Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 ore fa S. Giuseppe Pign.

Date rapide

Oggi: 25 settembre

Ieri: 24 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

San Francesco d'Assisi Patrono d'ItaliaDivin Baguette Maiori Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaProcesso Delianuova, un carabiniere riconosce Chiafalà

Acquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.Villa Eva Wedding location in Ravello - Matrimonio da favola in villa esclusiva che domina la Costiera AmalfitanaLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoCentro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneRistorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'AmalfiSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiGeljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera AmalfitanaLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiMTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - ItaliaIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Processo Delianuova, un carabiniere riconosce Chiafalà

Scritto da (admin), giovedì 1 luglio 2004 00:00:00

Ultimo aggiornamento giovedì 1 luglio 2004 00:00:00

Un carabiniere di Palmi ha riconosciuto in aula Pierpaolo Chiafalà, il giovane ultrà aquilotto imputato nel processo che vede coinvolti i tifosi della Cavese e del Delianuova. Tutti accusati, a diverso titolo, per i tafferugli del 3 novembre 2002 avvenuti dopo la partita Delianuova-Cavese. Ieri, nel Tribunale di Reggio Calabria, si è tenuta la seconda udienza che ha dato seguito all'istruttoria, con l'audizione di uno dei carabinieri calabresi impegnati negli scontri. Il militare ha riconosciuto Chiafalà, difeso dagli avvocati Alfonso e Marco Senatore, come uno dei giovani identificati durante la guerriglia, perché armato di bastoni ed intento al lancio di pietre. Nel corso del contro-interrogatorio, il carabiniere ha negato, però, la presenza di prove fotografiche che ritraessero i tifosi biancoblù durante gli scontri. Secondo il militare, ci sarebbero solo foto dei supporter del Delianuova, perché scattate dagli ultrà delle Cavese e pertanto omologabili come foto di parte. Una tesi contestata dalla difesa, rappresentata dai fratelli Senatore. Secondo i legali di Chiafalà, quelle fotografie erano state scattate dalla Polizia di Gioia Tauro. Al termine della seduta, l'udienza è stata rinviata al prossimo 22 settembre. In quella data sarà ascoltato un secondo carabiniere e verranno acquisite le prove fotografiche per accertarne anche la provenienza. Si allungano i tempi, così, per la conclusione del processo, che ha già visto diversi verdetti. Lo stesso Chiafalà ha già ottenuto una prima vittoria giudiziaria. Nelle prime ore dall'avvio dell'inchiesta gli avvocati Senatore presentarono ricorso in Cassazione contro il provvedimento di diffida emesso dal questore nei confronti del giovane. La Cassazione accolse il ricorso, annullando il provvedimento ed il conseguente obbligo di firma. Negli altri tronconi del processo, 3 minorenni, tifosi della Cavese, difesi da Alfonso e Marco Senatore, sono stati assolti con formula piena. Due di loro, M.M. e V.C, furono rinviati a giudizio lo scorso gennaio dal Gip del Tribunale di Reggio Calabria, Giuseppe Di Bella. Nel corso della stessa udienza fu stralciata la posizione di un terzo tifoso della Cavese, per un vizio di forma, mentre i 5 ultrà minorenni calabresi furono prosciolti: per loro il giudice dispose il non luogo a procedere. I due baby tifosi furono rinviati a giudizio, nonostante il pm avesse avanzato in sede di udienza preliminare la richiesta di perdono giudiziale. Possibilità respinta dagli avvocati Senatore, perché avrebbe significato una condanna a tutti gli effetti. Il Gip Di Bella decise per l'avvio del procedimento, dicendosi pronto ad approfondire le prove difensive presentate dai legali. I due giovani tifosi, accusati di resistenza a pubblico ufficiale - nella fattispecie i Carabinieri di Palmi - sono stati assolti con formula piena. Stesso verdetto anche per il terzo minorenne: venerdì scorso, in sede di udienza preliminare, il giudice del Tribunale calabrese ha deciso per l'assoluzione con formula piena. La difesa è riuscita a dimostrare che i fatti contestati - il lancio di pietre e sassi - non erano prova di aggressione, bensì legittima difesa.

rank:

Cronaca

Cava de' Tirreni, incendio in zona Spineta: vigili del fuoco in azione

Un incendio di entità consistente si sta consumando nella zona a confine tra Cava de' Tirreni e Nocera Superiore, nella zona denomina Spineta. Grossi e densi nuvoloni di fumo nero e lingue di fuoco si stanno spargendo nell'aria e nella zona circostante. Ancora non ci sono informazioni dettagliate sull'accaduto....

Incidente sulla statale 18: fuori pericolo il bambino investito da scooter

E' fuori pericolo il bambino che ieri pomeriggio, insieme al padre, è stato investito da uno scooter guidato da una 16enne sulla SS18 che collega Cava de' Tirreni e Vietri sul Mare. Il piccolo era stato condotto prima al pronto soccorso del Santa Maria dell'Olmo in codice rosso, poi, dopo le prime cure,...

Tentato furto alla "Bcc" di Campigliano: cinque arresti

Avevano pianificato il colpo da tempo e nei minimi dettagli ma qualcosa, questa notte, deve essere andato storto. E così è saltato il furto ai danni della filiale della BCC di Campigliano orchestrato da una banda specializzata in queste azioni sulle cui tracce c'erano anche i poliziotti di Napoli. Cinque...

Incidente tra Cava e Vietri: padre e figlio investiti da uno scooter

Grave incidente stamattina sulla SS18 che collega Cava de' Tirreni e Vietri sul Mare: mentre attraversavano la strada, padre e figlio sono stati investiti da uno scooter guidato da una ragazza. Stando alla prima ricostruzione dei testimoni presenti sulla scena l'uomo e il bimbo stavano attraversando...

Cava de' Tirreni, 47enne evade dai domiciliari: scoperta e arrestata

Evade dai domiciliari per poi essere sorpresa dai carabinieri e arrestata. E' accaduto a Cava de' Tirreni lo scorso 17 settembre. Protagonista dell'episodio è una 47enne, agli arresti domiciliari dall'11 ottobre 2017, già pregiudicata per analoghi reati e non solo. Come scrive il giornalista di cavese,...