Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 13 ore fa S. Eleonora vergine

Date rapide

Oggi: 21 febbraio

Ieri: 20 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico Costiera Amalfitana

Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Vi. Pa. Alberghi Ravello, Hotel Giordano, Villa Maria, Villa Eva Prima Cotta, Caseificio "La Tramontina" - Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAOfferta Granato Caffè a cialde con macchina FrogMaurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniHotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: Storia e StorieCava, chiude Rianimazione e scoppia la polemica: la reazione delle forze politiche

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Storia e Storie

Cava de' Tirreni, ospedale, chiusura, rianimazione, reparto, politica

Cava, chiude Rianimazione e scoppia la polemica: la reazione delle forze politiche

Dopo le parole del sindaco Vincenzo Servalli, ora è il turno anche di molti altri volti della politica cavese (e non solo) intervenire sulla vicenda

Inserito da (redazioneip), giovedì 29 ottobre 2020 16:59:42

Non è stata digerita nel migliore dei modi la notizia della chiusura del reparto di Rianimazione dell'Ospedale di Cava de' Tirreni. In piazza, infatti, sono già scesi in piazza i manifestati del comitato "Diritto alla Salute" per protestare contro il provvedimento.

Inoltre, dopo le parole del sindaco Vincenzo Servalli, ora è il turno anche di molti altri volti della politica cavese (e non solo) intervenire sulla vicenda.

I consiglieri di Siamo Cavesi Marcello Murolo, Raffaele Giordano e Vincenzo Passa: Il personale medico ed infermieristico è trasferito al reparto di Rianimazione Covid all'ospedale "Da Procida" di Salerno. Come si sottolinea nel provvedimento, sottoscritto dai vertici dell'azienda ospedaliera Ruggi, questo trasferimento, che sarà attuato "con decorrenza immediata ma in via temporanea per tutto il periodo di emergenza Covid", si rende necessario a causa del "rapido incremento dei casi di infezione da Covid 19, con una altrettanto rapida occupazione dei posti letto in reparti Covid, che ha portato l'Unità di crisi regionale a definire un potenziamento dell'offerta di posti letto della rete Covid pubblica". A Cava, dunque, rimarrà la guardia anestesiologica per garantire le urgenze. Sappiamo bene che in tempi di emergenza si è costretti a ricorrere ad ogni mezzo, ma quello che ci dispiace constatare ancora una volta è che l'ospedale di Cava è sempre considerato una sorta di salvadanaio dell'azienda Ruggi, per cui quando c'è mancanza di personale si attinge sempre dai reparti cavesi, come è capitato già in passato e di recente proprio per Rianimazione, che circa un mese fa era stato privato di parte del suo personale, già dirottato al "Da Procida". Il nostro dito è puntato contro la politica regionale, che non ha saputo programmare questa seconda ondata di contagi, da tempo annunciati, e contro il sindaco Vincenzo Servalli che non riesce mai a dare risposte certe ai cittadini. Peraltro l'8 ottobre il consigliere Passa aveva già chiesto all'amministrazione, in un'interrogazione, di conoscere la sorte del reparto di Rianimazione e di sapere le misure che sarebbero state attuate per la sua salvaguardia: non ha mai ricevuto risposta. Chiediamo ancora una volta al sindaco di farsi garante della salvaguardia dell'ospedale e del ripristino di tutti i suoi servizi».

Il deputato salernitano Edmondo Cirielli di Fratelli d'Italia, Questore della Camera: La chiusura del reparto di Rianimazione è un grave errore perché significa di fatto la chiusura dell'ospedale di Cava de'Tirreni. Questa sconsiderata decisione è frutto di una mancata programmazione regionale di prevenzione del Covid-19: si sono persi otto mesi di tempo nei quali si sarebbero dovuti potenziare gli ospedali assumendo medici e infermieri sfruttando la mobilità, ma anche attraverso assunzioni a tempo determinato. E, invece, non è stato fatto nulla dalla Regione. E' ormai evidente a tutti il fallimento della gestione della sanità campana da parte del Pd. Dispiace solo constatare che quasi il 75% dei cavesi, che appena un mese fa aveva dato fiducia a De Luca, ora ne pagherà il prezzo tutta la città».

Il consigliere comunale di Fratelli d'Italia Italo Cirielli: È di oggi l'atto che decreta la sospensione per tutta l'emergenza Covid dei ricoveri in rianimazione del P.O. Santa Maria dell'Olmo. Comprendo la necessità di ottenere personale da mandare al Covid hospital istituito presso il da Procida a Salerno. Ma allo stesso tempo dico: "Non bisogna creare un problema per risolverne un altro". Un ospedale senza posti in rianimazione è semplicemente una vuota cattedrale. Per questo motivo chiedo al Sindaco Servalli di impegnarsi in tutte le sedi opportune per opporsi a questa misura e chiedere la revoca di questo sproporzionato. Noi di Fratelli d'Italia - Cava dei Tirreni, come tutti i cavesi, saremo al suo fianco. È finito il tempo delle mele, IL POPOLO ESIGE RISPOSTA».

