Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 30 minuti fa S. Costanzo patrono di PG

Date rapide

Oggi: 29 gennaio

Ieri: 28 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaProcesso antiracket, tocca ai testimoni

La dolcezza del Natale a portata di Click con i Panettoni e le specialità natalizie di Sal De RisoCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera Amalfitana

Cronaca

Processo antiracket, tocca ai testimoni

Scritto da Il Mattino (admin), mercoledì 26 giugno 2002 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 26 giugno 2002 00:00:00

Saranno ascoltati venerdì prossimo: arriveranno in aula come testimoni nel processo contro la banda del pizzo che terrorizzò i commercianti della zona industriale. Ciro Lodato ed Antonio Stabile saranno chiamati a testimoniare sui tre presunti affiliati al clan Bisogno, denunciati nel novembre di due anni fa da alcuni imprenditori cavesi finiti nella morsa del racket. A coinvolgerli nel lungo processo è stata la testimonianza dell'imprenditore Gerardo Pisapia, finora teste chiave dell'inchiesta partita con la denuncia contro Vincenzo D'Elia (difeso dall'avvocato Rodolfo Viserta), Pierangelo Pezzella (nella foto in alto, avvocato Giovanni Annunziata) e Guerino Lambiase (difeso dagli avvocati Marco Salerno e Maurizio Mastrogiovanni), suoi presunti estorsori. Per l'imprenditore cavese altri due suoi colleghi avrebbero assistito all'incontro fissato per la consegna del pizzo e conclusosi con l'arresto dei tre taglieggiatori. La rivelazione è saltata fuori durante il controinterrogatorio, tenutosi nelle precedenti sedute dibattimentali. Durante il secondo interrogatorio sostenuto in aula, Pisapia ha indicato la presenza di suoi due conoscenti, Lodato e Stabile, «che gli avrebbero detto alcune cose sul conto dei tre uomini che lo stavano aspettando». Era il 17 novembre del 2000, secondo quanto riportato nella deposizione del teste chiave Pisapia: l'appuntamento con Pezzella, D'Elia e Lambiase (nella foto al centro) era previsto per le ore 19. Prima di recarsi all'incontro, l'imprenditore, impegnato nel settore dei trasporti, avrebbe avvertito gli agenti del Commissariato locale, diretto dal vicequestore Sebastiano Coppola, indicando il luogo e l'orario fissato per il pagamento del pizzo. Una volta davanti alla Tribuna centrale dello stadio comunale "Simonetta Lamberti", l'imprenditore avrebbe azionato il registratore per conservare su nastro l'intero colloquio, compresa la presunta richiesta di soldi: 300mila lire. Intanto, l'intero quartiere era stato accerchiato dai poliziotti. E così, nello stesso istante in cui D'Elia (nella foto in basso) afferrò le banconote, gli agenti gli piombarono addosso. Con lui furono arrestati Pierangelo Pezzella e Guerino Lambiase con l'accusa di estorsione. Ora si attendono le prossime udienze per cercare di trovare delle conferme o delle smentite a quello che finora è apparso un faccia a faccia tra l'imprenditore cavese ed i suoi tre presunti estorsori. Intanto, il collegio difensivo si dice tranquillo: tredici testimoni, infatti, scardinerebbero l'impianto accusatorio, compreso l'incontro incriminato. Per gli avvocati difensori le 300mila lire riscosse in occasione dell'arresto riguarderebbero l'estinzione di un credito.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

rank:

Cronaca

Ossigeno industriale al posto dell'ossigeno medicinale: sequestro a Cava de' Tirreni

Ossigeno industriale al posto dell'ossigeno medicinale in alcune bombole in uso sulle ambulanze del 118. E' questa l'amara scoperta fatta dai Nas di Salerno all'interno di un'azienda di Cava de' Tirreni. Come riporta il quotidiano "La Città", l'inchiesta è stata aperta dalla Procura di Nocera Inferiore...

Napoli, caso sospetto di Coronavirus: ricoverati sposini cinesi in viaggio di nozze

Il primo caso sospetto di coronavirus in Campania ha destato enorme preoccupazione: un 28enne cinese, originario di Hubei, è stato ricoverato ieri pomeriggio all'ospedale Cotugno per problemi respiratori e sintomi influenzali. Tuttavia, stando alle ultime indiscrezioni, l'uomo non sarebbe arrivato in...

Napoli, caso sospetto di Coronavirus: 28enne cinese sotto osservazione

Caso sospetto di coronavirus a Napoli, dove sono in corso accertamenti su un 28enne. L'uomo, ricoverato prima al Vecchio Pellegrini e poi all'ospedale Cotugno, avrebbe accusato problemi respiratori e sintomi influenzali. Stando a quanto appreso, il 28enne è originario di Hubei, una provincia centrale...

Cava de’Tirreni, finti operatori Enel tentano truffa: è allarme

Finti operatori Enel in azione a Cava de' Tirreni. Nei giorni scorsi, infatti, in molti hanno segnalato la presenza di persone che munite di un tesserino di riconoscimento Enel, suonavano ai campanelli delle abitazioni per cercare di convincere i cittadini, soprattutto persone anziane, a stipulare nuove...

Ordigno bellico trovato nel porto di Salerno fatto brillare a largo di Capo d’Orso [VIDEO]

È stato fatto brillare stamani, nelle acque a largo di Capo d'Orso, l'ordigno bellico risalente alla seconda guerra mondiale rinvenuto ieri sul fondale del porto di Salerno. Durante le operazioni di dragaggio che la nave belga Breydel sta effettuando nel bacino portuale. Del caso era stata informata...