Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 11 ore fa S. Costanzo martire

Date rapide

Oggi: 12 dicembre

Ieri: 11 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

La SICME Energy e Gas augura a tutti i lettori de Il Vescovado de Il Portico e di Ravello Notizie un Natale all'insegna della luce e del calore. Auguri da SICME!La pasticceria Pansa augura a tutti i nostri lettori felice Natale, visita il portale dedicato allo shopping on lineCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaDroga, pesanti condanne per il clan Zullo

La dolcezza del Natale a portata di Click con i Panettoni e le specialità natalizie di Sal De RisoCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Acquista on line i capolavori di dolcezza e genuinità artigianale del Maestro Pasticciere Sal De Riso

Cronaca

Droga, pesanti condanne per il clan Zullo

Scritto da Il Mattino (admin), mercoledì 30 ottobre 2002 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 30 ottobre 2002 00:00:00

Dure condanne per i componenti del clan, capeggiato da Lucia Zullo (nella foto), detta la «zarina», che importava cocaina dal Sudamerica. Ieri pomeriggio, la sentenza è stata pronunciata dal Giudice dell'udienza preliminare, Maria Teresa Belmonte, che ha deciso per la maggior parte degli originari 26 imputati che hanno scelto di essere giudicati con rito abbreviato. Pene da un massimo di 10 anni per la Zullo a quelle minori, comminate in base al ruolo svolto da ciascuno nell'ambito dell'organizzazione. Confermato, quindi, l'impianto accusatorio costruito dal sostituto procuratore Antonio Centore, titolare dell'inchiesta. L'operazione «Bolivar» (così fu denominata la cattura dei componenti del clan Zullo) avvenne all'alba del 25 giugno 2001. Furono arrestate 26 persone, tutte accusate, a vario titolo, di far parte o di essere in rapporti con un'organizzazione che collegava potenti corrieri colombiani con gli acquirenti su tutto il territorio provinciale. Dall'Agro alla Piana del Sele, l'organizzazione arrivava ovunque con diramazioni capillari. La cupola era gestita dalla 36enne cavese Lucia Zullo, considerata la promotrice, la dirigente e l'organizzatrice dell'associazione a delinquere. Suoi complici diretti erano Eugenio Avagliano, Ben Mamoud Abdelaziz, Salvatore Marazzito e Biagio Daniele. Con loro la "zarina" concordava quantitativi, modalità e strategie per l'acquisto e lo smercio. La Procura disegnò collegamenti e rapporti che il gruppo aveva, tra il '99 ed il 2000, con altri gruppi o "privati" spacciatori o assuntori di droga, soprattutto con Salvatore Del Giorno, il braccio "cittadino", anche lui promotore di un'associazione che vendeva sigarette di contrabbando e droga nel capoluogo salernitano. Il gip Michelangelo Francavilla ordinò gli arresti sulla scorta di una ricca documentazione, fatta soprattutto di intercettazioni telefoniche e di ricostruzioni di veri e propri messaggi in codice.

LA STRUTTURA DEL CLAN

A capo dell'organizzazione la cavese Lucia Zullo. Ruoli diversi per i vari esponenti della banda, ma tutti dovevano rendere conto a lei

Nella sua abitazione a Cava de' Tirreni, Lucia Zullo aveva realizzato il quartier generale dell'organizzazione. Da lì dirigeva tutte le operazioni per smerciare la droga ai diversi acquirenti, numerosi in tutta la provincia di Salerno. Cocaina purissima, importata da Caracas ed in genere dal Sud America, ma non solo, in quanto acquistava grossi quantitativi di stupefacenti anche da altri trafficanti. La sua attività la svolgeva in prevalenza per telefono, per contattare i fornitori e gli acquirenti. Proprio le intercettazioni telefoniche in corso nell'ambito di un'altra inchiesta, sempre per droga, hanno portato alla scoperta del clan capeggiato dalla Zullo. La difesa aveva sostenuto l'inutilizzabilità di quelle intercettazioni, perché acquisite nel corso di un altro processo, ma è stato un tentativo vano: quei colloqui hanno inchiodato gli imputati alle loro responsabilità. Nell'ambito dell'organizzazione, i vari esponenti avevano ruoli precisi: alcuni si limitavano solo a spacciare, altri anche a reclutare nuovi clienti. Vi era, poi, chi aveva il potere di esigere, anche con la forza, il pagamento dei crediti, ma alla fine tutti dovevano rendere conto alla Zullo delle attività svolte ed a lei dovevano consegnare i guadagni. Il marito, Eugenio Avagliano, alla fine è stato «sostituito» negli affari, e soprattutto nel cuore della "zarina", da Ben Mamoud Abdelaziz (nella foto), il pericoloso tunisino, già arrestato in precedenza per due tentati omicidi e condannato per lesioni.

