Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 24 minuti fa S. Contardo Ferrini

Date rapide

Oggi: 20 ottobre

Ieri: 19 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Hotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaTerra di Limoni - Limoncello e liquori della Costa d'AmalfiLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiConnectivia Fiber & Wireless Solution. Soluzioni Business e Home di connettività ad alte prestazioni, videosorveglianza e soluzioni personalizzate

Tu sei qui: SezioniCronacaArrestati due ultrà

Soluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera Amalfitana

Cronaca

Arrestati due ultrà

Scritto da (admin), lunedì 13 giugno 2005 00:00:00

Ultimo aggiornamento lunedì 13 giugno 2005 00:00:00

Presi i due ultras che lo scorso aprile, nel corso della gara tra Cavese e Juve Stabia, ferirono l'ispettore di Polizia Francesco Lo Grande, ancora oggi ricoverato al "Cardarelli" in stato di semi-paralisi, causata da una frattura alla base del cranio. Geraldo D'Amore, 28 anni, appartenente al gruppo "Noi di Cava", ed Alessandro Apicella, noto in città come "Sandro cocaina", sono stati inchiodati dai filmati e dalle foto visionate dagli agenti della Polizia Scientifica. Sarebbe stato il taglio degli occhi di D'Amore, già noto agli agenti impiegati allo stadio, visto anche il suo attivismo nell'organizzazione delle trasferte, a dare il via all'identificazione, proseguita grazie ad un lavoro minuzioso di sovrapposizione delle immagini fatto dagli uomini della Scientifica. I due ultras sono stati arrestati giovedì sera dagli agenti di Polizia, diretti dal vice-questore Sebastiano Coppola, in esecuzione della misura cautelare emessa dal Gip di Salerno. Le accuse nei loro confronti sono di lesione colpose gravi e favoreggiamento. Nelle prime ore dopo gli incidenti gli agenti iniziarono a visionare i filmati e le foto in loro possesso. Vista la gravità dell'episodio incriminato, il questore di Salerno decise di dare maggiore impulso alle indagini, rafforzando l'organico con l'ausilio della squadra di specialisti Tifoserie e Anticrimine. Gli agenti sequestrano i filmati mandati in onda dalle emittenti locali e proseguono il loro lavoro. Sin dai primi filmati riescono a ricostruire gli attimi del ferimento. L'agente Francesco Lo Grande, in forza al 4° Reparto Mobile di Napoli, nel corso di una carica, tesa a tenere distanti le due tifoserie, perde l'equilibrio e finisce su uno dei gradoni. Dall'immagine video si scorge in alto un tifoso, il cui volto è coperto da una sciarpa e dal cappuccio di una felpa con la scritta "Ndc". L'ultrà raggiunge il poliziotto, lo colpisce al volto con un calcio e poi scappa. Dai primi accertamenti la Polizia riesce a scorgere solo il taglio degli occhi. Un elemento che sembra poco importante, ma che si rivelerà essenziale. Gli agenti riconoscono gli occhi di Geraldo D'Amore, ma occorrono nuovi elementi. Altre immagini estrapolate dai filmati ritraggono D'Amore senza sciarpa e passamontagna. Con l'ausilio degli agenti della Scientifica di Napoli, si scopre che il volto di D'Amore corrisponde a quegli occhi immortalati nell'istante del calcio. Ma non è finita. Da un esame più attento dei filmati la Polizia inchioda un altro ultras: è Alessandro Apicella, residente nel quartiere di S. Maria del Rovo. Secondo gli inquirenti, Apicella ha aiutato D'Amore a scappare. "Sandro cocaina" si sarebbe avvicinato al poliziotto, ormai privo di sensi, e gli avrebbe sottratto quello che negli ambienti della Polizia è conosciuto come lo "sfollagente". Così armato, avrebbe opposto resistenza e minaccia agli agenti, consentendo a D'Amore di allontanarsi tra la folla. Una ricostruzione dettagliata, che ha portato all'incriminazione dei due giovani cavesi, che dal canto loro respingono tutte le accuse. Geraldo D'Amore, 28enne di San Cesareo, sposato da quasi un anno, ha negato ogni coinvolgimento. «Non c'entro nulla», ha detto al suo avvocato. Già qualche settimana fa gli agenti avevano bussato alla sua porta per una perquisizione. Nella sua abitazione gli investigatori avevano sequestrato alcune riviste di arti marziali e body building, come prova di presunti comportamenti violenti, ed in particolare della sua capacità di colpire. Il giovane avrebbe precisato di non aver mai praticato queste discipline. A distanza di qualche giorno l'arresto. L'ordinanza di custodia cautelare è stata emessa per l'ipotesi di reato di minaccia, violenza e lesioni gravissime nei confronti di D'Amore, di favoreggiamento in concorso dei reati suddetti per Apicella. Entrambi, ora agli arresti domiciliari, sono difesi dall'avvocato Roberto Lanzi, che ha già presentato ricorso al Tribunale del Riesame per ottenere l'annullamento del provvedimento restrittivo. Ricorso che dovrebbe essere fissato non prima di una decina di giorni. Il giorno dopo la diffusione della notizia degli arresti, la sigla ultras "Ndc" ha affermato l'estraneità dell'intero gruppo all'episodio.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

rank:

Cronaca

Cava de' Tirreni, operaio cade dall'impalcatura: trasportato in ospedale

Momenti di tensione stamattina a Cava de' Tirreni, dove un giovane operaio, impiegato in un cantiere privato per il rifacimento della facciata di palazzo Gravagnuolo, è scivolato dall'impalcatura su cui stava lavorando rovinando a terra da un'altezza di circa 2 metri. Come riporta laredazione.eu, il...

Covid, altri tre positivi a Vietri: l'annuncio del sindaco

«Dobbiamo registrare altri tre nuovi casi positivi al COVID 19 a Vietri sul Mare, sono state attivate tutte le procedure». Così il sindaco Giovanni De Simone annuncia alla cittadinanza l'aumento dei contagi nella Città della Ceramica. Al momento sul territorio vietrese risultano, in totale, cinque casi...

Donna di Cava partorisce col Covid, Cisl Medici replica al marito: «Non è stata trattata come una bestia a Salerno!»

Dopo le precisazioni della direzione del Ruggi e di Mario Polichetti, responsabile del reparto "Gravidanza a rischio" dell'azienda, ora è il turno del dottor Francesco Marino, segretario provinciale della Cisl Medici e direttore dell’Unità Operativa di Ostetricia e Ginecologia dell’ospedale di Salerno,...

Corruzione ai concorsi di Eboli e Cava, Sorrentino si difende: «Non ho assecondato Cariello»

Dopo le accuse di aver condizionato l'esito di concorsi pubblici indetti dai Comuni di Eboli e Cava de' Tirreni, Francesco Sorrentino si difende. Come riporta laredazione.eu, il dirigente comunale di Cava de' Tirreni, ascoltato mercoledì dal Gip Alfonso Scermino, ha dichiarato di non aver mai pensato...

Covid a Cava de' Tirreni, sindaco Servalli: «Abbiamo 49 positivi, tra loro anche bambini e giovani» [VIDEO]

Dopo giorni di assenza, il sindaco Vincenzo Servalli ha interrotto il silenzio, pubblicando sul suo profilo un nuovo video di aggiornamento dedicato al Covid-19 a Cava de' Tirreni. «Siamo in piena seconda ondata - ha esordito il primo cittadino - Abbiamo 49 casi positivi e solo uno che ha richiesto il...