Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 minuti fa S. Adalberto vescovo

Date rapide

Oggi: 23 aprile

Ieri: 22 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

MielePiù la scelta infinita, arredo bagno, Clima, Riscaldamento, azienda leader in Campania per la vendita e distribuzione di soluzioni tecniche per la climatizzazioneEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniCronacaArrestati i corrieri della coca

Soluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera Amalfitana

Cronaca

Arrestati i corrieri della coca

Scritto da Il Mattino (admin), martedì 4 dicembre 2001 00:00:00

Ultimo aggiornamento martedì 4 dicembre 2001 00:00:00

Ai caselli autostradali mostravano la loro card, quella per i lunghi viaggi. A bordo di un camper familiare erano partiti da Rimini, diretti verso il profondo Sud. Non prima, però, di fare qualche sosta a Roma ed a Cava. Quella coppia di insospettabili - Carlo Giunta (nella foto in alto), 44 anni di Siracusa, e la sua convivente, Liliana Bercu Ocina, 34enne rumena (entrambi residenti a Rimini) - trasportava, però, droga. Cocaina nascosta tra i fornelli della minicucina, nel wc, nel doppiofondo dei bagagli e nell'imbottitura del reggiseno. Cinquanta grammi di polvere bianca in ovuli, pronti per essere ingurgitati in modo da non lasciare traccia. Carlo e Liliana non ce l'hanno fatta: sono stati arrestati sabato pomeriggio dalla squadra anticrimine, guidata dal vicequestore Sebastiano Coppola, con l'accusa di detenzione illegale per vendita di sostanze stupefacenti del tipo cocaina. L'operazione è scaturita da una serie di segnalazioni giunte agli uffici del commissariato cittadino: «C'è un camper sospetto che deve passare per Cava». Ma ci sarebbe stata anche la testimonianza di alcuni clienti, reclutati come basisti: «La droga, quella per i vip, viene dal centro Italia, soprattutto dalla capitale del divertimento, la Riviera Romagnola».

Le indagini

È iniziata, così, un'attenta attività infoinvestigativa. Gli agenti si sono appostati per giorni, in attesa della roulotte familiare. E, travestiti, hanno raccolto indizi su quella coppia, di cui era certo il passaggio. Sono rimasti sul chi va là fino a sabato pomeriggio, quando nei pressi del casello autostradale Salerno-Napoli hanno avvistato il camper sospetto. Lo hanno accerchiato senza perder tempo. Hanno fatto irruzione nella casa sulle ruote, impedendo così alla donna (nella foto al centro) di liberarsi degli ovuli che aveva nascosto accuratamente nel reggiseno. L'hanno scoperta, infatti, a pochi passi dalla toilette. Anche lì, nel piccolo bagno, i poliziotti, supportati dai cani, hanno ritrovato altra droga. In tutto hanno sequestrato 50 grammi di cocaina, già confezionata in ovuli e pronta per la vendita. Oltre a 28 milioni di lire, secondo gli inquirenti indicativi del notevole traffico di affari messo in piedi dalla coppia. Gli agenti hanno arrestato Carlo Giunta e la sua compagna. Nella stessa giornata di sabato sono stati trasferiti presso la Casa Circondariale di Fuorni. «Siamo soddisfatti - dicono dal commissariato - Con l'arresto di sabato abbiamo reciso uno, se non il maggiore canale di rifornimento della droga dei vip, che vede a Cava un grosso numero di consumatori». Anche se sembra chiaro che la coppia avesse in programma una sosta a Cava, le indagini non possono dirsi concluse. Gli inquirenti indagano per cercare di scoprire i legami tra l'organizzazione del centro Italia e Cava. Chi curerebbe i contatti con la Romagna? Ed una volta a Cava, chi avrebbe dovuto prendere in consegna la droga? Al momento non si esclude il coinvolgimento di altri corrieri, anche personaggi della zona, reclutati per piazzare le dosi.

