Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. Ambrogio vescovo

Date rapide

Oggi: 7 dicembre

Ieri: 6 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Panettone 2021, Ciak si gira. Ordina on line i panettoni della Storica Pasticceria Pansa. Dal 1830 tutto il dolce d'Amalfi, ora anche on lineEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàTerra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: Storia e StorieCentri anti violenza, inaugurazione o sensibilizzazione?

La Pasticceria Gambardella augura a tutti i lettori di Positano Notizie un Natale pieno di dolcezza. Il Gusto della Tradizione direttamente a casa tua. Cardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Connectivia Fiber Solution, Connettività ultra veloce in fibra e FWASal De Riso Costa d'Amalfi augura a tutti Buone Feste. Per acquistare i suoi panettoni visita il portale di e-commerce diretto "Sal De Riso Shop"

Storia e Storie

Centri anti violenza, inaugurazione o sensibilizzazione?

Scritto da Pasquale Adinolfi (admin), venerdì 27 maggio 2016 19:47:19

Ultimo aggiornamento venerdì 27 maggio 2016 19:48:18

Sono le undici, ma la sensazione è che l'incontro sia iniziato da poco. "Giovedì 26 maggio ore 10:30 saranno inaugurati i centri anti-violenza" diceva la locandina su internet. La sala è piena, soprattutto ragazzi delle prime superiori e donne attive nel settore. La maggioranza della platea è composta da donne. È una bella cosa. Mi siedo ad ascoltare i vari interventi delle relatrici e intanto sfoglio le brochure sul tavolo all'ingresso della sala. Sono 3 e sono tutte diverse; una del "Centro anti-violenza di Minori" (CAV), uno dell'associazione "Frida" di Cava ed un terzo del "Centro antiviolenza con sedi a Cava de' Tirreni e Minori" ma ufficio presso la sede del Piano Ambito S2 (ovvero a via P. Atenolfi di Cava de' Tirreni). Tre brochure per 3 centri diversi? Mi sembra strano, anzi poco probabile. Intanto le relatrici si alternano e tutte dicono cose interessanti e molto sentite.

Nell'ultima mezz'ora arriva anche l'assessore regionale alle pari opportunità Chiara Marciani che parla di progetti pilota volti all'inserimento nel mondo del lavoro delle donne vittime di violenza. Entra nel dettaglio e parla anche della difficoltà di identificare i casi: all'ospedale San Paolo di Napoli due psicologi intervengono per certificare che le lesioni subite siano originate da maltrattamenti familiari. Non è molto chiaro lo scopo: nella maggior parte dei casi, le donne non sporgono querela né rivelano le origini delle lesioni ai medici del pronto soccorso. Pensavo che gli psicologi servissero a dare supporto alle donne che non volessero denunciare, ed invece da come l'assessore lo espone, sembra sia una salvaguardia per non dare assistenza a delle mitomani.
Sono curioso e 10 minuti prima che finisca il dibattito, la seguo mentre va via all'inglese dall'aula. Non ha tempo per fermarsi e devo farle le domande mentre l'accompagno all'auto nel parcheggio. "Non sarebbe meglio dare assistenza economica per un certo periodo di tempo alle donne vittime di violenza per permetterle di avere un'autonomia?" chiedo io. "Lo stiamo facendo" risponde "nel progetto borsa-lavoro abbiamo previsto l'inserimento delle donne nel mercato del lavoro"." E quante donne hanno partecipato a questo progetto". "Solo cinque" risponde l'assessore. La risposta mi annichilisce. Ma come cinque? Poco prima l'assessore del Comune di Minori aveva detto che in un solo anno di attività, senza nessuna pubblicità, c'erano stati 10 casi. Avrei capito cinquanta, ma cinque è davvero poco, anche per un progetto pilota. Mi faccio forza e continuo a fare domande. "Ma quanti posti letto ci sono per le donne che non possono tornare a casa?". "Pochi, molto pochi. Di preciso non lo so". La ringrazio mentre lei sale in macchina e va via.
Torno in sala. Avvicino una delle relatrici che più mi avevano colpito e chiedo informazioni sulla manifestazione di oggi. "No, guardi, oggi non stiamo inaugurando nulla. I centri c'erano già. È un incontro per far sapere cosa facciamo". E infatti è così: a seguito di un bando regionale del 2014 gli ambiti territoriali hanno realizzato il progetto "Donne in rete" per il quale le associazioni contro la violenza di genere attive sul territorio dell'ambito (l'ambito S2 è composto da 13 comuni, di cui Cava de' Tirreni è capofila) potevano presentare una manifestazione di interesse. L'obiettivo del progetto non è quello di dare vita ad un centro anti-violenza "istituzionale" (ad es: uno per tutti i comuni dell'ambito), ma quello di mettere in rete le risorse che già ci sono.
Sono molto perplesso. Parlo con un'altra dottoressa indicatami come competente per quanto riguarda la questione dei fondi. Eh sì: durante il convegno più volte si è fatta menzione dei fondi europei come possibilità di finanziamento di queste iniziative. "No, per adesso i fondi sono della regione. L'ambito ha avuto 69 mila euro per un anno da destinare al progetto". Precisiamo: questi fondi sono solo per mettere in relazione le associazioni, le asl e le forze dell'ordine.
"Ma ci voleva un progetto apposito per identificare le associazioni che si occupano di violenza, chiederle di coordinare gli orari di apertura e mettere tutti insieme?". C'è infatti da dire che le associazioni non sono aperte tutto il giorno, anzi, neanche tutti i giorni. "Ma la tutela delle donne che subiscono violenza non è uno degli obiettivi del Piano di zona?" aggiungo molto preoccupato. "No, questo non rientra tra gli obiettivi fissati dalla regione. Al limite, potrebbe rientrare in quello della parità di genere". Ringrazio e vado via molto arrabbiato. Possibile che la regione dove la violenza sulle donne è diffusa come le canzoni di Gigi D'Alessio questo non sia un problema di cui le istituzioni si fanno carico in prima persona? E non mi sto riferendo alla giunta attuale o a quelle degli ultimi 10 anni: è da quando ero piccolo che il problema esiste! E si vede: Salerno è terrorizzata dal killer delle prostitute (perché anche le prostitute sono donne, è bene ricordarlo), a Pagani qualche giorno fa un uomo ha sciolto della plastica addosso alla compagna......ne ho talmente tanti di episodi che c'è da piangere. Ma non è un problema regionale: se la rai ha fatto tante stagioni di "Amore criminale" forse è un problema nazionale. E lo Stato (quello grande) non dice niente? È vero che l'assistenza sociale è di competenza delle regioni ma i livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali che ci sono a fare? Non si può garantire un tetto e 1 anno di assistenza economica a chi viene massacrato di botte e violentato psicologicamente tutti i giorni?
Ci tengo a dire che il budget non viene distribuito a pioggia, ma in base alle richieste e al tipo di assistenza viene erogato un rimborso.
Nei centri di Cava de' Tirreni e Minori non sono previsti posti letto.
Un grande augurio a tutti quelli che assistono le vittime di violenze, uomini e donne di grandi capacità e tanta buona volontà.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

