Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 2 ore fa S. Giacomo martire

Date rapide

Oggi: 22 aprile

Ieri: 21 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

MielePiù la scelta infinita, arredo bagno, Clima, Riscaldamento, azienda leader in Campania per la vendita e distribuzione di soluzioni tecniche per la climatizzazioneEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniAttualità'Messina ci manda a letto con le galline'

Soluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera Amalfitana

Attualità

'Messina ci manda a letto con le galline'

Scritto da Il Mattino (admin), giovedì 6 settembre 2001 00:00:00

Ultimo aggiornamento giovedì 6 settembre 2001 00:00:00

Forte agitazione e scontento animano in questi giorni i nottambuli cavesi, che non intendono rinunciare ai diritti sulla movida della propria città. Una contestazione accesa contro l'amministrazione comunale che torna a minacciare il by night della valle metelliana. C'era una volta il passeggio del Borgo Scacciaventi, un luogo di ritrovo che sostituiva l'ormai frequentatissima Salerno. C'era una volta la movida cavese... Che cosa resta del fermento di tanti anni fa? Adesso soltanto un locale, nella piazzetta conosciuta come quella del purgatorio, scendendo lungo il Borgo, che restituisce alla città una parte del suo volto notturno: «Il punto Blu» di Giovanni Coraggio. Un bar che d'estate mette insieme i nottambuli locali; un paio di ombrelloni colorati, qualche tavolino in plastica ed un buon passa parola che riporta il popolo della notte ogni sera in quella piazza finalmente rinata. Un luogo di ritrovo che risveglia, per quanto possibile, la stagione estiva di una città che sembra cadere in letargo in questo periodo dell'anno. Ma l'amministrazione comunale non intende curare gli interessi e le esigenze dei nottambuli e le sue ordinanze sembrano voler spingere i cavesi sempre di più verso il capoluogo di provincia. Le richieste degli abitanti delle case circostanti prima di tutto, le stesse che anni addietro decretavano la fine della movida cavese al Borgo. Qualche giorno prima di Ferragosto, dopo che Giovanni Coraggio (nella foto al centro) aveva inoltrato una richiesta per il suolo pubblico fino alle due della notte, peraltro respinta, il primo controllo di polizia decretava l'inizio di una lunga disputa. Un avviso di garanzia ed una denuncia per schiamazzi notturni, che imponevano al titolare del bar di ritirare tutti i tavolini e le sedie entro la mezzanotte. Un'imposizione che ogni sera riporta i controlli nella piazzetta e che danneggia il by night del Borgo, insieme agli umori dei gestori dei locali e dei nottambuli contrariati. «Pretendere di togliere i tavolini a mezzanotte il sabato sera, quando i ragazzi escono alle 23, significa chiedermi di chiudere bottega, di rinunciare ad un'attività che è soprattutto notturna- si lamenta il proprietario del Punto Blu- In fondo non sono che tre mesi all'anno, si potrebbe anche chiedere alla gente di essere più tollerante. D'altra parte in questa piazza non c'è musica, né si sono mai verificati episodi eclatanti di violenza o di disturbo della quiete pubblica. L'unica cosa per la quale possono contestarmi è il reato di parola! L'amministrazione dovrebbe distribuire direttamente ai giovani i biglietti per scendere a Salerno o per andare in Costiera; di certo non si può chiedere ai ragazzi di restare qui a queste condizioni. Eppure lo slogan elettorale del sindaco diceva «movimentiamo il turismo», promesse da pre-elezioni, strategie di consenso». In ogni caso ancora un duro colpo per la movida cavese, che d'estate già stenta a decollare, vinta in partenza dal by night organizzato che anima la Costiera e la costa sud salernitana. Per i nottambuli della provincia significa quasi ripristinare l'antico coprifuoco ed abbandonare per questo le mura domestiche per recarsi dove il comune si mostra più tollerante e ben disposto anche nei confronti dei più giovani. Ed è questa la disputa tra l'amministrazione comunale ed i gestori dei locali del Borgo, una disputa che di anno in anno alimenta il malcontento dei nottambuli fino a spingerli a presentare una propria lista di firme. Forse l'unico modo per salvare la città dal «silenzio» e dare alla movida metelliana un'altra possibilità, in attesa che ritorni l'inverno e con esso le serate nei locali insonorizzati. Si lamentavano già, negli anni precedenti, i proprietari degli altri locali del Borgo Scacciaventi. Traditi da un'amministrazione che di certo non curava i loro interessi, avevano infatti perduto da tempo quel passeggio che ravvivava le strade e portava ogni sera nei bar e nei pub il popolo della notte. Troppi controlli, troppe imposizioni e regole che i né i gestori dei locali né i nottambuli possono accettare. E allora meglio lasciare la città al suo letargo, scegliere un movimento diverso che ogni sera li attende nel capoluogo salernitano. Ma ancora resiste il Punto Blu con i suoi clienti affezionati e combatte una battaglia che, almeno per quest'anno, è destinata a chiudersi insieme alla stagione estiva.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Attualità

Si infortuna in smart working e viene risarcita con 20mila euro: la vicenda fa discutere

Cade dalle scale mentre è in smart working e viene risarcita di 20mila euro. Possiamo riassumere così la vicenda che ha per protagonista una impiegata amministrativa di un'azienda metalmeccanica di Treviso. Lo scorso settembre, la 50enne scivolò in casa procurandosi diverse fratture. Come scrive Il Gazzettino,...

Col Covid e in isolamento: a Cava de' Tirreni residenti usano paletti contro sosta incivile

Paletti in legno per impedire agli incivili la sosta auto. Potremo riassumere così il singolare espediente che hanno pensato alcuni cittadini di Cava de' Tirreni - costretti all'isolamento domiciliare perché positivi al Covid-19 - per impedire ad alcuni incivili di sostare l’auto in luoghi magari ostruire...

Cava de' Tirreni, vaccini esauriti al Centro San Francesco: anziani rimandati a casa

Ancora disagi e difficoltà nel centro vaccinale allestito al Convento di San Francesco di Cava de' Tirreni. Attraverso i social, i cittadini segnalano, ancora una volta, il mancato arrivo dei vaccini nel centro metelliano. Il racconto di una cittadina: «Oggi mia madre, di anni 73, si è recata presso...

Cava de' Tirreni: Comune rispolvera il progetto del parcheggio San Francesco

Il Comune di Cava de' Tirreni ha deciso di rispolverare il vecchio progetto riguardante la riqualificazione di tutta la piazza antistante il convento di San Francesco e Sant'Antonio. Lo rivela una nota del Partito Socialista Italiano - sez. Cava de' Tirreni. Se ne sta occupando l'assessore all'urbanistica,...

A Cava de' Tirreni prende vita la Cittadella della Carità, ieri la firma del protocollo di intesa

Firmato ieri il protocollo di intesa propedeutico all'inaugurazione della Cittadella della Carità di Cava de' Tirreni, alla presenza dell'Arcivescovo di Cava-, Sua Eccellenza Monsignor Orazio Soricelli, dell'on. Franco Picarone, consigliere regionale, del Presidente della Caritas don Francesco Della...