Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 17 ore fa S. Luigi Gonzaga

Date rapide

Oggi: 21 giugno

Ieri: 20 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico Costiera Amalfitana

Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Vi. Pa. Alberghi Ravello, Hotel Giordano, Villa Maria, Villa EvaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: Storia e StorieIl Natale britannico e quello ‘latino'

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Storia e Storie

Il Natale britannico e quello ‘latino'

Inserito da (admin), lunedì 23 dicembre 2002 00:00:00

GRAN BRETAGNA

In Inghilterra il periodo natalizio per i bambini comincia già a novembre, quando iniziano a scrivere la lista dei regali che vogliono ricevere ed i negozi addobbano le vetrine con temi natalizi. Da dicembre si inizia ad aprire il calendario dell'Avvento e due settimane prima di Natale si procede a decorare la casa e l'albero, che viene abbellito con luci e fiocchi. La sera della Vigilia, i bambini appendono delle calze per Father Christmas e, per ringraziarlo dei regali, gli lasciano un bicchiere di latte ed un dolce (mince pie), oltre che una carota per la renna Rudolph. Il giorno di Natale è il più bello, perché si aprono tutti i regali che Babbo Natale ha lasciato dentro un sacco sotto all'albero. Si sta insieme ai parenti e si mangia tacchino ripieno, accompagnato da mirtilli. Per dolce si prepara sempre il Christmas Pudding o Christmas Cake. Alle 3 del pomeriggio, è consuetudine ascoltare in televisione il discorso della Regina. Il Natale in Inghilterra iniziò nel lontano "Anno Domini 596", quando Sant'Agostino arrivò sulle spiagge britanniche per portare il cristianesimo ai popoli anglosassoni.

IRLANDA

Un tempo la caccia allo scricciolo era tradizione seguita il 26 dicembre in tutta l'Irlanda. Il motivo di tanto accanimento contro questo uccellino è da ricercare nella leggenda che accompagna il martirio di Santo Stefano. Si narra, infatti, che il Santo si fosse nascosto dietro un cespuglio per sfuggire ai suoi persecutori, ma fosse stato scoperto a causa di uno scricciolo che volò via dal nascondiglio, svelando, quindi, la presenza del martire. Per questo motivo, il 26 dicembre di ogni anno, gruppi di uomini ricordano tale episodio, fingendo di dare la caccia allo scricciolo, di catturarlo e poi di condurlo, legato ad un bastone, di casa in casa, cantando e facendo la questua. Naturalmente, è solo una finzione: oggi nessuno scricciolo deve temere per la propria incolumità, ma è, comunque, costume diffuso che uomini mascherati con abiti vecchi vadano di casa in casa, offrendo canti ed intrattenimento.

SPAGNA

In Spagna le celebrazioni per il Natale iniziano l'8 dicembre, giorno dell'Immacolata Concezione. I presepi sono chiamati "Nacimientos" e, proprio come in Italia, si preparano all'interno delle case e delle chiese. Le famiglie si riuniscono per cantare i canti tipici di Natale davanti alla scena della Natività. Si donano vestiti e cibarie ai più poveri, per portare fortuna nel nuovo anno. I regali si scambiano il 6 gennaio, quando arrivano "los Reyes", cioè i Re Magi, che naturalmente fanno un arrivo in grande stile, con quella che si chiama "la cavalcata de los reyes". Ce ne sono varie in tutte le città spagnole. Anche a Barcellona ce ne sono diverse, anche se la maggiore li fa partire dal mare, per finire poi al Parco della cittadella. In quel giorno sfilano carri bellissimi, con i Re Magi sopra che distribuiscono caramelle, tirandole giù dal carro. Tutti li aspettano a corteo e li seguono, raccogliendo dietro il loro passaggio caramelle di ogni tipo. Adesso, con il consumismo odierno, anche Babbo Natale comincia a portare qualche regalo la notte di Natale, però essenzialmente tutto si svolge il 6 gennaio, quando i bambini mettono le loro scarpette sui balconi, nella speranza che qualcuno lasci dei regali.

FRANCIA

In Francia Babbo Natale non depone i suoi regali sotto l'albero, ma dentro le scarpe dei bambini, lasciate nei pressi del camino proprio per essere riempite con i doni. Il presepe, chiamato Crèche, è molto popolare. Si brucia il legno di Natale (un grande legno, che deve ardere durante tutto il giorno di Natale), dopodiché si mangia la "Buche de Noel", una torta al cioccolato che assomiglia ad un legno. Nelle piazze delle cattedrali viene rappresentata la nascita di Cristo, a volte con attori e marionette.

