Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 ore fa S. Giacomo martire

Date rapide

Oggi: 22 aprile

Ieri: 21 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Tutto il gusto di un panino d'Autore con la possibilità di abbinare un grande vino italiano. Divin Baguette apre prossimamente a Maiori in Costiera Amalfitana Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronacaSangue ed orrore nella galleria di Rufoli

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Sangue ed orrore nella galleria di Rufoli

Scritto da Il Mattino (admin), martedì 27 novembre 2001 00:00:00

Ultimo aggiornamento martedì 27 novembre 2001 00:00:00

«Appena hanno superato quella curva a gomito, davanti ai loro occhi è calato il buio. Hanno perso conoscenza ed ora ricordano solo qualche frammento». La sorella di Fortunato Sorrentino, uno dei tre giovani rimasti coinvolti nel terribile incidente di sabato notte sull'autostrada Salerno-Reggio Calabria, in prossimità della galleria Rufoli, è ancora incredula. Come lei, anche il resto della sua famiglia. Non potevano immaginare che per il loro ragazzo quella serata in compagnia dei suoi più cari amici potesse finire in tragedia. Ed invece il suo compagno di infanzia, Gennaro Petrosino, 22 anni, geometra, lotta tra la vita e la morte in una stanza della rianimazione dell'ospedale San Luca di Vallo della Lucania. I medici confidano nella sua forte fibra. Lui era seduto accanto a Fortunato, alla guida della Lancia Dedra. Durante la carambola, prima che l'auto si schiantasse contro il guardrail, ha sbattuto più volte la testa, riportando un trauma cranico e toracico.

Le testimonianze

È andata meglio a Fortunato e Giovanna Senatore. La loro cartella clinica parlerebbe di 7 giorni di guarigione, ma i medici del San Leonardo, dove sono ricoverati, hanno deciso di mantenerli ancora sotto osservazione. Anche loro, come Gennaro, per parecchio tempo sono rimasti privi di conoscenza. Sono riusciti, però, a fornire la loro testimonianza alla polizia. Ma dopo una prima deposizione hanno ritrattato. Troppe zone d'ombra nella loro mente, troppo buchi per essere sicuri di quello che hanno visto al chilometro 2 dell'A3. «Dopo l'urto sono svenuti - racconta la sorella di Fortunato - I loro ricordi sono così confusi che hanno cambiato più volte la loro deposizione. Noi non abbiamo dato certo peso alla dinamica dell'incidente. La nostra unica preoccupazione è che stiano bene: Gennaro deve cavarsela». I tre ragazzi sono amici dall'infanzia. Gennaro è cresciuto nella frazione di Pregiato, sotto l'ala protettrice di papà Aniello, benzinaio. Fortunato, solo un anno più grande, è di Passiano, con il papà Vincenzo impiegato nella pubblica amministrazione. Hanno frequentato insieme l'istituto per geometri e dopo la maturità hanno proseguito gli studi, seguendo alcuni corsi e avviandosi ai primi lavoretti. E poi Giovanna, la compagna da sempre, nessuna implicazione sentimentale, ma una fraterna amicizia. Anche sabato scorso erano usciti insieme, come ogni sabato. Dopo un primo giro al corso avevano deciso di continuare la serata al bowling di Pontecagnano. Sono saliti sulla Lancia Dedra di Gennaro e hanno raggiunto il locale salernitano. Hanno fatto una partita, sfidandosi fino all'ultimo colpo. Poi, intorno all'una, hanno pensato di rincasare. Gennaro avrebbe chiesto a Fortunato di guidare. «Ho un terribile mal di testa. Che fai guidi tu?», avrebbe detto all'amico. E sono partiti. Dopo pochi chilometri li attendeva l'inferno. Su quello stesso tratto di strada della corsia nord che porta a Salerno un altro giovane, Domenico Alfieri, aveva perso la vita. Forse non hanno fatto in tempo ad accorgersi della fila di auto, incolonnate dietro il camion che ha trascinato il corpo del giovane, e si sono schiantati.

