Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 10 minuti fa S. Contardo Ferrini

Date rapide

Oggi: 20 ottobre

Ieri: 19 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Hotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaTerra di Limoni - Limoncello e liquori della Costa d'AmalfiLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiConnectivia Fiber & Wireless Solution. Soluzioni Business e Home di connettività ad alte prestazioni, videosorveglianza e soluzioni personalizzate

Tu sei qui: SezioniCronacaOmicidio Avagliano, due ergastoli

Soluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera Amalfitana

Cronaca

Omicidio Avagliano, due ergastoli

Scritto da (admin), lunedì 20 giugno 2005 00:00:00

Ultimo aggiornamento lunedì 20 giugno 2005 00:00:00

Per evitare di essere accusati dell'uccisione di un boss avversario, all'epoca "dominus" sulla città di Pagani, il "pentito" Mario Pepe dirottò abilmente le indagini degli investigatori. Si inventò la soffiata della moglie di un pregiudicato che era infermiera nell'ospedale dove fu giustiziato il boss paganese, pur di evitare l'addebito dell'omicidio al suo gruppo. Alfonso Avagliano, marito dell'infermiera, fu ucciso tre mesi dopo l'omicidio di Peppe Saccone. Dopo 15 anni, ed in seguito ad una prima archiviazione e conseguente apertura del processo, si arriva alla verità processuale con la condanna a due ergastoli per il mandante e l'esecutore dell'omicidio di Alfonso Avagliano. Due assoluzioni per i presunti basisti dell'omicidio avvenuto nel settembre di 15 anni fa a Cava de'Tirreni. La Corte di Assise di Salerno (presidente Frega) ha emesso la sentenza su uno dei fatti di sangue più gravi avvenuti negli anni di piombo della guerra di camorra salernitana. Dopo l'archiviazione delle indagini in prima battuta, furono poi i pentiti a far riaprire il processo. L'omicidio Avagliano, secondo l'accusa, era maturato come ritorsione all'omicidio di Giuseppe Olivieri, compiuto nel giugno del '90 nell'ospedale di Cava de'Tirreni. Secondo i collaboratori di giustizia, l'individuazione di Olivieri nell'ospedale di Cava fu compiuta dai sicari in seguito alla soffiata che la moglie di Alfonso Avagliano, infermiere all'interno dell'ospedale, diede al marito ed agli altri complici. Ma anche sulle parole dei collaboratori di giustizia, dopo gli approfondimenti del dibattimento, si sono avuti i riscontri negativi. Uno dei essi è particolarmente eclatante. Riguarda un presunto basista, il meccanico Pietro Salsano, accusato di aver fornito appoggio al commando della camorra, mettendo a disposizione la propria officina come base logistica. Salsano, difeso dagli avvocati Siniscalchi, Balice e Dalia, è stato poi assolto. Era finito nel processo perché in quei giorni aveva in riparazione, presso la propria officina, una Fiat 500. Era stato coinvolto nell'indagine perché la moglie di Alfonso Avagliano dichiarò di «aver sentito il rumore di una 500 o di una 126 che si allontanava dopo gli spari». Si sarebbe trattato proprio della 500 all'epoca dei fatti in riparazione presso l'officina dell'imputato Salsano. Un elemento, questo, riportato ripetutamente nelle dichiarazioni dei pentiti, anche se non sapevano specificare il contributo realmente fornito dal meccanico. Il pm Cassaniello ha chiesto l'ergastolo per tutti gli imputati. Le difese di Bisogno (avv. De Concilio), Lamberti (avv. Falci), De Martino (avv. Pecoraro) e Salsano hanno fornito ricostruzioni alternative. In particolare, la difesa del meccanico ha puntato l'attenzione «sull'ambigua contaminazione tra gli investigatori ed i collaboratori di giustizia allora confidenti della Polizia». «Il coinvolgimento del meccanico - dichiara l'avv. Vincenzo Siniscalchi - appariva più il frutto della circolazione perversa del nome e cognome che la descrizione di un contributo fattivo all'operazione». La Corte di Assise, dopo sei ore di camera di consiglio, ha condannato all'ergastolo Bisogno e Lamberti, assolvendo Salsano e De Martino. «La ricostruzione fornita dai collaboratori di giustizia, anche in seguito al serrato controesame, è risultata parzialmente minata da una serie di contaminazioni con l'ambiente investigativo, tale da far sorgere il dubbio circa la genuinità e l'autenticità della provenienza della fonte di informazione».
Il grande vecchio ed i suoi "piccirilli"
Il grande vecchio: così è conosciuto a Cava Mario Bisogno, capo dell'omonimo clan camorristico, terrore dei commercianti della zona. La grande famiglia dedita al racket ed al riciclaggio del denaro sporco. Dalla sua abitazione, in via Vittorio Veneto, Mario controllava i "piccirilli" del clan. 43 affiliati, condannati con lui in diversi processi che lo vedono imputato con l'accusa di associazione a delinquere per fini camorristici.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

rank:

Cronaca

Covid, a Cava de' Tirreni superati gli 80 positivi: l'annuncio del sindaco

«Molti cittadini, mi sollecitano un aggiornamento sulla situazione Covid 19 in città. In questo momento abbiamo 81 casi accertati di positivi al coronavirus. Gran parte di questi nostri concittadini sono asintomatici e non ci sono casi che hanno richiesto la necessità di ricovero». Sono le parole, affidate...

Cava de' Tirreni, operaio cade dall'impalcatura: trasportato in ospedale

Momenti di tensione stamattina a Cava de' Tirreni, dove un giovane operaio, impiegato in un cantiere privato per il rifacimento della facciata di palazzo Gravagnuolo, è scivolato dall'impalcatura su cui stava lavorando rovinando a terra da un'altezza di circa 2 metri. Come riporta laredazione.eu, il...

Covid, altri tre positivi a Vietri: l'annuncio del sindaco

«Dobbiamo registrare altri tre nuovi casi positivi al COVID 19 a Vietri sul Mare, sono state attivate tutte le procedure». Così il sindaco Giovanni De Simone annuncia alla cittadinanza l'aumento dei contagi nella Città della Ceramica. Al momento sul territorio vietrese risultano, in totale, cinque casi...

Donna di Cava partorisce col Covid, Cisl Medici replica al marito: «Non è stata trattata come una bestia a Salerno!»

Dopo le precisazioni della direzione del Ruggi e di Mario Polichetti, responsabile del reparto "Gravidanza a rischio" dell'azienda, ora è il turno del dottor Francesco Marino, segretario provinciale della Cisl Medici e direttore dell’Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Salerno,...

Corruzione ai concorsi di Eboli e Cava, Sorrentino si difende: «Non ho assecondato Cariello»

Dopo le accuse di aver condizionato l'esito di concorsi pubblici indetti dai Comuni di Eboli e Cava de' Tirreni, Francesco Sorrentino si difende. Come riporta laredazione.eu, il dirigente comunale di Cava de' Tirreni, ascoltato mercoledì dal Gip Alfonso Scermino, ha dichiarato di non aver mai pensato...