Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Giuseppe Pign.

Date rapide

Oggi: 25 settembre

Ieri: 24 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Egea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De RisoTerra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniAttualitàTroppi compiti a casa: non è così che si impara

Soluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Attualità

Troppi compiti a casa: non è così che si impara

Scritto da (admin), martedì 8 marzo 2016 09:48:12

Ultimo aggiornamento venerdì 15 aprile 2016 18:38:10

di Salvatore Sorrentino*

Oggi sono costretto a letto. Ogni tanto, capita.

La mia camera dà sulla strada pubblica. Ogni mattina, quando c'è scuola, passano gruppi di scolari, i quali discutono, a voce abbastanza alta, dei loro problemi. Stamani, ho avuto modo di sentire: imprecavano contro i troppi compiti a casa.

Io ho sempre avuto le mie idee in proposito. Pensando che la didattica fosse cambiata, mi sono rivolto a quello che, oggi, è l'informazione più aggiornata.

Leggo da Internet, e incollo: «L'educazione è l'attività, influenzata nei diversi periodi storici dalle varie culture, volta allo sviluppo e alla formazione di conoscenze e facoltà mentali, sociali e comportamentali in un individuo.

Etimologicamente il termine deriva dal verbolatinoeducĕre (cioè "trarre fuori", "tirar fuori" o "tirar fuori ciò che sta dentro"), derivante dall'unione di ē- ("da, fuori da") e dūcĕre ("condurre")».

Ricordo che, invece, in un certo periodo della mia vita di studente, lessi che, secondo una teoria educativa sviluppatasi in epoca passata, molto remota, alla nascita, io sarei stato un sacco vuoto, parecchio capiente pure, e che questo sacco doveva essere riempito di tutto il possibile scibile umano.

Conseguenza di questa teoria era che l'educatore, cioè il maestro, doveva riempire il sacco vuoto che ero io.

Al contrario.

Non voglio fare sfoggio dei miei saperi, derivanti dalla lettura (attenzione: spontanea; nessuno me l'ha imposta) dell'Émile di Rousseau. Mi basta solo ricordare un film, che ho visto alla TV parecchi anni or sono. Ricordo che cominciai a vederlo che era già cominciato: due bambini, una femminuccia e un maschietto, dell'apparente età di quattro o cinque anni, si trovavano soli, non so se abbandonati, su un'isola, vicino al mare, con alle spalle una ricca vegetazione.

Breve. Si diedero da fare, da soli, crebbero, forti, seppero difendersi da certi animali più forti di loro, ne tenevano altri, utili alla loro vita, ... procrearono. Tutto da soli.

Non ricordo altro. Forse perché non avevo bisogno d'altro. Quei piccoli esseri umani non erano un sacco vuoto da riempire. Non avevano avuto bisogno di nessuno, nemmeno dell'ostetrico. Tanto meno di un maestro: incidevano sulla corteccia degli alberi e sulla pietra segni per contare, per ricordare.

Avevano, così, imparato pure la geografia astronomica e la matematica. Senza maestro.

Immaginiamo se avessero avuto una guida, un educatore, che li avesse aiutati a educere, dal sacco, tutto quello che già stava dentro. Che già stava dentro. Che già sta dentro a ogni essere umano, fin dalla sua nascita; direi, fin dal suo concepimento.

E quei bambini, tutta la giornata, oltre a provvedere per mangiare e bere, giocavano, giocavano, giocavano. Dalla mattina alla sera. Non facevano compiti a casa.

Che fanno i bimbi oggi?

Zaini pieni di quaderni, sui quali tanti compiti da fare a casa. Questi bambini devono rinunciare a quella che è l'attività, la più importante, per la loro età: l'attività fisica. Qualcuno riesce a rubarsela, con veri sacrifici: un po'di calcetto, un po' di bici, un po' di danza; una, max due volte per settimana. Sì, perché, di corsa, a fare i compiti a casa.