PER GENNARO SI TROVA POSTO SOLO A VALLO

L'odissea di Gennaro Petrosino, il 22enne ancora in prognosi riservata al reparto di rianimazione dell'ospedale San Luca di Vallo della Lucania, si tinge di un'ulteriore macchia: la carenza cronica di posti letto nelle strutture ospedaliere della provincia. Così la tragedia di sabato notte è stata resa, se possibile, ancora più gravosa per i parenti delle vittime dalla straziante corsa contro il tempo in cerca di un posto disponibile in rianimazione. E dall'incubo di fare troppo tardi. «Ci hanno detto che i soccorsi sono arrivati subito - raccontano i familiari dei tre giovani - Nel giro di pochi minuti sono stati trasferiti al San Leonardo, ma per Gennaro non c'erano posti».

Il calvario

Gennaro aveva bisogno di maggiori cure: un duplice trauma cranico e toracico rendeva necessario il ricovero in un reparto di terapia intensiva. Al San Leonardo, però, era tutto al completo. È iniziato, così, un rapido giro di telefonate, coordinato dalla centrale del 118 che fornisce tutte le indicazioni circa le disponibilità dei posti letto in provincia. L'unico posto disponibile era a Vallo della Lucania, presso l'ospedale San Luca. Dal telefono la notizia è giunta alla famiglia Petrosino. «Non si preoccupi, suo figlio non è grave - avrebbero riferito gli operatori per non allarmare i familiari - Ha avuto un incidente, ora è al pronto soccorso». Il tempo di riagganciare e papà Aniello era già in auto per raggiungere Salerno, ma la sua corsa non era finita. Nel frattempo i medici dell'azienda ospedaliera avevano predisposto il suo trasferimento a Vallo. Un elicottero era pronto per decollare. Gennaro, ancora privo di conoscenza, ha proseguito la sua battaglia per la vita. Alle prime luci del giorno di domenica finalmente ha iniziato la terapia nel reparto di rianimazione. Fuori, nella sala di attesa, c'erano i parenti in attesa di notizie più confortanti. «Saperlo così lontano - dice la sorella di Fortunato - non è certo più rassicurante. Questa mattina anche i miei genitori sono andati fino a Vallo per avere sue notizie». Le condizioni del giovane restano pressoché le stesse ed i medici, infatti, non hanno ancora sciolto la prognosi. A preoccupare di più è il duplice trauma cranico e toracico che lo costringe legato ad un tubicino per stimolare la respirazione. «Gennaro se la caverà - ne sono certi gli amici di Pregiato - Ha una grande forza di volontà e vincerà anche questa battaglia».

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Torna l’incubo vandalismo a Cava, danneggiate tre auto

Ancora vandali a Cava de' Tirreni. Nella notte tra mercoledì e giovedì, infatti, sono stati frantumati i vetri di alcune automobili in via Giovanni Canali. Sono tre le vetture danneggiate. Stando alle indiscrezioni, nel mirino c'era anche una quarta auto, ma il tentativo di vandalismo non è andato a...

Nocera, arrestato parcheggiatore abusivo cavese: nascondeva hashish presso abitazione

Nell'ambito delle operazioni volte al contrasto dell'attività di spaccio di sostanze stupefacenti a Nocera Inferiore, gli agenti della Polizia di Stato del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza - Squadra Volante - hanno proceduto all'arresto di C.A., pregiudicato cavese di 24 anni. Secondo una prima...

Incidente mortale a Nocera, libero il 47enne cavese accusato di omicidio stradale

Torna libero M.A., il 47enne di Cava de' Tirreni responsabile, nella notte tra sabato e domenica, dell'incidente in via Nazionale a Nocera Inferiore che è costato la vita ad uno studente di 17 anni, Raffaele Rossi. L'automobilista cavese era alla guida dell'Opel Astra quando, dopo un sorpasso azzardato,...

Cava de’ Tirreni, truffa e falsi pellegrinaggi per San Giovanni Rotondo

Avevano promosso un pellegrinaggio per San Giovanni Rotondo, raccogliendo adesioni anche attraverso l'affissione di locandine in vari punti di Cava de' Tirreni, ma questa volta si trattava di una truffa. Lo hanno scoperto a loro spese due donne, M. A. e P. M., entrambe residenti in via Filangieri, a...

Cava, colpì l'amico in volto con un boccale di birra: a processo

Litigò con l'amico e, per futili motivi, lo colpì in volto con un boccale di birra, causandogli ferite da taglio multiple al viso e al collo. A distanza di circa tre anni, l'indagato, classe '76, è è destinatario di una richiesta di processo da parte del sostituto procuratore di Nocera Inferiore, Ernesto...