Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Aurelio vescovo

Date rapide

Oggi: 20 luglio

Ieri: 19 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico Costiera Amalfitana

Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Vi. Pa. Alberghi Ravello, Hotel Giordano, Villa Maria, Villa EvaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: Flusso di CoscienzaL'interesse ad accendere per spegnere. Antincendio boschivo: cambiare sistema, basta coi privati

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Flusso di Coscienza

L'interesse ad accendere per spegnere. Antincendio boschivo: cambiare sistema, basta coi privati

Inserito da (Redazione), sabato 19 agosto 2017 14:37:32

di Donato Bella

 

Non sappiamo ancora se nel 2017 sarà battuto il record dei 100.000 ettari di bosco bruciati nel 2007, ma la tendenza lascia pensare che ci si andrà vicino.

È opinione comune, ed è ragionevole pensarlo, che dietro al fenomeno degli incendi boschivi ci sia la mano dell'uomo, e che gran parte dei roghi sia dovuta ad azioni dolose. Lo scatenarsi contemporaneo di incendi in più punti, distanti anche chilometri, o l'accendersi in un'altra località di nuovi roghi giusto un attimo dopo che ne sia stato spento uno, lascia addirittura sospettare che possa esserci una strategia criminale a dirigere l'azione incendiaria.

Ora, se da decenni assistiamo allo scempio dei nostri boschi causato dagli incendi estivi, un dato appare indiscutibile: il sistema di contrasto al fenomeno non funziona, non è efficace. Su cosa si basa tale sistema? È concentrato essenzialmente sullo spegnimento, manca praticamente della fase di prevenzione, e la gestione dei mezzi di spegnimento è affidata a privati. Privata è, infatti, la gestione della flotta aerea dei Canadair di proprietà pubblica, private sono le flotte regionali di elicotteri. Con costi di centinaia di milioni di euro pubblici che vanno a società private e che, nei fatti, non sono serviti a tutelarci, alla luce di quanto annualmente registriamo. Il ricorso all'appalto ai privati del servizio antincendio boschivi, peraltro, già come idea dovrebbe far storcere il naso, perché è di per sé un elemento di scarsa trasparenza. Il sospetto che ci sia un interesse ad accendere per spegnere viene normale, al di là dell'onestà o meno di chi operi. Il 31 agosto del 2000, il mensile èCostiera pubblicò un ampio dossier sull'argomento, sollevando già allora dubbi sulla scarsa trasparenza del sistema degli appalti per il servizio di spegnimento degli incendi boschivi. Il direttore responsabile dell'epoca, il decano dei giornalisti della Costiera amalfitana e memoria storica di tale territorio, Sigismondo Nastri, qualche giorno prima aveva scritto, su un quotidiano locale, un articolo in cui evidenziava le anomalie di tale meccanismo. Ebbene, dopo quelle pubblicazioni, Nastri ricevette minacce anonime di morte, dirette anche ai figli. C'era un nesso? Non possiamo giurarci, ma la cosa fece e fa riflettere.

Tutto ciò detto, si va diffondendo l'idea che il primo passo per realizzare un meccanismo più efficace di contrasto agli incendi boschivi sia il superamento dell'attuale sistema basato sul ricorso ai privati, puntando ad uno diverso, che preveda che il servizio antincendio boschivo diventi totalmente pubblico, e che si realizzino seriamente e "ordinariamente" le attività di prevenzione, fondamentali per evitare roghi di difficile controllo.

Il prossimo anno, a febbraio, termina il contratto n. 1154 del 3 febbraio 2012 per la gestione dei Canadair. In vista di tale scadenza c'è chi, nei territori della Costiera e di Cava, martoriati come non mai dagli incendi delle ultime settimane, sta cominciando a discutere su come dar vita a comitati di cittadini e associazioni a sostegno di una proposta al Governo che punti a evitare la reiterazione degli appalti ai privati e preveda la gestione pubblica del servizio antincendio boschivo, sia nazionale che regionale, nonché all'eliminazione del fenomeno del precariato che investe il mondo degli idraulici forestali - altro campo delicato, in cui le incertezze occupazionali e il ricorso alla straordinarietà alimentano zone d'ombra -, alla predisposizione di concrete attività di prevenzione e al sostegno ai Comuni affinché cataloghino tempestivamente le aree incendiate, permettendo, in tal modo, l'applicazione delle restrizioni d'utilizzo, previste dalla legge, dei suoli arsi.

In sintesi, si mira a spingere per un servizio antincendio boschivo pubblico e ordinario, che privilegi la prevenzione, il controllo e la cura del territorio.

Vedremo se tale annunciata mobilitazione riuscirà effettivamente a prendere forma. Nell'attesa sarebbe incoraggiante sentire anche le voci degli amministratori locali, che al momento appaiono silenti, forse disorientati dai terribili assalti subiti, assorbiti dall'emergenza e incapaci di ragionare sul che fare.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 1017142101

Flusso di Coscienza

Campionato di calcio... che passione!

di Concetta Lambiase - professoressa di Educazione Fisica In questi ultimi giorni sappiamo tutti che i campionati di calcio sono terminati con vincitori e vinti, o promossi e retrocessi, e chi meglio di me sa come usare le metafore di gioco durante le lezioni in palestra o nel campetto! Alla domanda...

Trasferire persone con disabilità mentali nelle RSA equivale a una condanna

Un drammatico vaso di Pandora. È quello che si sta aprendo dopo il suicidio di pochi giorni fa della donna di 67 anni che si è gettata dalla finestra della RSA, in provincia di Salerno, in cui viveva. La donna soffriva di disturbi mentali e aveva dei precedenti. Un episodio identico era avvenuto circa...

"Bulli di sapone", una challenge per le scuole organizzata dalla Regione Campania contro il bullismo

La Regione Campania dice "no" al bullismo e lancia una social challenge per le scuole, un ciclo di incontri informativi che coinvolgerà 10.000 studenti e una campagna di sensibilizzazione a cui hanno aderito personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo ‒ Clementino, Sergio Assisi, Flo e Luigi...

Przemyśl, la nuova opera della street artist Laika dal titolo "Come with me - All Refugees Welcome"

Przemyśl, 22 aprile. Nella notte tra il 21 e il 22 aprile l'artista Laika è tornata a colpire con un nuovo blitz. L'opera dal titolo "COME WITH ME - ALL REFUGEES WELCOME" ritrae una donna rifugiata ucraina che fugge insieme al suo bambino dalla guerra e porta con sé una rifugiata siriana ed una bambina...

Annamaria Panariello e Rosanna Di Marino in una performance contro la violenza di genere

Il diritto di ogni essere umano a vivere ed esprimere liberamente le proprie emozioni ed il proprio essere. Questo il messaggio della performance "Ab-uso", realizzata dalle artiste cavesi Annamaria Panariello e Rosanna Di Marino, le quali da tempo sono unite in un sodalizio artistico denominato "Osmotica",...