Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Marco vescovo

Date rapide

Oggi: 22 ottobre

Ieri: 21 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Hotel Santa Caterina Amalfi - Lifestyle Luxury Hotel on the Amalfi CoastMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaTerra di Limoni - Limoncello e liquori della Costa d'AmalfiLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiConnectivia Fiber & Wireless Solution. Soluzioni Business e Home di connettività ad alte prestazioni, videosorveglianza e soluzioni personalizzate

Tu sei qui: RubricheCostume & SocietàIl curriculum perfetto? Quello con viaggi ed esperienze di vita

Soluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera Amalfitana

Costume & Società

Il curriculum perfetto? Quello con viaggi ed esperienze di vita

Scritto da (Redazione), domenica 9 luglio 2017 17:42:32

Ultimo aggiornamento domenica 9 luglio 2017 17:47:00

La premessa, per non apparire troppo scanzonati e forse irriverenti: per ogni posizione c'è un curriculum adatto. È come l'anima gemella. La metà della mela. Si arriva ad incastrarsi nel posto giusto solo se si presenta la candidatura perfetta. Il preambolo, doveroso, serve per anticipare l'obiezione: non basta infarcire la propria presentazione di passioni per pensare necessariamente di spuntarla. Soprattutto conviene, prima di raccontare una tendenza, segnalare che la competizione nel mercato del lavoro sta diventando sempre più feroce. E la differenza, tra un candidato e un altro, si gioca ormai sul dettaglio. Sull'increspatura di voce al colloquio, non necessariamente un punto debole perché denota spontaneità. Sulle esperienze all'estero. Sulla capacità di saper raccontare se stessi senza scadere nel costruito, nell'artefatto. Ora che è svanito il metadone della decontribuzione (gli sgravi per i versamenti previdenziali per i neoassunti fino a 8mila euro all'anno) ciò che resta è tutto vero. Ci si guadagna un lavoro solo se si è pronti a scalare una montagna senza imbracature. "Nudi" davanti al selezionatore. Che ha pochi minuti per decidere sei hai stoffa e meriti di giocartela o se sei da scartare. A scriverlo è il giornalista Fabio Savelli per il Corriere della Sera in un interessante articolo dal titolo "La vita fa curiculum".

Un cacciatore di teste di alti profili manageriali della società Egon Zehnder (che copriamo con l'anonimato per motivi di riservatezza professionale) racconta di aver appena selezionato un amministratore delegato per i suoi viaggi da ragazzo. Zaino in spalla, spesso da solo, destinazioni intercontinentali mentre muoveva i primi passi a lavoro. «Ne ho ricavato, in controluce, ambizione, solidità mentale, determinazione nel raggiungimento degli obiettivi, risolutezza, pensiero laterale, una certa dose di coraggio: il perfetto uomo al timone di una grande azienda». Queste scelte non sono più inusuali. E investono tutti i ruoli, le funzioni e i processi di selezione. Nel far pendere la bilancia per un dirigente piuttosto che per un altro la cartina di tornasole è quello che gli anglosassoni chiamano soft skills: capacità di empatia nei confronti del prossimo, spirito collaborativo, consapevolezza delle proprie qualità. Per questo hanno valore segnaletico una serie di esperienze che nulla hanno a che fare con il curriculum professionale e i titoli di studio. Certo più prosaicamente contano, soprattutto per i ruoli apicali, le cosiddette entrature: le relazioni ai massimi livelli, i rapporti con il potere, la capacità di fare rete (o lobby) per se stessi e per i propri interessi. Se per gli executive il capitale relazionale diventa il grimaldello per una carriera senza uscite repentine di scena, per i ruoli intermedi e per quelle in ingresso la casella "passioni ed hobby", generalmente indicata in fondo al curriculum, riveste ancor più un ruolo determinante. Anzi andrebbe portata nella prima pagina del documento, in bella vista, possibilmente in grassetto. Spiega Elisa Zonca, responsabile Orientamento dall'agenzia per il lavoro Randstad Italia, che le passioni dicono chi sei. Meglio di ogni altra voce. Così può persino apparire vincente «organizzare un autobus per seguire la propria squadra in trasferta». Perché suggerisce «capacità di relazionarsi con gli altri, solidità nella gestione della stress», seppur in un contesto, quello del calcio, spesso percepito come foriero di dare libero sfogo agli istinti peggiori. Zonca suggerisce di rendere il più esaustiva possibile questa parte di curriculum. Addirittura tagliando, semmai, qualche esame universitario o esperienza lavorativa non rilevante.

