Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Ermanno martire

Date rapide

Oggi: 7 aprile

Ieri: 6 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Isoliamo il virus, le regole da seguire "Tutti insieme" per vincere la battaglia al COVID-19

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaCarni infette, Giuseppe Carusone ai ‘domiciliari'

Cardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera Amalfitana

Cronaca

Carni infette, Giuseppe Carusone ai ‘domiciliari'

Scritto da Il Mattino (admin), venerdì 31 gennaio 2003 00:00:00

Ultimo aggiornamento venerdì 31 gennaio 2003 00:00:00

Scandalo "carni infette": torna a casa Giuseppe Carusone. È stato scarcerato, nella tarda serata di ieri, il 24enne di Cava de' Tirreni finito in manette all'alba del 20 gennaio scorso, nell'ambito dell'operazione "Meat Guarantor II", il maxi-blitz condotto dal Nas di Salerno contro i mercanti di capi di bestiame infetti. Carusone era accusato di aver piazzato sul circuito commerciale delle carni decine e decine di animali, suini in particolare, privi di ogni garanzia, spesso affetti da gravi patologie o addirittura già morti. Ideatore del business sarebbe stato suo padre Gennaro, 46 anni, titolare di una stalla a Cava. Anche quest'ultimo finì a Fuorni, insieme a Giuseppe Esposito, 42enne di San Valentino Torio. Il Gip della Procura di Nocera Inferiore, Domenico Diograzia, accolse, infatti, solo per i due Carusone e per Esposito la richiesta di custodia cautelare in carcere, avanzata dal sostituto procuratore Roberto Lenza, titolare dell'inchiesta. Oggi, a distanza di dieci giorni, lo stesso Diograzia ha ritenuto che non vi fossero elementi validi per protrarre la permanenza di Giuseppe Carusone presso il penitenziario di Fuorni, decidendo di spedirlo agli arresti domiciliari. Richiesta di remissione della misura cautelare accolta in parte anche per la moglie di Giuseppe Esposito, Carmela Vitale. Quest'ultima, difesa dall'avvocato Rino Pagano, era stata destinataria di un provvedimento di custodia agli arresti domiciliari che il Gip ieri ha modificato, consentendole di lasciare il proprio domicilio e condurre l'attività gestita insieme al marito, la stalla adibita a deposito del bestiame, a San Valentino. Queste, dunque, le decisioni dell'ultim'ora, che dimostrano come, in una fase in cui la magistratura sta ancora approfondendo l'inchiesta con l'interrogatorio degli indagati, qualcosa cominci a muoversi. "Fumata nera" per quanto riguarda, invece, la posizione di Gennaro Carusone. Sull'istanza di libertà avanzata dal suo legale, l'avvocato Giuseppe Senatore, sarà il Tribunale del Riesame di Salerno a decidere al termine dell'udienza fissata per lunedì prossimo. Tornando agli sviluppi dell'indagine, finora le novità non sembra siano state rilevanti. La magistratura continua ad ascoltare i personaggi coinvolti (in tutto 33 persone), nel tentativo di delineare ruoli e posizioni. Ed a scavare ancora sono anche i Carabinieri del Nas e la Guardia di Finanza. I primi intendono capire se i capi infetti possano essere stati venduti al dettaglio anche da commercianti finora solo sfiorati dalle indagini. Gli uomini delle "Fiamme Gialle", invece, stanno cercando di capire quale fine possano aver fatto gli introiti derivanti dalla macellazione clandestina, molto probabilmente finiti su conti esteri difficilmente identificabili. Resta il fatto che l'allarme sembra proprio non essere cessato. Ne è dimostrazione l'atteggiamento dei consumatori, che negli ultimi giorni sembrano essere molto più guardinghi. Insomma, l'inchiesta potrebbe allargarsi e potrebbero non essere lontani nuovi clamorosi colpi di scena.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

rank:

Cronaca

Morte De Pisapia, Servalli fa chiarezza: «Non ha atteso sei giorni per tampone»

«La richiesta di tampone per il defunto dottore De Pisapia è stata presentata il 24 marzo. Il dottore è stato ricoverato il 27 marzo con esito del tampone positivo. Pertanto è sbagliata la notizia relativa a sei giorni trascorsi in attesa di tampone». Queste le parole del sindaco di Cava de' Tirreni,...

Coronavirus, medico deceduto a Cava e figlia senza tampone: Servalli fa chiarezza

Hanno fatto molto discutere le dichiarazioni della figlia del dottore De Pisapia, il medico di Cava de' Tirreni scomparso nella giornata di ieri a causa del Covid-19. All'indomani della morte del padre, la ragazza aveva sfogato sui social il suo dolore, rivelando di non essere stata sottoposto al tampone...

Covid-19, medico deceduto a Cava. Lo sdegno della figlia: «Aspetto ancora il tampone»

«Oltre il danno anche la beffa, mio padre è morto e devono ancora farmi il tampone». Queste le prima parole della figlia del dottore De Pisapia, il medico di Cava de' Tirreni scomparso nella giornata di ieri a causa del Covid-19. All'indomani della morte del padre, la ragazza ha sfogato sui social il...

Cava piange il dottore De Pisapia: il cordoglio del sindaco Servalli

«Sono giorni infausti quelli che stiamo vivendo e, con profondo dolore, esprimo le mie condoglianze, dell'Amministrazione comunale e della Città, alla famiglia del dottore Antonio De Pisapia ed a tutti i medici di base che stanno combattendo in prima linea contro il covid19». Sono queste le prime parole...

Covid-19, quinto decesso a Cava de' Tirreni: non ce l'ha fatta il dottore De Pisapia

Ancora una triste notizia per la comunità di Cava de' Tirreni. E' deceduto presso l'ospedale Ruggi d'Aragona il dottor Antonio De Pisapia, che, da una decina di giorni, stava combattendo contro il Covid-19. Avrebbe compiuto la prossima settimana 64 anni. Il dottore De Pisapia era conosciuto da tantissimi...