Ultimo aggiornamento 7 ore fa S. Cristina vergine

Date rapide

Oggi: 24 luglio

Ieri: 23 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico Costiera Amalfitana

Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Vi. Pa. Alberghi Ravello, Hotel Giordano, Villa Maria, Villa EvaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: Politica‘Per noi la Armenante è già fuori dalla Giunta'

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Politica

‘Per noi la Armenante è già fuori dalla Giunta'

Inserito da Il Mattino (admin), lunedì 25 marzo 2002 00:00:00

«I toni usati da Annamaria Armenante in quella lettera inviata al sindaco sono stati offensivi non solo nei confronti dei partiti, ma soprattutto nei riguardi dei consiglieri comunali di maggioranza»: questo è quanto emerso dall'incontro che si è svolto venerdì scorso tra i vertici locali ed i consiglieri di Forza Italia. Un colloquio molto informale, che è stato convocato all'indomani della lettera al sindaco nella quale il vice sindaco Armenante (nella foto in alto) annunciava le dimissioni dall'esecutivo. «Non meritavamo di essere considerati servi sciocchi del potere o altro. L'avevamo accolta in maggioranza e sostenuta. Ha commesso un grande errore». La riunione promossa dai consiglieri forzisti ha prodotto, in ogni caso, una linea ferma e decisa. Una presa di posizione che mette alle strette anche il sindaco Messina (nella foto al centro). «La vicenda è chiusa: per noi - affermano gli "azzurri" - la Armenante è già fuori dalla Giunta». Mentre gli esponenti del partito berlusconiano decidevano delle sorti amministrative di Cava de' Tirreni, le gole profonde del Palazzo confidano che Alfredo Messina (che in un primo momento aveva dato la sua adesione al summit dei forzisti) si sarebbe incontrato per una "cena in famiglia" con l'avvocato Armenante. Una decisione forse strategica, in considerazione del fatto che il vice sindaco non ha mai consegnato ufficialmente le sue dimissioni. Manca, infatti, in allegato alla sua lettera l'atto formale. Dunque, Messina prende tempo, ma sa pure che, oltre ad Alfonso Senatore, capogruppo di An, e ad Alfonso Laudato, il leader della rivolta, gran parte del gruppo di Forza Italia gli chiede di chiudere la partita, accettando le dimissioni dell'assessore Armenante. Intanto in Forza Italia si sta giocando la vera partita per la leadership in vista del congresso. Protagonisti Daniele Fasano, assessore alla Pubblica Istruzione e coordinatore cittadino, ed Antonio Barbuti (nella foto in basso), assessore al Commercio, proconsoli a Cava il primo di Antonio Martusciello, il secondo del coordinatore provinciale Antonio Cuomo. Ed è proprio Antonio Barbuti che chiede con forza le dimissioni del coordinatore cittadino. «Non è possibile che possa ricoprire l'incarico di coordinatore cittadino: è un incarico politico e non si coniuga con quello di amministratore. Deve prenderne atto ed avviare con un commissariamento del coordinamento la fase del congresso».

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

rank: 10547107

Politica

Cava de' Tirreni, Il comitato “Non solo Monticelli” incontra il movimento “Siamo Cavesi"

Nuove alleanze in vista di un piano di rilancio per la città in generale e per la frazioni in particolare. Il comitato "Non Solo Monticelli", rappresentato dal suo presidente Pasquale Ferrara ed il coordinatore Gennaro Vitale, hanno incontrato i consiglieri del movimento civico "Siamo Cavesi" Raffaele...

Mozzarella di Bufala Campana: Camera approva ordine del giorno per maggior tutela e controllo latte

È stato approvato ieri pomeriggio, 12 luglio, alla Camera dei Deputati un importante ordine del giorno presentato dagli onorevoli Cerreto, primo firmatario, Cangiano, Mattia e Ruspandini. Nella premessa, tra l'altro, si legge che l'art. 4 della legge 11 agosto 2014, n. 1161 prevede che la produzione...

Aeroporto Salerno-Costa d'Amalfi, Cammarano e Villani: «Apertura è realtà grazie al Movimento 5 Stelle»

"E' un giorno storico per la Campania. L'aeroporto di Salerno-Costa d'Amalfi sarà uno straordinario volano per l'economia della nostra regione, decongestionerà Capodichino e consentirà a tutti di conoscere le bellezze della nostra terra, come le nostre amate aree interne. Per amore della verità, non...

Aeroporto Salerno-Costa d'Amalfi, Ferrante (Mit): «Traguardo storico. Ora priorità ala realizzazione della metropolitana»

"La storica riapertura dell'Aeroporto di Salerno Costa d'Amalfi, potenziato nelle strutture e nelle capacità, costituisce la pietra miliare del percorso di rilancio della provincia salernitana, della Campania e del Mezzogiorno che il Governo sta portando avanti. Siamo qui oggi per inaugurare un'infrastruttura...

Ancora interrotta la linea ferroviaria storica Napoli-Salerno, Cammarano (M5s): «Oltre cinque mesi di disagi per i pendolari»

"La linea ferroviaria storica Napoli-Salerno è interrotta tra le stazioni di Nocera Inferiore e Salerno dallo scorso 20 gennaio. Oltre cinque mesi di difficoltà per i pendolari, costretti ad utilizzare i servizi sostitutivi e a subire ritardi e disagi. Nonostante la nostra interrogazione alla giunta...