Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Apollinare

Date rapide

Oggi: 23 luglio

Ieri: 22 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel Acquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniPoliticaErrore nel rimborso Palumbo non ci sta

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Politica

Errore nel rimborso, Palumbo non ci sta

Scritto da Il Mattino (admin), lunedì 18 febbraio 2002 00:00:00

Ultimo aggiornamento lunedì 18 febbraio 2002 00:00:00

Un clic in più o un clic in meno e dai computer dell'Ufficio di Ragioneria del Comune parte un grossolano errore di omonimia: nella buca delle lettere il consigliere comunale con delega alla legge 219, Fortunato Palumbo (nella foto in alto), si vede recapitare un assegno di 31 milioni intestato alla moglie, Lucia Bisogno. Ma il mandato di pagamento, relativo alla concessione di un finanziamento comunale per le ristrutturazione post terremoto, non era destinato a lei. La beneficiaria è, infatti, una sua omonima, intestataria della pratica numero 540. A denunciare l'accaduto è lo stesso consigliere di Alleanza nazionale Fortunato Palumbo, preoccupato dai possibili risvolti dell'episodio: «È un errore fatto in buona fede. Ho ritenuto opportuno - ha spiegato nel corso di una conferenza stampa - renderlo pubblico, per evitare che potessero nascere facili sospetti, data la mia delega alla legge 219».

La scoperta

L'errore, partito dai computer dell'Ufficio Ragioneria, sarebbe stato scoperto solo dopo l'arrivo della posta in casa Palumbo. Come ha raccontato il consigliere, martedì scorso la moglie, Lucia Bisogno, ha ricevuto per posta un mandato di pagamento numero 792 di 15.501,11 euro, pari a 31 milioni di lire. «Ci siamo subito accorti dell'errore - precisa Palumbo - non avendo alcun motivo di ricevere quel mandato, visto che sia io che mia moglie non siamo proprietari di case, né tanto meno abbiamo una pratica in corso per l'ottenimento dei finanziamenti previsti dalla legge 219, relativa ai finanziamenti dopo il terremoto dell'80».

Le indagini

Nella stessa giornata sono state avviate le prime indagini presso gli uffici comunali per accertare la causa dell'evidente sbaglio: «Il ragioniere capo Nobile Montefusco mi ha riferito che si tratta di un errore non particolarmente rilevante, ma in ogni caso possibile». Come? Secondo quanto spiegato dallo stesso Palumbo, i dipendenti dell'Ufficio Ragioneria si sarebbero limitati ad inserire il nominativo Lucia Bisogno e digitare invio. Sul monitor sarebbero apparsi i dati della moglie, anche lei Lucia Bisogno, e non quelli dell'effettiva beneficiaria: «La confusione può essere spiegata. Il nominativo di mia moglie figurerebbe in un elenco di beneficiari di pagamento, come membro della Commissione mandamentale che ha il compito di stilare la lista dell'elettorato attivo». Resta il mistero di come sia stato possibile confondere i nominativi e, soprattutto, la mancata verifica di altri dati personali prima di emettere il mandato. «L'episodio - ammette Palumbo - non può essere preso con leggerezza ed ho richiesto ulteriori accertamenti. Spero che il caso di mia moglie sia il primo e l'ultimo. Chi ci garantisce che altri avrebbero, invece, tranquillamente incassato i soldi?». Dopo le cartelle, in arrivo finanziamenti pazzi? Un errore materiale è la risposta di Montefusco: «Solo chi lavora può sbagliare».

