, gotica, rinascimentale, barocca e rococò, architettura del ferro e del vetro, architettura del ventesimo secolo. I soggetti sono incentrati su tre principali elementi architettonici: finestre, portali e ponti. Le finestre ed i portali, riprodotti sul fronte delle banconote, simboleggiano lo spirito di apertura e di cooperazione che anima i Paesi europei. Sono, inoltre, presenti le dodici stelle dell'Unione europea, che rappresentano il dinamismo e l'armonia dell'Europa contemporanea. Per integrare questi elementi figurativi, sul retro di ciascuna banconota è raffigurato un ponte caratteristico di ogni epoca della storia culturale europea. A partire dai ponti rudimentali, fino ai sofisticati ponti sospesi dell'età moderna, essi intendono simboleggiare la comunicazione tra i popoli europei, come pure tra l'Europa ed il resto del mondo.

Gli altri principali elementi presenti sulle banconote sono:

- il nome della moneta, euro, in caratteri sia latini (EURO) che greci (EYPO);

- la bandiera dell'Unione europea sul fronte delle banconote;

- la sigla della banca centrale emittente (la Banca centrale europea), nelle cinque varianti linguistiche - BCE, ECB, EZB, EKT, EKP - che corrispondono alle undici lingue ufficiali della Comunità europea;

- la firma del Presidente della Banca centrale europea, posta vicino alla sigla della Banca centrare europea.

Un aiuto per i non vedenti e per le persone con problemi visivi

Circa il 2% dell'attuale popolazione dell'Unione europea soffre di un grave difetto visivo. L'Unione europea dei ciechi è stata ripetutamente consultata nella fase di definizione dei bozzetti delle banconote in euro, per tenere conto in modo adeguato delle esigenze delle persone non vedenti e con problemi visivi. Di fatto, le caratteristiche inserite nei disegni, con lo scopo di assistere le persone con handicap visivi, sono spesso utili e gradite anche a coloro che non hanno problemi di vista. Le sette differenti dimensioni utilizzate per le banconote aiuteranno i non vedenti a distinguere i vari tagli. Inoltre, alcuni elementi del disegno delle banconote sono stampati in rilievo, grazie all'uso di incisioni in profondità e ad una speciale tecnica di stampa (calcografia). Alcuni segni di stampa percepibili al tatto sono posizionati in prossimità del bordo delle banconote da 200 € e 500 € e rendono l'identificazione ancora più agevole. I diversi colori dominanti ed il carattere, grande ed in neretto, utilizzato per le cifre, renderanno le banconote facilmente riconoscibili dalle persone con problemi visivi.

Le nuove banconote sono sicure?

La moderna tecnologia di riproduzione grafica consente di ottenere copie di buona qualità di qualsiasi disegno. Per questa ragione, diversi dispositivi di sicurezza sono stati integrati nelle banconote, allo scopo di proteggerle dal rischio di contraffazione e di consentire, con un minimo di attenzione, il facile riconoscimento delle banconote falsificate. Una delle più importanti misure di sicurezza riguarda la carta stessa delle banconote. Le fibre di cotone con le quali la carta viene prodotta conferiscono alle banconote una particolare consistenza. La carta è dotata, inoltre, di fibrille fluorescenti e di una filigrana in chiaroscuro, caratteristiche che non possono essere facilmente riprodotte mediante macchine fotocopiatrici o sistemi di stampa di uso comune. Le banconote in euro presentano anche altre misure di protezione di grande efficacia, come il filo di sicurezza e speciali lamine metalliche. Esse avranno, inoltre, alcune caratteristiche verificabili dai macchinari, per permettere ai distributori automatici di controllarne l'autenticità.

Stampa

Le banconote in euro sono stampate da undici officine cartevalori, situate nei Paesi dell'area dell'euro. In alcuni casi le officine cartevalori fanno parte della banca centrale nazionale o sono di sua proprietà, mentre in altri la stampa delle banconote è eseguita da società pubbliche o private esterne alla banca centrale. Sono state prese tutte le misure necessarie per assicurare che le banconote prodotte siano identiche per qualità e aspetto. La Banca centrale europea ha creato a tal fine un sistema per il controllo della qualità della produzione.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 107711108

Storia e Storie

Ercolano, riapre al pubblico l’antica spiaggia di Herculaneum

Riaperta ieri, 19 giugno, l'antica spiaggia di Herculaneum, la prima all'interno di un parco archeologico di Ercolano. All'inaugurazione, avvenuta questa mattina nel Parco archeologico di Ercolano, è intervenuto il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, guidato nella visita dal Direttore del Parco...

La nuova scoperta di Pompei: il sacello della villa di Civita Giuliana / FOTO

Nell'area di Civita Giuliana, area a nord della città antica di Pompei, già agli inizi del Novecento era stata identificata una grande residenza detta Villa Imperiali. A partire dal 2017 e poi nel 2019 grazie a un protocollo d'intesa siglato con la Procura della Repubblica di Torre Annunziata, il Parco...

25 aprile, Festa della Liberazione: cosa accadde in quei giorni?

Il 25 aprile in Italia si celebra la Festa della Liberazione dal regime fascista e dall'occupazione militare tedesca dell'esercito nazista, avvenuta nel 1945. L'occupazione tedesca e fascista in Italia non terminò in un solo giorno, ma si considera il 25 aprile come data simbolo perché nel 1945 coincise...

Pompei, dagli scavi della Regio IX emergono nuovi segreti sull’edilizia romana

Nuovi dati sull’edilizia romana emergono dagli scavi in corso al Parco Archeologico di Pompei. Negli ambienti di antiche domus che lo scavo archeologico sta portando alla luce nella Regio IX, insula 10, sono riemerse importanti testimonianze di un cantiere in piena attività: strumenti di lavoro, tegole...

Gli anni ottanta di Amalfi, Atrani, Ravello e Scala nelle fotografie di Keld Helmer-Petersen

di Cava Storie Keld Helmer-Petersen (1920-2013) è stato un fotografo danese che ebbe buon successo in patria e in ambito internazionale, grazie alle foto a colori realizzate intorno la metà del Novecento. Il percorso iniziale di Helmer-Petersen fu da semplice autodidatta, in seguito si cimentò con lo...

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.