Davide Trezza di Potere al Popolo: È appena arrivato l'atto dalla direzione del Ruggi che chiede la chiusura "temporanea" della Rianimazione a Cava. I lavoratori si erano già organizzati in queste settimane per consentire anche l'apertura El reparto al Da Procida. Non bastava? Che senso ha lasciare il presidio senza la Rianimazione? Vogliamo subito il ritiro dell'atto che ordina la chiusura. Il Covid si combatte tenendo aperti gli ospedali non chiudendoli! L'Ospedale di Cava non si tocca!».

Partito Comunista: «Apprendiamo della chiusura di Rianimazione fino al termine dell'emergenza. Dal Sindaco al Governatore avevano tutti giurato che il nostro Ospedale non sarebbe stato ridimensionato. Adesso vogliono che all'emergenza Covid Cava risponda senza un Ospedale adeguato e degno di questo nome? Vergogna!».

Il segretario generale Fp Cgil Salerno Antonio Capezzuto: «Chiudere il reparto di Rianimazione del presidio ospedaliero di Cava dei Tirreni, per dirottare il personale al Covid Hospital" Da Procida" di Salerno, lascia senza assistenza sanitaria un territorio di 52mila abitanti, portando al ridimensionamento del Pronto soccorso in Psaut: un vero e proprio dramma per la città ed i territori limitrofi, in una situazione epidemiologica ad alto rischio. Già un mese fa avevamo denunciato il pericolo di chiusura, ma constatiamo con amarezza che come al solito non si è impiegato questo tempo per trovare soluzioni valide e alternative che salvaguardassero il mantenimento del servizio di rianimazione a Cava. Aspettiamo ora risposte chiare dai Sindaci di Cava dei Tirreni e delle zone limitrofe che devono farsi da garante a tutela di questo territorio per evitare di penalizzare la qualità dell'offerta sanitaria ai cittadini».

Leggi anche:

Cava, chiude Rianimazione. Sindaco Servalli: «Nostro Ospedale specchio della sanità campana»

Ospedale di Cava de' Tirreni, chiuso il reparto di Rianimazione: personale al "Da Procida"

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

Cava, chiude Rianimazione e scoppia la polemica: la reazione delle forze politiche

rank: 10897101

Storia e Storie

Gli anni ottanta di Amalfi, Atrani, Ravello e Scala nelle fotografie di Keld Helmer-Petersen

di Cava Storie Keld Helmer-Petersen (1920-2013) è stato un fotografo danese che ebbe buon successo in patria e in ambito internazionale, grazie alle foto a colori realizzate intorno la metà del Novecento. Il percorso iniziale di Helmer-Petersen fu da semplice autodidatta, in seguito si cimentò con lo...

La Moda Positano degli anni ’50 negli scatti di Hermann Landshoff: le foto d’archivio di Cava Storie

Di Aniello Ragone Gli anni Cinquanta del secolo scorso furono fondamentali per la rinascita di molti stati europei. Archiviato il decennio precedente, quello della Seconda guerra mondiale, si pensò a rilanciare la vita economica e sociale di ogni nazione. Tra i settori in via di sviluppo, il turismo...

La scomparsa di Nina Farano Fortin, la “sposa bambina” del dopoguerra originaria di Cava de' Tirreni

A ottantanove anni, si è spenta nella sua casa di Fallbrook in California Nina Farano Fortin, la "sposa bambina", cavese d'America e americana di Cava. Ha avuto appena due mesi per godersi il piacere di vedere la sua storia pubblicata su quel libro che aveva sempre sognato. Ma quel libro, "Nina" (una...

Alluvione 1954, quando la scimmia Cita salvò una famiglia di Molina di Vietri sul Mare: il racconto di "Cava storie"

La terribile alluvione, che nella notte tra il 25 e il 26 ottobre del 1954 sconvolse la Provincia di Salerno, provocò ben 318 morti. Queste centinai di vittime vennero registrate tra i comuni di: Maiori, Vietri sul Mare, Cava de' Tirreni e Salerno. In quella "malanotte" avvennero anche dei salvataggi...

Il Lions Club Cava-Vietri incontra l’archivio storico del Banco di Napoli

Come si svolgevano i rapporti commerciali nei territori meridionali tra il XVI e il XVII secolo? Chi comprava? Chi vendeva? Cosa si comprava? Cosa si vendeva? Quali erano i rapporti economici prevalenti e chi ne erano i protagonisti? Molte risposte a queste domande sono contenute nell'Archivio storico...

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.