E il venerdì, incuranti del fatto che il sabato e la domenica ci sono catechismo e messa e altre funzioni religiose, più compiti del solito, perché ci sono due altri giorni per lavorare.

E, se per caso, ci dovesse, qualche giorno, scappare un compleanno, apriti cielo; l'indomani mattina lacrime e mal di pancia e mal di testa. Perché? Perché non si è riusciti a fare tutti i compiti.

Non parliamo poi di quando ci sono le vacanze; natalizie, di carnevale, pasquali, estive: fuoco a volontà!

Per certuni, le ferie sono solo quelle dell'articolo 36 della Costituzione, quelle di cui devono loro, e solo loro, godere.

Non voglio insegnare a nessuno il mestiere, pardon, la professione "docente"; non lo voglio, né tanto meno me ne sento in grado. Oltre tutto, sono fuori dalla scuola ormai da parecchi anni, ma dal di fuori sento di avere il diritto di esprimere, liberamente, le mie idee in proposito.

Idee, in ogni caso, ben supportate da un Dirigente Scolastico genovese: il dott. Maurizio Parodi, autore di articoli e saggi (tra cui un e.book dal titolo "I compiti fanno male") che di sé scrive: "si occupa di formazione, ricerca, progettazione in ambito socio-pedagogico, non ancora rassegnato all'impermeabilità degli apparati educativi".

Leggiamolo, questo suo libro; potrebbe risultare utile! In vero, io l'ho già letto: ha confermato, in me, idee che già avevo. E che avevo, per lungo tempo, utilizzate. Con tanto successo.

*già docente di lingua Francese presso Istituti superiori

 

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Cava de' Tirreni, fissato il prezzo dell'ex Cofima. Sindaco: «Tutti vogliono che questa vendita si concretizzi»

L'ex Cofima di Cava de' Tirreni è tornata sotto i riflettori a seguito della decisione dell'amministrazione Servalli di vendere la struttura. Nei giorni scorsi è stata predisposta una perizia di stima nella quale il prezzo è stato determinato cautelativamente in 5 milioni e 300 mila euro per poi essere...

«Accorpare l'Alberghiero di Cava de' Tirreni con Salerno o Maiori», la proposta di Sonia Alfano (FdI)

«Ho chiesto al Presidente della Provincia di Salerno di valutare per il prossimo anno scolastico, l'accorpamento dell'Istituto Alberghiero di Cava de' Tirreni con il "R. Virtuoso" di Salerno o con il "P. Comite" di Maiori: tale richiesta nasce dalle esigenze del territorio di non perdere un indirizzo...

Confesercenti Salerno: ecco la nuova Giunta, riconoscimento ad Aldo Trezza di Cava de' Tirreni

Si è svolta lo scorso 22 settembre presso la Camera di Commercio di Salerno la prima riunione di presidenza della Confesercenti provinciale di Salerno, tutto il nutrito gruppo dirigente della Presidenza Provinciale ha partecipato con vivo interesse ai lavori della giornata odierna, tante le progettualità...

Rincari tariffe a Cava de' Tirreni, associazioni sportive incontrano il Sindaco: «Fiduciosi che tutto verrà rivisto»

Martedì 21 settembre, alle 16:00, presso Palazzo di Città, un comitato di rappresentanza del nuovo costituito organismo denominato Associazioni Cavesi Unite è stato ricevuto dal sindaco Vincenzo Servalli con delega allo sport, dal dottore Romeo Nesi, dirigente del III° settore e dall'avvocato Antonella...

Cava de' Tirreni, lo sfogo di uno sbandieratore: «Da oltre dieci anni nulla è cambiato, anzi le cose peggiorano»

Giuseppe Sorrentino dell’Ente Sbandieratori Cavensi ha affidato ai social un suo sfogo sulle difficoltà dell'associazione, penalizzata dalla pandemia Covid e, più recentemente, dai rincari delle tariffe orarie delle palestre e delle altre strutture sportive comunali previsti dal bilancio di previsione....