Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 15 ore fa S. Antonio di Padova

Date rapide

Oggi: 13 giugno

Ieri: 12 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

MielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniCronacaIn carcere l'aggressore di Carrano

Soluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera Amalfitana

Cronaca

In carcere l'aggressore di Carrano

Scritto da (admin), lunedì 20 ottobre 2003 00:00:00

Ultimo aggiornamento lunedì 20 ottobre 2003 00:00:00

Una ferita alla fronte, un grosso ematoma sullo zigomo ed evidenti segni di colluttazione sul volto: sono questi i primi risultati dell'esame esterno, eseguito lo scorso sabato pomeriggio sul cadavere di Agnello Carrano, il pensionato morto dopo due giorni di coma. Un tragico evento che ha spinto la Procura a sottoporre a provvedimento di fermo d'indiziato, per il reato di omicidio preterintenzionale, Giuseppe Donnarumma, 28 anni, residente a Vietri Sul Mare. Stando alle prime indiscrezioni trapelate, i rilievi eseguiti dal medico legale Zotti, incaricato dalla Procura di Nocera Inferiore per l'esame autoptico, confermerebbero il quadro venuto fuori dalle cartelle cliniche ospedaliere, che indicavano la presenza di un trauma cranico e di un ematoma sottodurale. Ma non solo. La presenza di una ferita sulla fronte fornirebbe importanti indizi sulla ricostruzione di quella tragica mattina. Questo particolare confermerebbe che Carrano, prima di battere la testa, sarebbe stato colpito più volte e con violenza. Al momento, però, non ci sono responsi ufficiali e certezze. Sabato pomeriggio, l'autopsia è iniziata intorno alle 16 presso la camera ardente dell'ospedale "Umberto I" di Nocera Inferiore. Insieme al dott. Zotti, erano presenti anche i periti di parte, il dott. Giuliano Alfinito, nominato dai legali della famiglia Palma (i fratelli Alfonso e Marco Senatore), il dott. Raimo, consulente nominato dall'avvocato Dario Barbirotti, legale del Donnarumma, e due agenti del Commissariato di Polizia di Cava. L'esame è terminato dopo circa un'ora, ma le bocche sono rimaste cucite. Il dott. Zotti si è preso 30 giorni di tempo per ufficializzare i risultati dell'autopsia. Per quella data saranno pronti anche gli esami sui campioni di materiale cerebrale e di organi vitali (come il cuore) prelevati dal cadavere di Carrano. Come si ricorderà, Agnello era intervenuto per proteggere il genero, Giovanni Palma, dall'aggressione avvenuta davanti alla sua abitazione di Cava, a seguito di una violenta lite scoppiata per il mancato pagamento della cauzione per il rilascio dell'auto portata via dal carro attrezzo della Real Spa. La posizione dell'altro dipendente della società, che, stando alla ricostruzione fornita dagli agenti di Polizia, avrebbe partecipato alla violente lite, è ancora al vaglio degli inquirenti. Intanto, nella stessa serata di sabato, la salma di Agnello Carrano è stata liberata dal magistrato e trasferita nella camera ardente del cimitero di Cava de' Tirreni. I funerali sono in programma questa mattina ai Pianesi.

IL RACCONTO DEL GENERO

«E' morto per colpa mia, non voleva che mi facessero del male»: Giovanni Palma, genero di Agnello, ricostruisce tra le lacrime la dinamica dei fatti