L'Università di Salerno accoglie Roberto De Luca: il figlio del governatore è ora ricercatore a Scienze Aziendali

Importante incarico per Roberto De Luca. Il secondogenito del governatore della Campania è stato nominato ricercatore dell'Università di Salerno, Dipartimento di Scienze Aziendali. Avrà un incarico di 3 anni. Il 29 novembre, come riporta "Il Quotidiano del Sud" oggi in edicola, il decreto del rettore...

Cava de' Tirreni, 80 anni fa la morte di Sergio Rosa a Monte Finestra

Il gruppo "Cava storie", che ha lo scopo di far conoscere a grandi e piccini le bellezze di Cava de' Tirreni e dintorni, specie quelle di cui poco si parla, ricorda l'ottantesimo anniversario della morte del giovane Sergio Rosa. Figlio di Giorgio Rosa, direttore della Manifattura Tabacchi di Cava de'...

Lutto a Maiori per la morte di Paolo Conforti, aveva 38 anni

Maiori piange la prematura scomparsa di Paolo Conforti, aveva 38 anni. Incredulità e sgomento questa mattina quando da alcuni post abbiamo appreso la triste notizia. Paolo, il ragazzo allegro, sempre sorridente e allo stesso tempo schivo e riservato, ci ha lasciati. Gentile e cordiale, amato da tutti,...

Cava de' Tirreni, la 19enne Miriam nominata "Alfiere della Repubblica" da Mattarella

Miriam El Ouazani è stata insignita dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella del titolo di "Alfiere della Repubblica". La 19enne di Cava de' Tirreni riceverà il riconoscimento il prossimo 14 dicembre «per l'impegno con cui si dedica alla crescita dei ragazzi "fuori famiglia"». Miriam vive a...

Cava de' Tirreni, addio a Rosanna Senatore

Lutto a Cava de' Tirreni che piange la scomparsa di Rosanna Senatore in Santoriello. Ne danno il triste annuncio il marito Sabino, i figli Massimiliano, Katia e Cinzia, la nuora Greta, i generi Martin e Alfredo, il fratello Agostino, i cognati, i nipoti ed i parenti tutti. La salma proveniente dall'Ospedale...