SESSO ED AFFARI PER LA ZULLO

Amanti e droga nell'universo della "zarina". Al suo fianco il tunisino Abdelaziz

Sesso ed affari, un binomio indissolubile per la "zarina". In entrambi i casi l'attività era frenetica. Si preoccupava di piazzare la «roba», ma quest'occupazione non la distoglieva dai suoi amanti. Intercettazioni piccanti hanno dimostrato che ne avrebbe avuti molti, ma alla fine Ben Mamoud Abdelaziz ha preso con la forza il posto del marito. Infatti, Eugenio Avagliano, che con Abdelaziz ha condiviso prima la donna ed ora la stessa pena a 6 anni di reclusione ed al pagamento di 20mila euro di multa, è stato cacciato di casa, pare dopo essere stato picchiato. Il tunisino ha, poi, preso il posto di Avagliano anche nell'ambito dell'organizzazione, ad esempio per esigere i crediti, facendo uso anche della forza nei confronti di chi non pagava o ritardava nel versamento delle somme. Lucia Zullo era una donna risoluta, un vero capo, che non delegava le decisioni più importanti della sua fiorente attività, ma utilizzava i vari collaboratori, piazzati strategicamente, per i diversi ruoli, scegliendoli in base alle «capacità» dimostrate sul campo. E così, teneva in pugno gran parte del fiorente mercato della droga a Salerno. L'inchiesta sulla "zarina" della droga portò successivamente a numerosi arresti di pusher.

rank:

Cronaca

Intasca 40mila euro di premi assicurativi: a processo 58enne di Cava de' Tirreni

Guai per un 58enne di Cava de' Tirreni, finito a processo per appropriazione indebita. L'uomo, agente di una società di assicurazioni, si sarebbe appropriato di premi raccolti nell'arco di due mesi, destinato alle casse della società. Gli episodi, come riporta "Il Mattino", si sarebbero verificati tra...

Musica troppo alta: sanzionati due locali di Cava de' Tirreni

Guai per due locali di Cava de' Tirreni, sanzionati, lo scorso 8 dicembre, giorno dell'Immacolata, per musica troppo alta. Ad accertare la violazione sono stati gli agenti del commissariato di Polizia Locale. Come riporta il quotidiano "Il Mattino", il blitz ha portato a controllare 84 avventori. Due...

Usuraio presta soldi e poi si fa vendere la casa dalla vittima: 52enne di Cava a processo

Guai in vista per 52enne di Cava de' Tirreni, mandato a giudizio con decreto dalla procura di Nocera Inferiore con l'accusa di aver prestato soldi a tassi usurai. I fatti risalgono al 2014. L'imputato - come riporta "Il Mattino" - avrebbe prestato una prima somma in denaro di ventimila euro ad un imprenditore,...

Cava de' Tirreni, rubate ancora le piante dalle aiuole di piazza Duomo

Non c'è pace per le aiuole di Piazza Vittorio Emanuele III (comunemente detta piazza Duomo), a Cava de' Tirreni. Nella notte appena trascorsa sono state trafugate altre otto piante di ciclamini, dopo il furto dello scorso 4 dicembre (clicca qui per approfondire). Il furto, come racconta il giornalista...

Abbandono rifiuti, furto e minacce a dipendenti comunali: due arresti a Cava de' Tirreni

A Cava de' Tirreni continua l'abbandono di rifiuti pericolosi. Giovedì 5 dicembre, come riporta il giornalista locale Livio Trapanese, due operai del "verde pubblico" del Comune cavese sono stati minacciati da due giovani, che avevano abbandonato una grossa quantità di materiale pericoloso in via XXV...