Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Giuseppe Calasanzio

Date rapide

Oggi: 25 agosto

Ieri: 24 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Gusta Minori 2019 vi aspetta in Costiera Amalfitana con "Accussì Natalea" il 29, 30 e 31 agosto 2019

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa Tramontina, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, prodotti unici, mozzarella, ricotta, bufala campanaDivin Baguette Maiori Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaSparatoria sulla statale 18

Granato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoCentro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Sparatoria sulla statale 18

Scritto da Il Mattino (admin), martedì 6 novembre 2001 00:00:00

Ultimo aggiornamento martedì 6 novembre 2001 00:00:00

Mozzafiato l'inseguimento che nel tardo pomeriggio di ieri si è reso necessario per bloccare due noti pregiudicati dell'Agro, che hanno eluso un posto di blocco della polizia. Protagonisti della rocambolesca vicenda gli agenti della Polizia di Stato dei Commissariati di Cava de' Tirreni e Nocera Inferiore, che in una fulminea e sinergica operazione di controllo del territorio hanno messo a segno un'importante operazione. Sono, infatti, riusciti a stringere le manette attorno ai polsi di uno dei malviventi, Salvatore Oliveto, e avrebbero già identificato il suo compare, che è riuscito, però, a darsi alla macchia. Le indagini sono, chiaramente, ancora in corso e non è da escludere che già nelle prossime ore anche l'altro uomo venga arrestato. La dinamica della vicenda ha davvero dell'incredibile: prima di schiantarsi contro un muro a Nocera Inferiore, infatti, i due malviventi hanno fatto il giro di tutta la città di Nocera Superiore, nonostante i numerosi colpi di pistola esplosi in aria dai poliziotti a scopo intimidatorio. Ma procediamo con ordine.

Erano le cinque

Erano appena trascorse le cinque del pomeriggio di ieri quando due agenti in borghese, su un'auto civetta del commissariato di Cava de' Tirreni, hanno intercettato, lungo la statale 18, in territorio di Nocera Superiore, due noti pregiudicati di Nocera Inferiore. I due, già noti alle forze di polizia, viaggiavano a bordo di una Fiat Uno, risultata poi rubata, in direzione di Nocera Inferiore. Non è confermato, ma pare che fossero stati individuati come gli autori di uno scippo messo a segno poco prima a Cava. Certo è che, nell'intento di eseguire un normale controllo, gli agenti di Polizia hanno intimato l'alt ai due uomini, i quali, senza pensarci troppo, si sono dati alla fuga. Hanno invertito bruscamente il loro senso di marcia e hanno cominciato una folle gimcana a tutta velocità tra le auto paralizzate nel traffico dell'ora di punta. Hanno percorso la statale 18, in direzione di Cava, tagliando per Camerelle e immettendosi nel centro abitato di Nocera Superiore. Hanno percorso Via Pecorari, Via Vincenzo Russo, via Mazzini e via San Pietro, nell'intento di reimmettersi sulla Nazionale il più vicino possibile al Borgo Vescovado di Nocera Inferiore, dove entrambi risiedono, sempre tallonati dalla Polizia. Ignorando i colpi di pistola, le segnalazioni con la paletta e le sirene spiegate, i due hanno continuato a correre in pieno centro cittadino, mettendo a repentaglio la vita dei passanti. Nel mentre, il numero delle pattuglie lanciate al loro inseguimento è salito a sei. All'auto civetta di Cava si sono aggiunte due pattuglie inviate dal vice questore Sebastiano Coppola ed altre tre con a bordo gli uomini agli ordini del vice questore di Nocera Inferiore, Antonio Maione (nella foto). Una volta accerchiati nuovamente sulla Nazionale, i due balordi hanno cercato di mettere a punto l'ultimo tentativo di fuga, imboccando una stradina secondaria, che li avrebbe condotti tra i prefabbricati pesanti situati al Borgo Vescovado di Nocera Inferiore. Ma il maldestro tentativo di sfuggire alle gazzelle della polizia ha fatto sì che l'auto sbandasse, finendo così contro un muro.