GERMANIA

In Germania il periodo natalizio inizia già a novembre. Il giorno di San Martino (l'11 novembre, che tra l'altro corrisponde anche all'inizio del Carnevale), le scuole organizzano per il tardo pomeriggio delle processioni, durante le quali i bambini portano delle lanterne, che hanno costruito con l'aiuto dei maestri e che servono per illuminare la strada a San Martino. In alcuni luoghi c'è anche la tradizione di andare nei cimiteri per portare la luce là dove c'è il buio. Il 6 dicembre, poi, arriva San Nicola, che porta ai bambini dei cioccolatini, delle casette fatte con il pan speziato ed altre bontà da mangiare. Nel periodo dell'Avvento vengono fatte delle ghirlande, nelle quali, nelle quattro domeniche precedenti il Natale, vengono messe delle candele. In questo periodo si preparano molti dolcetti, come i Lebkuchen o il Christollen, e si beve vino speziato. Il 24 dicembre si addobba l' albero. In serata arrivano il Christkind (il Bambino Gesù) e, in alcuni luoghi, Babbo Natale, per consegnare i regali a chi è stato bravo. In questo giorno la tavola viene guarnita con particolare cura e si mangiano l'oca arrosto e la carpa blu.

GRECIA

La Vigilia di Natale si suonano canti natalizi. I bambini accompagnano questi canti suonando il tamburello ed il triangolo. Vanno di casa in casa a portare fichi secchi, mandorle, noci, molti dolcetti ed altri piccoli doni. A Natale si scambiano molti regali, spesso portati alle persone più povere, sole ed ammalate. A volte i sacerdoti vanno di casa in casa, benedicendole con l'acqua santa, per allontanare, così, gli spiriti cattivi che possono nascondersi nelle mura domestiche. In molte case greche si addobba un albero sempreverde, con fili d'argento ed in cima una stella. La Vigilia di Natale le persone si radunano festosamente per consumare fichi secchi con un pane speziato, chiamato "Chrisopsomo". I doni, generalmente, vengono scambiati il 1° gennaio, giorno di St. Balis.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

rank: 101713103

Storia e Storie

Ercolano, riapre al pubblico l’antica spiaggia di Herculaneum

Riaperta ieri, 19 giugno, l'antica spiaggia di Herculaneum, la prima all'interno di un parco archeologico di Ercolano. All'inaugurazione, avvenuta questa mattina nel Parco archeologico di Ercolano, è intervenuto il Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, guidato nella visita dal Direttore del Parco...

La nuova scoperta di Pompei: il sacello della villa di Civita Giuliana / FOTO

Nell'area di Civita Giuliana, area a nord della città antica di Pompei, già agli inizi del Novecento era stata identificata una grande residenza detta Villa Imperiali. A partire dal 2017 e poi nel 2019 grazie a un protocollo d'intesa siglato con la Procura della Repubblica di Torre Annunziata, il Parco...

25 aprile, Festa della Liberazione: cosa accadde in quei giorni?

Il 25 aprile in Italia si celebra la Festa della Liberazione dal regime fascista e dall'occupazione militare tedesca dell'esercito nazista, avvenuta nel 1945. L'occupazione tedesca e fascista in Italia non terminò in un solo giorno, ma si considera il 25 aprile come data simbolo perché nel 1945 coincise...

Pompei, dagli scavi della Regio IX emergono nuovi segreti sull’edilizia romana

Nuovi dati sull’edilizia romana emergono dagli scavi in corso al Parco Archeologico di Pompei. Negli ambienti di antiche domus che lo scavo archeologico sta portando alla luce nella Regio IX, insula 10, sono riemerse importanti testimonianze di un cantiere in piena attività: strumenti di lavoro, tegole...

Gli anni ottanta di Amalfi, Atrani, Ravello e Scala nelle fotografie di Keld Helmer-Petersen

di Cava Storie Keld Helmer-Petersen (1920-2013) è stato un fotografo danese che ebbe buon successo in patria e in ambito internazionale, grazie alle foto a colori realizzate intorno la metà del Novecento. Il percorso iniziale di Helmer-Petersen fu da semplice autodidatta, in seguito si cimentò con lo...

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.