Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 29 minuti fa S. Orsola martire

Date rapide

Oggi: 21 ottobre

Ieri: 20 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Hotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaTerra di Limoni - Limoncello e liquori della Costa d'AmalfiLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiConnectivia Fiber & Wireless Solution. Soluzioni Business e Home di connettività ad alte prestazioni, videosorveglianza e soluzioni personalizzate

Tu sei qui: SezioniPoliticaCaso Servillo, il governo risponde in aula

Soluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera Amalfitana

Politica

Caso Servillo, il governo risponde in aula

Scritto da Il Mattino (admin), lunedì 22 ottobre 2001 00:00:00

Ultimo aggiornamento lunedì 22 ottobre 2001 00:00:00

Arriva la risposta del Governo sull'interpellanza presentata da Andrea Annunziata e sottoscritta da Vincenzo Maria Siniscalchi, Vincenzo De Luca e Antonio Boccia, relativa ad alcuni avvenimenti che hanno turbato il clima elettorale delle amministrative del 13 giugno. Tre i punti su cui il sottosegretario di Stato per l'Interno, Antonio D'Alì, ha risposto: «Il rappresentante di una cooperativa di parcheggiatori avrebbe pubblicamente richiamato il sindaco di Cava al rispetto di asserite promesse pre-elettorali. La vicenda vede l'aggressione subita da un consigliere comunale durante l'ultima campagna elettorale ed il ritiro, nel medesimo frangente, di una candidatura a sindaco in seguito a pressioni esterne». Il sottosegretario, dopo indagini svolte dal prefetto e dalla questura di Salerno, ha così risposto: «Le due cooperative di parcheggio - la Colca e la Cogela - hanno gestito il servizio di parcheggio a pagamento nel centro campano fino agli ultimi mesi del 2000, quando la precedente amministrazione comunale varò un organico piano sosta, affidandone la gestione in concessione all'Aci. In seguito, il signor Angelo Servillo, che si è sempre dichiarato rappresentante delle due cooperative, ma che è stato amministratore soltanto della prima fino al 2000, probabilmente contrariato anche dalle richieste di pagamento della Tosap e della Tarsu, avrebbe ricordato alla nuova amministrazione comunale, guidata da Alfredo Messina (nella foto in alto), il rispetto di asserite promesse fatte per il sostegno assicurato nella fase congressuale del partito di appartenenza del predetto primo cittadino, nonché nella campagna elettorale. Entro pochi giorni dalla pubblicazione dell'articolo, il sindaco Messina e l'assessore Antonio Barbuti, coinvolto anch'egli dalle dichiarazioni di Servillo, hanno proposto una formale querela nei suoi confronti, presentata il 25 settembre scorso alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno, dove sono in corso, al momento, le conseguenti indagini. Stando ai fatti, così come riferiti, non sembra che il Governo debba assumere altra iniziativa che non la vigilanza sul futuro svolgimento degli eventi, in attesa delle determinazioni della magistratura salernitana». Di fatto è stata aperta un'inchiesta per l'accertamento dei fatti, affidata al Pubblico Ministero Antonella Giannelli e condotta dalla Guardia di Finanza della compagnia provinciale.

«È chiaro, peraltro - continua il sottosegretario D'Alì - che il Prefetto e la questura di Salerno seguono con attenzione la situazione, soprattutto per quanto concerne il secondo punto segnalato dagli onorevoli interpellanti». La sostanza della risposta evidenzia la volontà del Governo e, nello specifico, del ministro degli Interni di addivenire, nel più breve tempo possibile, a far luce sull'incresciosa vicenda che ha visto protagonisti cittadini ed amministratori e che getta discredito sull'intera città metelliana. Intanto, i protagonisti del fatto mantengono il più stretto riserbo; Antonio Barbuti, poi, per motivi amministrativi, è a Bruxelles. Sa di insoddisfazione la replica di Annunziata in aula: «La vicenda descritta nell'interpellanza, presentata da me e da altri colleghi del centrosinistra, non ha alcun intento di speculazione politica. È stata presentata solamente per fare chiarezza su un fatto. Credo, infatti, che le indagini non le debba svolgere il sottoscritto, né tantomeno un partito politico. Lasciamo operare la magistratura, perché quanto riportato dai giornali è già di estrema gravità e rappresenta solamente la punta dell'iceberg. Quanto sostenuto negli articoli dal presidente delle cooperative è grave, perché si inserisce in una promessa pre-elettorale».