«Mio suocero è morto perché voleva difendermi. Fino alla fine ha dimostrato di essere un brav'uomo e per questo è stato ucciso»: non riesce a trattenere le lacrime Giovanni Palma, il genero di Agnello Carrano. «È morto per colpa mia, per una stupidaggine. Se solo quel giorno non fosse venuto a pranzo a casa nostra...». Giovanni continua a ripetere queste parole. Tanti "se", tutti legati a delle coincidenze, cercando di trovare una spiegazione a quella che per tutta la famiglia appare una disgrazia assurda. «Quella mattina - incomincia così il suo racconto Giovanni Palma - ero andato in ospedale a Nocera per sottopormi ad una terapia. Avevo posteggiato come al solito a pochi passi dall'ospedale, dove, come ho appreso in seguito, c'era divieto di sosta. All'uscita, io e molte altre persone non abbiamo ritrovato la nostra auto». Dapprima Giovanni pensa ad un furto, ma poi si rende conto che anche altri automobilisti sono in cerca della loro vettura. «Ci hanno detto che il carro attrezzo della Real Spa le aveva portate via perché in sosta vietata. In quel momento, non sapevo cosa fare. È stato un attimo, ho pensato di andare in quel garage a riprendermela». Il suo racconto è interrotto dal pianto, ma poi riprende: vuole far conoscere la dinamica dei fatti, pensa sia un modo più veloce per fare completa giustizia. «Al garage non c'erano i proprietari, ma due dipendenti. Mi hanno chiesto di pagare la cauzione, ma io avevo con me solo 35 euro e loro ne volevano 60. Gli ho dato le mie generalità e gli ho detto di farmi pervenire a casa la fattura per il pagamento. Intanto, sono salito in macchina e sono tornato a casa». Nell'appartamento al quinto piano dell'antico Palazzo Coppola, ad aspettarlo c'erano la moglie Antonietta ed il suocero Agnello. «Da quando è morta mia suocera, veniva sempre a pranzo da noi e così è stato anche quella mattina. Eravamo nella stanza da pranzo, quando abbiamo sentito suonare il citofono». All'altro capo, c'erano i suoi aggressori. «Sono sceso e mi sono trovato davanti quei due. Era come se avessero voluto farmela pagare, perché, portando via l'auto, gli avevo fatto un affronto. Hanno incominciato a picchiarmi. Mio suocero è arrivato poco dopo. Voleva farli smettere, non sopportava che qualcuno potesse farmi del male». Giovanni dice che il più giovane dei due si è avventato contro suo suocero. «Non ricordo bene, è stato un attimo. Quello che non riesco a dimenticare è quel tonfo. Mi sono voltato, l'ho visto cadere all'indietro. Ha battuto la testa a terra. Loro due sono scappati. Io ho cercato di chiamarlo, ma da quel momento non mi ha più risposto». Giovanni è un uomo a pezzi. «Era un padre modello. Si era trasferito a Cava dopo il matrimonio. Lui era originario di Vietri sul Mare ed ha lavorato per anni alla Carpenteria Navale Gatto». Le ultime parole di Giovanni sono per le Forze dell'Ordine, i medici ed i suoi avvocati, che gli sono stati vicini: «Per questo fermo devo ringraziare gli agenti della Polizia locale, il giudice Cassaniello ed i fratelli Alfonso e Marco Senatore, i miei avvocati, che stanno facendo di tutto affinché gli assassini di mio suocero vengano consegnati alla giustizia».

Il nipotino aspetta che torni a casa

Tanti fiori, tanti telegrammi, tanta commossa partecipazione per la tragica fine di Agnello Carrano. Le famiglie di Antonietta e Giovanni sono molto conosciute e stimate a Cava. In questa drammatica circostanza si sono strette attorno soprattutto a Gianni, che è visibilmente provato, oltre che dal dolore, dal senso di colpa. L'unico figlio di Gianni ed Antonietta si chiama Roberto, che ha circa 3 anni. Il nonno Agnello era il suo più caro compagno di giochi. In questi giorni, non vedendolo, Robertino ha più volte chiesto di lui. Ma i genitori non hanno trovato ancora il coraggio di dirgli la triste verità.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

rank:

Cronaca

A Pagani sequestrati 500 chili di carne non tracciata: il blitz della forestale di Cava de' Tirreni

Circa 500 chili di carne sono stati posti sotto sequestro sanitario dai carabinieri della stazione carabinieri forestale di Cava de' Tirreni, in collaborazione con personale dell'Asl di Salerno. Il sequestro dei militari è avvenuto in un sito adibito nel comune di Pagani adibito alla lavorazione di carni...

Asilo degli orrori in Campania: bimbi nigeriani picchiati, denudati e chiusi in stanza buie

Choc a Castel Volturno (Caserta), dove gli agenti della polizia di Stato della Questura di Caserta, su delega della Procura di Santa Maria Capua Vetere hanno scoperto l'esistenza dell'asilo abusivo allestito dai coniugi in un appartamento a Castel Volturno. A riportare la notizia è "La Repubblica". All'interno...

Castel San Giorgio: oggi i funerali di Manuel, il 17enne deceduto nell'incidente tra Cava e Nocera

Castel San Giorgio si preparare a dare l'ultimo saluto a Manuel Kolaveri, il 17enne deceduto (insieme al 31enne Vincenzo Simeone) nel tragico incidente di domenica, 6 giugno, tra Cava de' Tirreni e Nocera Inferiore, lungo la Statale 18. Il sindaco ha infatti firmato l'ordinanza n. 434/2021 con cui ha...

Lite tra famiglie a Nocera Inferiore: arrestati due uomini, sequestrate bombe carta e munizioni

Lite tra due famiglie nel pomeriggio di ieri a Nocera Inferiore. Sul posto sono intervenuti gli agenti della polizia di stato, che hanno tratto in arresto due uomini per detenzione di materiale esplosivo, altamente pericoloso. Stando a quanto appreso, una delle parti coinvolte nella lite, G.F., nocerino...

Covid, in Inghilterra nuovi morti per variante indiana: 12 erano stati vaccinati

Salgono a 42 le persone decedute in Inghilterra a causa della variante Delta del Covid-19 (cioè quella indiana). Come scrive ANSA, 12 di queste persone decedute avevano ricevuto doppia dose di vaccino da almeno 14 giorni. Quanto agli altri, 23 non erano vaccinati e sette avevano ricevuto la prima dose...