I commenti

Le pratiche presentate relative alla 219 sono state circa 1400, oltre ad altrettanti varianti in corso d'opera, che hanno comportato l'apertura di sub-fascicoli, per un finanziamento complessivo di oltre 60 miliardi. Un lavoro immane, che solo ultimamente è stato smaltito, in virtù dell'impegno proprio di Fortunato Palumbo, delegato da Alfredo Messina alla 219 ed al condono edilizio. Proprio l'enormità dei contributi concessi ai cittadini per la ricostruzione preoccupa per i possibili errori che si sono potuti verificare. «Che alcuni uffici comunali andavano riorganizzati - afferma Marco Galdi (nella foto in basso), capogruppo di Azzurri per Cava - era evidente, ma che si procedesse allo sfascio di quelli funzionanti, tralasciandone altri, è preoccupante. Occorre, a questo punto, verificare che tutti i mandati di pagamento siano stati emessi alle persone aventi diritto». «Ritengo che sia un fatto contenuto, per cui - dichiara Antonio Armenante, capogruppo dei Ds - non bisogna dare la croce addosso al dirigente dell'Ufficio Ragioneria. Comunque, questi sono i risultati di riorganizzazioni calate dall'alto, senza che i dipendenti fossero ascoltati». Imbarazzo fra gli esponenti della maggioranza. «Stiamo riorganizzando gli uffici - dice Emilio Maddalo di Forza Italia - e lentamente i dipendenti stanno prendendo dimestichezza con i nuovi compiti. Quando la macchina comunale sarà a pieno regime, se ne avvertiranno i benefici. Però alcuni uffici lasciano un poco a desiderare». «Errare è umano, ed è quanto - afferma Fabio Armenante, capogruppo consiliare del Ccd - è successo all'Ufficio Ragioneria. Ma per valutare la bontà della riorganizzazione degli uffici comunali, occorrerà attendere un po' di tempo, anche se ritengo che una verifica debba essere fatta». «Un episodio non importante, perché si è capito - dichiara Giovanni Carleo, capogruppo di Forza Italia - che si è trattato di un semplice errore materiale. E' sintomatico dello stato di riorganizzazione degli uffici che tenderanno ad ottimizzare le prestazioni che vengono loro richieste per la collettività. Perciò, non è il caso di fare inutili allarmismi». Di parere opposto Vincenzo Passa, capogruppo consiliare di Patto per Cava: «Ritengo che l'errore commesso non sia da ritenere una leggerezza, ma richiama precise responsabilità dell'Amministrazione Messina. Speriamo che sia l'unico caso verificatosi ed un controllo, a questo punto, sarebbe auspicabile. Le nomine che il sindaco ha effettuato, evidentemente, non sono servite a molto, visto che alcuni nominati svolgono addirittura incarichi diversi. Un errore è possibile, ma considerato che la riorganizzazione ha portato allo sfascio uffici come il Protocollo e l'Annona, che avevano una loro funzionalità, sarebbe stato il caso di violare certi sacrari, stranamente rimasti intoccabili».

rank:

Ultimi articoli in Politica

Vietri sul Mare: la maggioranza boccia un nuovo tavolo tecnico sulla condotta sottomarina

Di Antonio Di Giovanni Bocciata dalla maggioranza, in Consiglio comunale a Vietri sul Mare, la proposta di una nuova convocazione di un tavolo tecnico, dopo il "fallimento" del primo, che puntasse, con tutte le parti interessate, a dirimere dubbi, perplessità e incomprensioni, tra i comuni di Vietri...

"La sfida dei democratici per il futuro", segretario De Rosa commenta rinvio dell'assemblea

«Sabato 7 luglio saranno prese importanti decisioni durante l'Assemblea Nazionale del PD, pertanto è auspicabile rimandare l'assemblea cittadina fissata a Cava de' Tirreni per la giornata di mercoledì 4 luglio». Questa la motivazione alla base della decisione del segretario provinciale, Vincenzo Luciano...

"Basta speculazioni sugli incendi dei boschi", a Cava de' Tirreni la raccolta firme di Spazio Pueblo

di Donato Bella Dopo il lancio on-line della petizione Basta speculazioni sugli incendi dei boschi, a cura del Comitato "Basta incendi!", che può essere firmata sulla piattaforma Progressi, sabato mattina, nei pressi di Piazza Duomo, a Cava de' Tirreni, gli attivisti di Spazio Pueblo, associazione trai...

Vietri dice no alla condotta sottomarina, raccolte 500 firme

Di Antonio Di Giovanni La raccolta di firme contro la condotta fognaria che da Cetara dovrebbe collegarsi a Vietri sul mare sull’impianto di sollevamento dei reflui, è stato, secondo il promotore Daniele Benincasa, «un grande successo». 500 le firme raccolte in pochi giorni da parte dei cittadini, ma...

Empasse lavori condotta sottomarina Vietri, rup Cavaliere rassicura Civale: «Il progetto è ben studiato»

Sta tenendo banco a Vietri sul Mare la vicenda dell'empasse dei lavori di realizzazione dell'impianto di depurazione del Comune di Cetara che entro il mese di maggio scorso doveva essere allacciato, attraverso una condotta sottomarina, all'impianto di sollevamento di Vietri sul Mare per poi convogliare...