Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa SS. Faustino e Giovita

Date rapide

Oggi: 15 febbraio

Ieri: 14 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaColpo alla Popolare, la pista porta agli slavi

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoCentro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiMTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - ItaliaIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Colpo alla Popolare, la pista porta agli slavi

Scritto da Il Mattino (admin), mercoledì 6 marzo 2002 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 6 marzo 2002 00:00:00

Napoletani ed extracomunitari: sarebbero questi gli unici indizi per cercare di identificare le due bande di rapinatori che, a distanza di pochi minuti, hanno svaligiato le casse della filiale della Banca Popolare dell'Emilia Romagna (nelle foto in alto ed al centro) e dell'Istituto di Credito Arditi e Galati in via Mazzini. È proprio sulla loro inflessione dialettale che si concentrano le indagini degli inquirenti. Dietro la rapina a Santa Lucia ci sarebbe una vera e propria banda. Quattro, forse cinque complici, tutti del Napoletano, legati, si presume, da amicizie, affari di vecchia data con conterranei trapiantati a Cava. A far dirottare i controlli su questa pista sarebbe stata la stessa dinamica del colpo. Secondo gli investigatori, coordinati dal vicequestore Sebastiano Coppola, i rapinatori conoscevano bene la zona, ma soprattutto quando agire ed in che modo. Insomma, avrebbe potuto contare su una «talpa».

La ricostruzione

Di tutta la vicenda viene fornita una prima ricostruzione. La banda avrebbe perlustrato più volte via Lamberti: sulla base di alcune testimonianze, si parla di persone sospette viste circolare in zona. Lunedì sarebbero entrate in azione. L'orario è quello prescelto: poco prima delle 13. Con un coltello alla gola avrebbero disarmato il vigilante sorpreso di spalle. Mentre due complici erano in strada, gli altri due svaligiavano le casse. Più in là, alla fine della strada, una Ford Escort li aspettava per la fuga. Hanno usato cappellini con visiera ed occhiali a specchio: i fotogrammi delle telecamere a circuito chiuso non consentono, infatti, di decifrare i loro lineamenti. Alcuni testimoni parlano di giovani visti qualche ora prima del colpo, notati per il loro strano atteggiamento: vestiti con cappotti, cappellini e sciarpe, nonostante il caldo, e continuamente attaccati al cellulare. Nessuno, però, ha avvertito le Forze dell'Ordine, né è stato possibile tracciare un identikit

Le ipotesi

A questo punto per gli inquirenti non ci sono dubbi: ad entrare in azione sarebbero state due bande diverse. Ed a confermare questa tesi investigativa ci sarebbero vari elementi. Per primo l'orario delle due rapine: dai calcoli eseguiti risulta evidente che c'è una sovrapposizione tra i due colpi. Gli investigatori, sulla base di primi controlli, hanno calcolato che la rapina a Santa Lucia è durata più di venti minuti. Un arco di tempo troppo lungo per consentire all'auto di raggiungere la seconda filiale da svaligiare. Un'ulteriore conferma arriverebbe dai centralini del Commissariato e della stazione dei Carabinieri, che sembra abbiano ricevuto i due sos quasi in contemporanea. Ma a fare luce su tutta la vicenda sarebbe stata la ricostruzione del colpo alla Arditi e Galati (nella foto in basso), a pochi passi dal casello autostradale. I Carabinieri, diretti dal comandante Giuseppe Recchimuzzi, hanno subito concentrato le loro indagini intuendo che le persone coinvolte fossero due, con il volto coperto da passamontagna ed un chiaro accento straniero. Armati di un banale temperino, hanno portato via circa 2.500 euro. Salta, così, fuori una seconda banda ed un secondo fascicolo di inchiesta. Per ora si va con i piedi di piombo: le indagini sono ancora in una fase iniziale. Con la speranza che finisca come un anno fa, per la precisione il 5 aprile del 2001. A cadere nel mirino il Banco Ambrosiano Veneto: l'agenzia di via Benincasa fu saccheggiata da un malvivente, fintosi qualche giorno prima correntista. Con l'aiuto di un complice, ripulì le casse, portando via circa 20 milioni. Le telecamere della filiale immortalarono le loro facce. Dopo qualche settimana, gli agenti della Polizia locale, in collaborazione con la Squadra antirapine di Napoli, riuscirono ad acciuffarli.

L'indizio: un'impronta

Sono stati ascoltati per più di un'ora i dipendenti della Banca Popolare dell'Emilia Romagna, ma non sono riusciti a fornire un preciso identikit dei rapinatori. Anche Vincenzo Ambrosano, la guardia giurata presa in ostaggio dai malviventi, non è stato in grado di descrivere i loro volti. Qualche indizio potrebbe essere collegato alla sua Opel blu: i rapinatori sapevano di trovarla ferma davanti all'ingresso. Elementi importanti potrebbero arrivare dai rilievi eseguiti sul cofano, dove molto probabilmente uno dei complici ha posato le mani senza usare guanti.

rank:

Cronaca

Cede tetto del capannone ex Di Mauro: paura nella notte a Cava de' Tirreni

Tanta paura in serata a Cava de’ Tirreni dove, probabilmente a cause del forte vento, si è staccata parte della copertura dei tetti dei capannoni della fabbrica ex Di Mauro su via Vittorio Veneto. Necessario l’intervento dei Vigili del Fuoco e della Polizia Municipale che hanno chiuso la strada al traffico...

Cava de’ Tirreni, furto aggravato di gasolio: denunciati padre e figlio

Nel corso di una mirata attività di prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, in località Fiume della frazione di Santa Lucia, gli agenti della Polizia di Stato della Squadra Anticrimine del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Cava de' Tirreni hanno sorpreso, in flagranza di reato,...

La Città chiude, è emergenza informazione in Provincia di Salerno

E' stata sciolta la società che edita il quotidiano La Città di Salerno e sospese le pubblicazioni. La notizia è circolata questo pomeriggio a tutti i redattori che stamattina, al ritorno a lavoro dopo cinque giorni di sciopero, avevano trovato chiusa la porta della redazione. Le Edizioni Salernitane...

Cava de’ Tirreni: diverbio tra medici, sfiorata lite in ospedale

Due medici entrano in contrasto su come curare una paziente e per poco non ricorrono alle mani. L'episodio, come riporta il quotidiano "Le Cronache", è avvenuto lo scorso giovedì, 7 febbraio, tra le corsie del reparto della chirurgia d'urgenza dell'ospedale "Santa Maria Incoronata dell'Olmo" di Cava...

Cava de' Tirreni, camerieri e baristi in nero: nei guai locali della movida

Nel quadro di una mirata intensificazione dei controlli, disposta dal Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Salerno per contrastare il lavoro sommerso, i Finanzieri della Compagnia di Cava de' Tirreni hanno effettuato una serie di interventi in più esercizi commerciali, al termine dei quali...