«Ci sono almeno due interessi che vengono percepiti da noi addetti alle risorse umane come assolutamente meritevoli di attenzione. Il primo attiene alla sfera dell'equilibrio personale. Il ricorso a tecniche di meditazione, di yoga, di mindfulness sono da annotare perché testimoniano la ricerca di un benessere intimo, profondo», dice ancora Zonca. «Il secondo investe le nostre capacità culinarie. Aver frequentato un corso di cucina e averne interiorizzato le ricette per invitare gli amici a casa oppure per allietare il proprio partner esprime spirito di iniziativa, solidarietà, apertura nei confronti del prossimo». La sensazione, da cronista, è che si stia slittando progressivamente verso un modello di valutazione dei candidati che interroga a tutto tondo le loro ambizioni, i loro interessi, le loro esperienze extra-lavorative. Il processo va di pari passo con la sofisticatezza via via maggiore con la quale avvengono le selezioni. Un investimento su una persona, soprattutto se giovane, rischia di essere improduttivo se non si sono valutati tutti gli aspetti caratteriali. «Una spia, un campanello d'allarme netto, senza appello», annota Matteo Columbo, direttore di Technical Hunters, un'agenzia per il lavoro specializzata nei profili tecnici, «è l'assenza di periodi all'estero, per studio o per lavoro. Lasciare il proprio Paese per mettersi in gioco altrove è un valore aggiunto irrinunciabile per un selezionatore. Che lo preferisce anche ad un voto con lode all'università». Non conta se si è andati a fare il barista a Londra o se si è partiti per un progetto di ricerca ad Harvard. Per Columbo aver messo il naso fuori dalla propria zona di comfort equivale ad un bel biglietto da visita. Soprattutto se c'è da lavorare in un ambiente in cui è frequente il contatto con l'estero.

Ci sono almeno altri due aspetti, raccontano da Manpower (la multinazionale Usa del lavoro in somministrazione), che rappresentano un plus per il candidato. Una stellina da esibire nel curriculum. Sembrano passioni di nicchia. Invece denotano precisione, attenzione ai dettagli, spirito di sacrifico. Chi ha l'hobby del bricolage e del giardinaggio ha un'estrema inclinazione ad aver cura di ciò che è intorno a sé. Traslando, avrà cura anche del suo lavoro e dell'azienda per la quale presta la sua attività. Anche chi ama andare in barca, magari ha preso il patentino per guidare un'imbarcazione a vela o a motore, dovrà stressare questa voce in fase di colloquio. Guidare in mezzo al mare, essere responsabili di un natante, testimonia ambizione, capacità di sacrificarsi in condizioni avverse, elaborazione dei momenti di stress e immediata pro-attività. Caratteristiche che ben si addicono alle figure di responsabilità e di gestione del personale.

Infine il volontariato. Non c'è mai stato da stupirsi se chi impiega il proprio tempo per aiutare chi soffre o chi è meno fortunato abbia una patente di credibilità certamente meno scalfibile di chi non può esibirla. Ma anche su questo tema, come per gli altri precedenti, rilevante è il fattore tempo. Ciò che conta per il selezionatore è se si tratta di esperienze più o meno recenti. Secondo un meccanismo di diretta proporzionalità. Più si è vicini temporalmente più la propria candidatura assume peso specifico. Inserire nel curriculum un vecchio aneddoto risalente a molti anni fa può diventare persino controproducente. In fondo conta chi sei davvero. Non chi sei stato.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Costume & Società

LO SHOPPING ONLINE E I SERVIZI INTERNAZIONALI: ALCUNE COSE DA SAPERE

Cresce la fiducia degli italiani verso l'e-commerce internazionale. Ecco i settori di spicco L'attitudine al commercio elettronico conquista sempre di più la popolazione e le imprese italiane. Soltanto alla fine del 2018, infatti, un Report di Casaleggio Associati aveva stimato una crescita rispetto...

Orologi Fossil: i migliori modelli per lui e per lei

Fondata nel 1984 in Texas, quella di Fossil è una storia di successo nel mondo degli orologi di precisione. Il successo di questa azienda è figlio della continua ricerca in termini di materiali e dell'innovazione che hanno portato l'azienda ad una partnership molto importante con Google per quanto riguarda...

Dal 2000 ad oggi in due milioni hanno lasciato il Sud: per metà sono giovani

«Dall'inizio del nuovo secolo hanno lasciato il Mezzogiorno 2 milioni e 15 mila residenti, la metà giovani fino a 34 anni, quasi un quinto laureati». Così la Svimez, l'associazione per lo Sviluppo del Mezzogiorno, che attraverso il suo ultimo Rapporto lancia l'allarme sulla «trappola demografica». In...

“Ma che vuò”: l'emoji pensata da Adriano Farano, startupper di Cava de’ Tirreni

Si chiama emoji "Ma che vuò" ed è l'ultima idea di Adriano Farano, noto startupper che da Cava de'Tirreni si è spostato in Silicon Valley. Il fondatore di Pactio, piattaforma di crowdfunding per progetti giornalistici, ha lanciato questa nuova emoji dopo aver studiato attentamente la gestualità napoletana....

“Un calendario per FRIDA”: a Cava un progetto contro la violenza sulle donne

Di Antonio Di Giovanni "Le donne nel mondo sono mamme, figlie, sorelle, spose, compagne di vita e questa condizione è uguale in ogni nazione." Ed è la Donna, quella che ogni giorno è "vittima" di una società malata, la protagonista di "Tutto al Femminile", un progetto che sostiene le vittime della violenza...