L'inchiesta partì da De Rosa: i trafficanti acciuffati finora

Dai giovani incensurati al camper della droga. Sempre diversi e, se possibile, insospettabili: sono i corrieri reclutati dal giro di criminalità organizzata, che cerca di far arrivare grammi e grammi di cocaina in città. Appena due mesi fa, era il 2 ottobre, gli uomini del commissariato locale incastrarono Salvatore De Bartolomeis (nella foto in basso), 40 anni, titolare di una ditta a San Giuseppe al Pozzo, già conosciuto negli ambienti investigativi per i suoi continui contatti con gli spacciatori dell'Agro Nocerino- sarnese. L'uomo fu fermato nei pressi del cimitero, dove attendeva Massimiliano Bellanca, 30 anni, di Nocera Inferiore, specializzato nell'installazione di impianti satellitari, anche lui arrestato con l'accusa di spaccio di sostanze stupefacenti, per una consegna di cocaina. Circa 50 grammi che De Bartolomeis doveva piazzare ai clienti cavesi. Con questo sistema, corrieri insospettabili e consegne a domicilio, riuscivano ad eludere eventuali controlli ai posti di blocco.

Le consegne

La polvere bianca era destinata ai giovani della Cava bene, figli di noti commercianti, commercialisti, avvocati ed imprenditori, per un giro di affari di parecchi milioni. Due anni fa il caso della mansarda di via Formosa, dove gli agenti guidati dal vicequestore Sebastiano Coppola arrestarono l'imprenditore edile Andrea De Rosa. Il giovane fu sorpreso nell'appartamento, che divideva con altri 4 affittuari, in possesso di 80 grammi di cocaina, una bilancia di precisione ed altri oggetti per dividere la droga in dosi pronte per l'uso. Insieme ad un diario con i nomi e somme di denaro. Si parlò, in una prima fase di indagini, di presunti acquirenti o corrieri consumatori. La vicenda si è conclusa con una condanna a 4 anni di reclusione, intervallati da altri arresti legati in modo diverso ad un giro che sembra avere diversi tentacoli. Nel maggio dello stesso anno a finire in carcere fu Pasquale Sgambato, pluripregiudicato di Nocera Inferiore. Nella baracca di sua proprietà fu ritrovato un vero e proprio arsenale: cocaina, armi ed auto rubate. Le indagini non sono ancora concluse. Ancora largo il consumo di coca in città. Clienti che usano la polvere bianca nel chiuso di appartamenti dove si continuerebbe a rinnovare vecchie abitudini: party tra amici a base di alcool e coca.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Pizzeria di Cava de' Tirreni non rispetta raccolta differenziata: proprietario multato

Ancora sanzioni a Cava de' Tirreni. Dopo il panettiere e il fruttivendolo (clicca qui per approfondire), ora è il proprietario di una nota pizzeria del centro cittadino a finire nel mirino della polizia municipale. per il rispetto della raccolta differenziata. A riportare la notizia è il quotidiano "Il...

Migranti, naufragio al largo della Libia: si temono oltre 100 morti

Tragedia al largo della Libia, dove si è verificato un naufragio di migranti. Secondo quanto riferito dall'equipaggio della Ocean Viking, 130 persone erano a bordo di un gommone che aveva tentato la traversata in condizioni di mare proibitive e di cui si sono perse le tracce a nord-est di Tripoli. Al...

Maurizio ucciso per un parcheggio, quattro arresti a Torre Annunziata

I carabinieri del comando provinciale di Napoli hanno arrestato quattro persone, ritenute responsabili dell'omicidio di Maurizio Cerrato, il 61enne di Torre Annunziata, nonché custode del Parco archeologico di Pompei, assassinato lunedì sera nel piazzale dell'area di un parcheggio privato in via IV Novembre....

Covid: 5 nuovi positivi a Cava de' Tirreni, a Salerno 26 casi giornalieri

Sono 5 i nuovi positivi al Covid-19 registrati a Cava de' Tirreni. Lo rivela il bollettino dell'Unità di Crisi. Quest'oggi, la città più colpita dal virus in provincia è Salerno e con 26 casi giornalieri. Stando all'ultimo aggiornamento del sindaco Vincenzo Servalli, i casi totali nella città metelliana...

Cava, Giordano propone coprifuoco alle 23: «Compromesso tra sicurezza epidemiologica ed economia»

La decisione del premier Mario Draghi di prorogare il coprifuoco alle 22:00 fino al 31 luglio sta facendo molto discutere. A Cava de' Tirreni, il consigliere comunale di "Siamo Cavesi", il dottor Raffaele Giordano, esprime il suo pensiero sull'argomento: «Con la riapertura dei tavoli all'aperto in zona...