Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. Cristina vergine

Date rapide

Oggi: 24 luglio

Ieri: 23 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico Costiera Amalfitana

Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Vi. Pa. Alberghi Ravello, Hotel Giordano, Villa Maria, Villa EvaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: Flusso di CoscienzaAccendere per spegnere 2: le truppe di terra

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Flusso di Coscienza

Accendere per spegnere 2: le truppe di terra

Inserito da Donato Bella (Redazione), lunedì 21 agosto 2017 10:05:49

di Donato Bella

Nell'articolo precedente, si è parlato della flotta aerea utilizzata nel contrasto degli incendi boschivi e delle contraddizioni presenti nella sua gestione.

Gli incendi, però, si combattono anche con le truppe di terra. Qui, due situazioni meritano attenzione: una recente, determinata dall'entrata in vigore della Legge 124/2016 (legge Madia) che ha accorpato il Corpo Forestale dello Stato ai Carabinieri, l'altra "tradizionale", quella che riguarda l'esercito di idraulici forestali a tempo determinato.

Dal 1° gennaio 2017, il Corpo Forestale dello Stato, in virtù della Legge Madia, è stato accorpato ai Carabinieri. Dei circa 8.000 dipendenti più di 6.000 sono stati destinati ai Carabinieri, 300-400 ai Vigili del Fuoco, e altri circa 1.200 alla pubblica amministrazione. I disagi più gravi sono stati causati dalla "perdita" dei DOS (Direttori Operativi degli Spegnimenti), cioè le figure qualificate per coordinare le azioni durante le emergenze. «La Forestale era particolarmente preparata in questo compito e le ex guardie trasferite tra i pompieri speravano di vedersi riassegnareautomaticamente quell'incarico (i carabinieri non operano nell'antincendio).Così non è stato. E così da un lato i vigili del fuoco sono stati costretti a una corsa contro il tempo per formare il proprio personale in questa difficile mansione, dall'altro molti ex forestali specializzati si sono ritrovati relegati in ruoli di minore responsabilità o parcheggiati senza mansioni, nell'attesa di decreti attuativi previsti nella riforma». (da Il Fatto Quotidiano 14/07/2017). Inoltre, per Gabriele Pettorelli, coordinatore nazionale dei Forestali per il Conapo, il sindacato autonomo dei Vigili del Fuoco «"La riforma Madia ha provocato tutta una serie di complicanze burocratiche e ora, nel momento della verità, i nodi arrivano al pettine". Da un lato i problemi legati ai protocolli di volo. "Quelli dei forestali erano diversi da quelli adottati dai vigili del fuoco: per cui molti piloti hanno dovuto rivedere le procedure e questo ha prodotto ritardi". Poi c'è il problema della manutenzione. "Sembra assurdo - prosegue Pettorelli - ma si è arrivati a luglio, cioè al mese più critico dell'anno, con vari elicotteri non autorizzati a volare"» (sempre da Il Fatto Quotidiano 14/07/2017).

Va ricordato, ancora, che il capo della Polizia, Franco Gabrielli, già lo scorso anno, dinanzi agli incendi che devastavano la Sicilia, dichiarò che la riforma Madia non era stata un'idea felice.
Oggi, con ordinanza del 9 giugno 2017, il TAR dell'Abruzzo ha accolto il ricorso dei componenti dell'ex corpo dei Forestali, ritenendo che la Legge Madia violi ben cinque articoli della Costituzione. Si è innescato, dunque, un contenzioso amministrativo che non sappiamo quando e come si chiuderà.

Veniamo quindi alla questione degli operati idraulici forestali a tempo determinato. Un esercito di circa 5.000 unità, in Campania, precario da anni e costretto a lottare annualmente per ottenere qualche mese di lavoro. Il Presidente della Regione, De Luca, nella campagna elettorale del 2015 si impegnò a stabilizzarli, chiarendo, però, che si trattava di un obiettivo non facile data la limitatezza delle risorse finanziarie. Così come la gestione privata dei velivoli antincendio si presta a scarsa trasparenza, anche l'eterna precarietà di questi lavoratori può alimentare cattivi pensieri. Chi può escludere che tra migliaia di disperati non si annidi qualche incosciente che il lavoro se lo crea dando fuoco ai boschi autonomamente o accettando di diventare complice di chi ha più forti interessi nell'industria del fuoco?

Difficilmente le Regioni saranno in grado di assumere a tempo indeterminato numeri così elevati di lavoratori. Eppure, la cura del territorio, la pulizia dei boschi, tutte le attività di prevenzione degli incendi e la stessa attività di spegnimento quando questi si presentano, devono svolgersi con impegno quotidiano. Anche in questo campo, quindi, solo lo Stato può intervenire in modo risolutivo, considerando che la spesa per la manutenzione costante è certamente inferiore a quella degli interventi emergenziali e a quella per la riparazione dei danni subiti annualmente dal territorio. Perché non ragionarci?

Leggi anche

L'interesse ad accendere per spegnere. Antincendio boschivo: cambiare sistema, basta coi privati

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 106749100

Flusso di Coscienza

Campionato di calcio... che passione!

di Concetta Lambiase - professoressa di Educazione Fisica In questi ultimi giorni sappiamo tutti che i campionati di calcio sono terminati con vincitori e vinti, o promossi e retrocessi, e chi meglio di me sa come usare le metafore di gioco durante le lezioni in palestra o nel campetto! Alla domanda...

Trasferire persone con disabilità mentali nelle RSA equivale a una condanna

Un drammatico vaso di Pandora. È quello che si sta aprendo dopo il suicidio di pochi giorni fa della donna di 67 anni che si è gettata dalla finestra della RSA, in provincia di Salerno, in cui viveva. La donna soffriva di disturbi mentali e aveva dei precedenti. Un episodio identico era avvenuto circa...

"Bulli di sapone", una challenge per le scuole organizzata dalla Regione Campania contro il bullismo

La Regione Campania dice "no" al bullismo e lancia una social challenge per le scuole, un ciclo di incontri informativi che coinvolgerà 10.000 studenti e una campagna di sensibilizzazione a cui hanno aderito personaggi del mondo dello sport e dello spettacolo ‒ Clementino, Sergio Assisi, Flo e Luigi...

Przemyśl, la nuova opera della street artist Laika dal titolo "Come with me - All Refugees Welcome"

Przemyśl, 22 aprile. Nella notte tra il 21 e il 22 aprile l'artista Laika è tornata a colpire con un nuovo blitz. L'opera dal titolo "COME WITH ME - ALL REFUGEES WELCOME" ritrae una donna rifugiata ucraina che fugge insieme al suo bambino dalla guerra e porta con sé una rifugiata siriana ed una bambina...

Annamaria Panariello e Rosanna Di Marino in una performance contro la violenza di genere

Il diritto di ogni essere umano a vivere ed esprimere liberamente le proprie emozioni ed il proprio essere. Questo il messaggio della performance "Ab-uso", realizzata dalle artiste cavesi Annamaria Panariello e Rosanna Di Marino, le quali da tempo sono unite in un sodalizio artistico denominato "Osmotica",...