Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Marta vergine

Date rapide

Oggi: 29 luglio

Ieri: 28 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Acquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De RisoTerra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera AmalfitanaIl Festival della Musica di Ravello - Il Programma del Ravello Festival 2021 MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieFoibe, la verità mai scritta sui libri di storia

Ravello Festival 2021 - il Festival della Musica di RavelloSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Storia e Storie

10 febbraio, il giorno del ricordo

Foibe, la verità mai scritta sui libri di storia

Fu un massacro provocato dall'odio politico-ideologico e dalla pulizia etnica perpetrata dalle truppe jugoslave del dittatore slavo Tito

Scritto da (redazione), martedì 9 febbraio 2016 18:15:44

Ultimo aggiornamento martedì 9 febbraio 2021 21:08:33

di Emiliano Amato

"Ora non sarà più consentito alla Storia di smarrire l'altra metà della Memoria. I nostri deportati, infoibati, fucilati, annegati o lasciati morire di stenti e malattie nei campi di concentramento jugoslavi, non sono più morti di serie B." Grazie alla legge numero 93 del 30 marzo 2004 che ha istituito il "Giorno del Ricordo" (10 febbraio), le oltre 10mila vittime italiane di Istria, Fiume e Dalmazia trucidate sul confine orientale, a cavallo del secondo conflitto bellico, potranno essere degnamente ricordate.

Fu un massacro provocato dall'odio politico-ideologico e dalla pulizia etnica perpetrata dalle truppe jugoslave del dittatore slavo Tito, incapace di vincere gli Italiani sul campo di battaglia: la gran parte di questi nostri connazionali vennero gettati (molti ancora vivi) all'interno di profonde voragini naturali disseminate sull'altipiano del Carso: le foibe.

Circa 350mila istriani-giuliano-dalmati, invece, in seguito all'occupazione di tali regioni da parte dell'Armata Popolare di Liberazione della Jugoslavia, furono costretti a fuggire dalle loro terre natie con tutti i mezzi possibili: vecchi piroscafi, macchine sgangherate, treni di fortuna, carri agricoli, barche, finanche a nuoto e a piedi.

Una fuga per restare italiani, un vero esodo biblico, affrontato con determinazione, verso un'Italia sconfitta e semidistrutta, quale reazione al violento tentativo di naturalizzazione voluta nella primavera del 1945, dalla ferocia dei partigiani slavi.

La gente era bloccata dalla paura dei rastrellamenti improvvisi, delle delazioni, delle vendette e delle notizie di infoibamenti, di affogamenti e di fucilazioni che la giustizia sommaria di sedicenti tribunali del popolo irrogava a chi era colpevole di essere italiano. Le città cominciarono a svuotarsi. Da Fiume fuggirono 54 mila su 60 mila abitanti, da Pola 32mila, da Zara 20mila su 21mila, da Capodistria 14mila su 15mila.

Soltanto l'Esodo degli abitanti di Pola si svolse sotto la protezione inglese con navi italiane. Tutti gli altri istriani, fiumani e dalmati dovettero abbandonare le loro case e i loro averi sotto il controllo poliziesco dei partigiani slavi. Coloro che ottenevano il visto per la partenza potevano portare in Italia solo 5 chilogrammi di indumenti e 5mila lire. Dopo lunghe settimane di attesa e dopo implacabili controlli, si poteva salire su un convoglio diretto al confine, cioè verso la libertà. Il viaggio era breve, ma diventava lungo per le continue verifiche dell'OZNA (la famigerata polizia segreta) che aveva occhi e orecchi, fino a Trieste.

A moltissimi il visto venne negato per ragioni politiche, per vendetta, per odio, per non privarsi di personale specializzato, ma soprattutto perché ogni partenza era la conferma di una condanna per il nuovo regime. Ebbero inizio le fughe drammatiche, di giorno e di notte, fra le doline del Carso, attraverso passaggi clandestini noti solo ai contrabbandieri, fughe verso la libertà che spesso si concludevano con una raffica di mitra, con lo scoppio di una mina o sul filo spinato.