La refurtiva

Prima di essere braccati dalle gazzelle, però, stando alle testimonianze di alcune persone che sostavano davanti ad un bar situato sulla Nazionale, i due si sarebbero disfatti di un fagotto, gettandolo in tutta fretta nel torrente Cavaiola. Potrebbe trattarsi della refurtiva del loro ennesimo colpo, di un'arma o addirittura di droga. Tutte ipotesi al vaglio degli inquirenti, che, per il momento, non aggiungono altro. Terminata miseramente per i due balordi la folle corsa che ha messo in subbuglio e seminato il panico in tutta la città, sono scattate immediatamente le manette per il nocerino pluripregiudicato Salvatore Oliveto. Il suo complice, sulla cui identità gli inquirenti non si sono ancora pronunciati, è riuscito a fuggire. Gli investigatori, sia sul fronte nocerino che su quello cavese, hanno dichiarato di essere sulla buona strada e contano di mettere a segno il secondo arresto in breve tempo.

Quel fagotto nella Cavaiola

Hanno scandagliato un lungo tratto del torrente Cavaiola i vigili del Fuoco del distaccamento di Nocera Inferiore nel tardo pomeriggio di ieri. Per ore hanno cercato di rinvenire il fagotto che, a detta di alcuni testimoni oculari, i due pregiudicati, inseguiti per tutta la città di Nocera Superiore dalla polizia, avrebbero gettato nel torrente alla vista dell'auto civetta posteggiata all'altezza del mobilificio Martorelli. Poco o nulla si sa di questo particolare della vicenda, che ha tenuto con il fiato sospeso tutta la città di Nocera Superiore e ha seminato il panico lungo le principali vie cittadine, percorse dai malviventi inseguiti dagli uomini dei due principali commissariati della zona: Cava de' Tirreni e Nocera Inferiore. Potrebbe trattarsi di un fagotto contenente un'arma o semplicemente la refurtiva di uno dei tanti colpi messi a segno dai due pregiudicati. Le loro precedenti condanne, infatti, sarebbero inerenti a reati contro il patrimonio, quindi furti e rapine improprie. Niente avrebbero a che vedere, fino a questo momento, con il mondo della droga a cui in un primo momento si era fatto cenno per giustificare la folle fuga dei due nocerini. Non bisogna dimenticare, però, che anche l'auto sulla quale i due viaggiavano è risultata rubata, proprio a Cava, qualche mese fa.

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Rifiuti sul sagrato del Santuario di Cava: scatta la polemica dei cittadini

La scarsa sensibilità di alcuni non lascia indenne dal degrado nessun luogo, nemmeno un luogo sacro. A farne le spese, questa volta, è il sagrato del Santuario Francescano di San Francesco d'Assisi e Sant'Antonio da Padova che, dopo l'ennesimo sabato di movida, è stato trasformato in una discarica a...

Cava de' Tirreni: nuovo no al carcere per l'ex vicesindaco Polichetti

Nuovo "no" al carcere per Enrico Polichetti, l'ex vicesindaco Cava de' Tirreni accusato di scambio elettorale politico mafioso. Tre ore, infatti, non sono state sufficienti per confutare "adeguatamente gli ulteriori elementi" prodotti dall'Antimafia. Con queste motivazioni la Corte di Cassazione, come...

Controlli alla movida a Cava, Servalli: «La sicurezza dei nostri giovani è un bene primario»

Nell'ambito dei servizi di prevenzione e controllo del territorio, preordinati dall'amministrazione Servalli, con particolare riguardo ai luoghi e alle attività della movida cavese, a partire dalle 23 di ieri venerdì 23 agosto, e fino a notte inoltrata, è stato svolto una operazione congiunta da parte...

Furgone senza controllo: 77enne salernitano muore schiacciato in Irpinia

Tragedia a Montemarano, dove un 77enne originario di Roccapiemonte, ma residente da anni a Castel San Giorgio, travolto da un automezzo di proprietà di una ditta di fuochi d'artificio di Cava de' Tirreni. L'uomo (M.B. queste le sue iniziali) si era recato nel paese irpino per partecipare allo spettacolo...

Cava, rapina in negozio di abbigliamento: commerciante si vendica sui social

Entra in un negozio per sottrarre un capo d'abbigliamento. Pensa di averla fatta franca, ma la titolare dell'esercizio commerciante pubblica su facebook le immagini delle telecamere di videosorveglianza per incastrarla. A riportare la notizia il quotidiano "Il Mattino". La vicenda è avvenuta in un negozio...