Ed i giudici indagano

La magistratura, dopo le interpellanze parlamentari sull'affaire parcheggi, ed in seguito alla querela proposta da Alfredo Messina e da Antonio Barbuti ai danni di Angelo Servillo, ha aperto un'inchiesta. L'indagine ed i relativi atti giudiziari vedono implicato in prima persona l'assessore Antonio Barbuti, oggetto di provvedimenti che le forze dell'ordine hanno notificato giovedì mattina. La risposta del sottosegretario agli Interni faceva riferimento, oltre che a presunte promesse elettorali, anche a minacce che sarebbero state fatte a Giovanni Baldi (nella foto in basso) affinché ritirasse la sua preannunciata candidatura a sindaco.

L'AGGRESSIONE A NAPOLI E LE MINACCE A BALDI

«Episodi che non c'entrano con la giunta»

Il sottosegretario Antonio D'Alì ha risposto anche in merito all'interpellanza relativa all'aggressione subita, ad opera di sostenitori di Forza Italia, dal neo consigliere Luigi Napoli di An, prima del ballottaggio che consacrò Alfredo Messina sindaco di Cava. «Il 26 maggio scorso è stata sporta una querela da parte di Luigi Napoli - risponde D'Alì - appena eletto consigliere comunale. Secondo quanto riferito al commissariato di Cava, sarebbe stato aggredito ed insultato da un gruppo di giovani che affiggevano manifesti elettorali per l'imminente ballottaggio». Nell'aggressione Napoli riportò lesioni personali, con una prognosi di sette giorni; le successive indagini individuarono uno degli autori delle violenze, che fu denunciato in stato di libertà alla Procura della Repubblica salernitana. «Massima è l'attenzione delle forze di polizia nei riguardi di tal genere di episodi di intolleranza - continua D'Alì - che non sembrano aver alcun riflesso di rilievo, al momento, sulla situazione politica locale, né può trovare consistenza l'ipotesi di un eventuale intervento di controllo sugli organi, data l'assoluta mancanza di presupposti». Le conclusioni del governo non colgono di sorpresa Luigi Napoli: «Spero che la giustizia faccia luce sulla vicenda - afferma il consigliere di AN - la politica è fatta di altre cose, confronto, dibattito anche acceso, ma sempre nei limiti della correttezza e del rispetto della dignità di chi gratuitamente si impegna. Si deve far chiarezza sulla natura politica dell'aggressione non per vendetta, ma per riaffermare i valori della politica».

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Politica

Cava, nominato staff del sindaco. La Fratellanza: «Ecco chi sono e quanto ci costano»

E' stato nominato nei giorni scorsi il nuovo staff del sindaco di Cava de' Tirreni, Vincenzo Servalli. Giuseppe Aliotti è di nuovo il capo dello staff del sindaco, così come Rino Ferrara, responsabile della comunicazione istituzionale e portavoce, Annalaura Ferrara, come addetto stampa e con contratto...

Cava de' Tirreni, "Siamo Cavesi": «Nomina di Di Matteo? Palese tradimento della volontà popolare»

«La nomina nello staff di due consiglieri eletti in maggioranza nelle ultime elezioni amministrative - e in particolare di Annalaura Ferrara (già addetto stampa e adesso riconfermata) e Massimiliano Di Matteo - manifesta un palese tradimento della volontà popolare». E' questo l'inizio del comunicato...

Cava de' Tirreni, Cirielli a Servalli: «Solleciti proclamazione dei consiglieri eletti»

«E' passato un mese dalle elezioni comunali a Cava de' Tirreni e ancora non si è proceduto alla proclamazione dei consiglieri comunali eletti: caro sindaco Servalli, a chi stiamo aspettando?». Lo dichiara, in una nota, il consigliere comunale di Fratelli d'Italia Italo Cirielli: «Siamo ormai entrati...

Cava. Divieto di asporto dalle 21, Del Vecchio: «Misura inconcepibile che non frena il contagio»

Nell'ordinanza pubblicata nella serata di ieri, il presidente Vincenzo De Luca ha introdotto tra le misure restrittive il «divieto di vendita con asporto dalle 21,00». Una decisione non condivisa da Giovanni Del Vecchio, assessore alle attività produttive di Cava de' Tirreni, che affida ai social un...

Del Vecchio come De Luca: «Contagi a Cava? Colpa dei giovani». E sui locali: «Rispettano le regole»

«Con il nuovo Dpcm prevede la possibilità per i sindaci di chiudere al pubblico le vie e le piazze dove si possono creare assembramenti. Quello che avevo anticipato nei giorni precedenti di minacciare la chiusura delle piazze San Francesco e Abbro è stata recepita dal Governo Conte». Sono le parole,...