Alcuni affrontarono l'Adriatico con fragili barche a remi e raggiunsero le coste italiane stremati dalla fatica e dalla sete, con le mani spellate e sanguinanti. Spesso però l'approdo rimase un sogno: catturati dalle motovedette slave, furono condannati a lunghi anni di lavoro forzato. Talvolta la spiaggia romagnola e marchigiana restituiva le salme dei fuggiaschi travolti da un'improvvisa bufera.

Con la firma a Parigi del Trattato di Pace del 10 febbraio 1947 l'Italia cede alla Jugoslavia 7.700 chilometri quadrati con Pola, Fiume e Zara. Su 502.124 abitanti, 350mila italiani (300mila secondo Tito) vengono profughi in Italia. Vengono insultati dai comunisti ad Ancona, Bologna, Venezia e Milano.

Ottantamila fuggono nelle Americhe e in Australia, centomila vengono accolti nella Regione Friuli - Venezia Giulia, gli altri vengono ricoverati nelle baracche di 109 campi profughi, dal Carso alla Sicilia.

L'Esodo è stato ribellione contro le foibe, i saccheggi, l'imposizione di una lingua straniera; è stato un dramma di 350mila persone che hanno abbandonato case ed averi con la fierezza di aver fatto una scelta irreversibile. Quella di continuare a vivere da italiani.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

16 luglio 1946: 75 anni fa Mamma Lucia ritrovava i primi caduti, il ricordo del verbale ufficiale

Il gruppo "Cava storie", che ha lo scopo di far conoscere a grandi e piccini le bellezze e le vicende di Cava de' Tirreni, specie quelle di cui poco si parla, ha rievocato l'anniversario del ritrovamento dei caduti da parte di Lucia Maria Pisapia, coniugata Apicella, conosciuta anche come Mamma Lucia,...

17 giugno 1971: nasce la prima formazione di “Sventolatori” a Cava de’ Tirreni

17 giugno 1971. E' questa la data documentata della prima formazione di "Sventolatori" a Cava de' Tirreni. A darci alcune informazioni è Antonio Medolla, attraverso un lungo messaggio pubblicato sulla nuova pagina Facebook Vecchi Sventolatori di Bandiera di Cava de' Tirreni. «Prima di continuare il cammino...

Nasce la pagina Facebook "Vecchi Sventolatori di Bandiera di Cava de' Tirreni"

Si chiama "Vecchi Sventolatori di Bandiera di Cava de' Tirreni" ed è la nuova pagina Facebook pubblicata oggi a distanza di 50 anni dalla nascita del primo gruppo organizzato di Sventolatori di Bandiere. Lo scopo della pagina è quello di trasmettere ai posteri riferimenti documentati inerenti la nascita...

Cava de' Tirreni: l'emozionante lettera del Grand'ufficiale Molina a Mamma Lucia: «Siete benedetta da Dio!» [FOTO]

Il gruppo "Cava storie", che ha lo scopo di far conoscere a grandi e piccini le bellezze di Cava de' Tirreni e dintorni, specie quelle di cui poco si parla, ha deciso di tributare l'immenso lavoro di Mamma Lucia pubblicando una lettera a lei inviata. Siamo nell'ottobre del 1948 (almeno la pubblicazione...

Quando il vescovo di Cava de' Tirreni "scomunicò" Minnie Minoprio. La showgirl: «Fu colpa del cineoperatore»

Minnie Minoprio, pseudonimo di Virginia Anne Minoprio, è stata una delle soubrette più famose negli anni '80. Intervistata da "Il Giornale.it", l'ex showgirl ha raccontato uno degli episodi più noti della sua carriera, ovvero la sua esibizione, nel 1978, alle alla festa della Madonna dell'Olmo a Cava...