Ultimo aggiornamento 45 minuti fa S. Aurelio vescovo

Date rapide

Oggi: 20 luglio

Ieri: 19 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico Costiera Amalfitana

Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Vi. Pa. Alberghi Ravello, Hotel Giordano, Villa Maria, Villa EvaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: Flusso di CoscienzaIl dolore silenzioso di un'intera comunità

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Flusso di Coscienza

Il dolore silenzioso di un'intera comunità

Inserito da (Redazione), lunedì 29 gennaio 2018 16:22:15

di Patrizia Reso

Sugli stessi lastroni in pietra, interamente rivestiti di coriandoli colorati, sui quali hanno gioiosamente passeggiato durante una calda mattinata di fine gennaio, bambini festosi nelle loro mascherine, in serata su quegli stessi lastroni migliaia di piedi anonimi, appartenenti a un fiume di persone che hanno spontaneamente aderito all'appello lanciato da alcune associazioni femminili operanti sul territorio: una fiaccolata per Numzia, contro la violenza di genere.

Un appello circolato in rete, attraverso i social network e attraverso chat e messaggistica dei cellulari. Un appello che non ha avuto bisogno di urla per essere ascoltato e accolto.

La fiaccolata ha iniziato ad acquistare corpo a piazza Lentini, contrariamente a tante altre iniziative simili ma dettate da altre ragioni, è partita in perfetto orario. Si era già in tanti, non so quantificare, ma già in tanti e, inizialmente in prevalenza donne. Qualcuna, come me, ha auspicato che aumentasse la presenza maschile, che sensibilmente durante il percorso si è accresciuta, come pure è diventata notevole la presenza di nuclei familiari: giovani genitori con i loro bambini.

Tutti in silenzio, con la propria candela bianca che colava cera oppure preventivamente inserita in un bicchiere di plastica. Un fiume silenzioso di persone, di ogni età, di ogni condizione, ha attraversato l'intero corso di Cava, per giungere fino a piazza San Francesco. Un fiume silenzioso, di un silenzio assordante, che ha zittito pure il popolo dello struscio sotto i portici, che ha coinvolto molti esercizi commerciali, che hanno interrotto la propria attività oppure acceso la propria candela.

Nessuna strumentalizzazione politica, c'erano anche diversi volti di politici, ma si sono confusi nell'anonimato delle migliaia di persone presenti. Non si udiva neppure parlare. Se qualcuno lo faceva, in rispettoso tono basso. Unico rumore: qualche tacco oppure suola riecheggiava sulla pavimentazione.

Solo quando si è giunti a San Francesco, ognuno di noi ha realizzato quanti eravamo a stringerci attorno a tre bambini che oggi avrebbero potuto godere anche loro della pioggia dei coriandoli. Dal sagrato della chiesa, già gremito, abbiamo realizzato il fiume umano, percepito attraverso il riverbero della candela, che dal corso si riversava nel parcheggio sottostante. Qualcuno ha parlato, ma si era talmente tanti e talmente distanti che non tutti hanno sentito. Ma credo che non abbia importanza. Importa invece la testimonianza umana di partecipazione, il silenzio di donne e uomini di rispetto del grande dolore che non dovrebbero mai conoscere i bambini. Un silenzio di ferma condanna a chi vuole dominare col paravento dell'amore. Un silenzio di ferma condanna all'indifferenza e alle escalation "quiete" che si hanno tra le pareti domestiche e che sfociano nella violenza più antica e brutale. Un silenzio che tre bambini non dimenticheranno, ma che comunque non darà loro quell'amore di cui hanno bisogno, oggi più di ieri.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 105821107

Flusso di Coscienza

Campionato di calcio... che passione!

di Concetta Lambiase - professoressa di Educazione Fisica In questi ultimi giorni sappiamo tutti che i campionati di calcio sono terminati con vincitori e vinti, o promossi e retrocessi, e chi meglio di me sa come usare le metafore di gioco durante le lezioni in palestra o nel campetto! Alla domanda...

Trasferire persone con disabilità mentali nelle RSA equivale a una condanna

Un drammatico vaso di Pandora. È quello che si sta aprendo dopo il suicidio di pochi giorni fa della donna di 67 anni che si è gettata dalla finestra della RSA, in provincia di Salerno, in cui viveva. La donna soffriva di disturbi mentali e aveva dei precedenti. Un episodio identico era avvenuto circa...

"Bulli di sapone", una challenge per le scuole organizzata dalla Regione Campania contro il bullismo

La Regione Campania dice "no" al bullismo e lancia una social challenge per le scuole, un ciclo di incontri informativi che coinvolgerà 10.000 studenti e una campagna di sensibilizzazione a cui hanno aderito personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo ‒ Clementino, Sergio Assisi, Flo e Luigi...

Przemyśl, la nuova opera della street artist Laika dal titolo "Come with me - All Refugees Welcome"

Przemyśl, 22 aprile. Nella notte tra il 21 e il 22 aprile l'artista Laika è tornata a colpire con un nuovo blitz. L'opera dal titolo "COME WITH ME - ALL REFUGEES WELCOME" ritrae una donna rifugiata ucraina che fugge insieme al suo bambino dalla guerra e porta con sé una rifugiata siriana ed una bambina...

Annamaria Panariello e Rosanna Di Marino in una performance contro la violenza di genere

Il diritto di ogni essere umano a vivere ed esprimere liberamente le proprie emozioni ed il proprio essere. Questo il messaggio della performance "Ab-uso", realizzata dalle artiste cavesi Annamaria Panariello e Rosanna Di Marino, le quali da tempo sono unite in un sodalizio artistico denominato "Osmotica",...