Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 14 minuti fa S. Contardo Ferrini

Date rapide

Oggi: 20 ottobre

Ieri: 19 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Egea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriLa Tramontina, Mozzarella di Bufala Campana, prodotti caseari di eccellenza, caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De RisoTerra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera AmalfitanaMielePiu, Professionisti dell'arredo bagno con show room ad Avellino e Salerno, promuove il nuovo sistema di purificazione dell'aria Air BeeAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: Cronaca, Notizie, Lifestyle‘Rosario merita clemenza'

Soluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.

Cronaca, Notizie, Lifestyle

‘Rosario merita clemenza'

Scritto da Il Mattino (admin), mercoledì 26 febbraio 2003 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 26 febbraio 2003 00:00:00

«Speravamo nella clemenza dei giudizi ed invece l'assoluzione non c'è stata». La sentenza emessa lunedì dalla Corte d'Assise d'Appello, che ha confermato la condanna di primo grado a 4 anni e 8 mesi per Rosario Avagliano, accusato di parricidio, ha scosso per una seconda volta la gente del suo quartiere. In una delle palazzine popolari di Santa Maria del Rovo c'è un piatto caldo pronto in tavola. Anche ieri Marianna De Rosa, la donna che abita nell'appartamento accanto a quello in cui viveva la famiglia Avagliano, ha aspettato Rosario per ora di pranzo. Il giovane non si è fatto vedere. Non ha affatto intenzione di rompere il silenzio che mantiene sulla sua tragedia, fin da quella sera del dicembre ‘98, quando fu ritrovato nel bagno di casa accanto al padre morto. Da qualche tempo Rosario, un giovane dal carattere schivo, vive da solo in un'abitazione a Rotolo. Si arrangia con lavoretti saltuari e con l'aiuto dei pochi che, spenti i riflettori della cronaca, hanno continuato a stargli vicino. Raccontano che la sua unica reazione sia stata tutta rivolta alla fidanzata: «Non voglio essere rinchiuso di nuovo. Non voglio lasciare la mia ragazza». E così, quelle stesse persone, i vicini di casa, che subito dopo l'omicidio diedero vita ad un comitato di difesa, ora lanciano un appello affinché Rosario possa ritornare ad una vita normale. «Non avevamo costituito - spiega Marianna De Rosa - un vero e proprio comitato. È più giusto dire che, in quel periodo, l'opinione della gente era divisa tra chi colpevolizzava Rosario e chi lo difendeva. Chi lo conosce, come noi, che gli siamo accanto dalla sua infanzia, lo ha considerato da subito innocente. Sulla terribile tragedia si sono pronunciati i giudici, ma siamo più che certi che non è stato un atto premeditato». E continua: «Rosario è buono come il pane, non farebbe mai male ad una mosca. Purtroppo, fin da piccolo è stato costretto a convivere con la sofferenza: il suo handicap fisico, il difficile rapporto con il padre, affetto da problemi fisici ed una forte dipendenza da alcol». Le fa eco Vincenzo De Bartolomeis, anche lui vicino di casa: «Forse è stato un gesto disperato. Uno spintone di troppo. Noi sentivamo spesso il padre, in preda ai fumi dell'alcol, litigare con Rosario. Conoscevamo la sua difficile situazione e non potevamo che difenderlo». Oggi, a cinque anni di distanza e con una nuova sentenza di condanna, si spera ancora nella clemenza. «Come madre, spero che Rosario possa avere al più presto una vita normale», si augura Marianna De Rosa.

LA VICENDA GIUDIZIARIA

Il 21 dicembre del 1998 Rosario Avagliano viene accusato di parricidio. Il giovane racconta prima ai fratelli, poi ai Carabinieri, di aver ucciso nel bagno di casa il padre, che continuava a chiamarlo con il soprannome di "sturpiato". Le perizie psichiatriche disposte dal magistrato confermano lo stato di infermità del ragazzo al momento dell'omicidio. Il 24 giugno arriva la sentenza di primo grado: il giudice decide per una pena riduttiva a 4 anni e 8 mesi di carcere. Dopo 5 anni, in appello viene confermata la condanna.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

rank:

Cronaca, Notizie, Lifestyle

Scuola nel napoletano chiude per Covid, De Luca: «Genitori irresponsabili, non erano vaccinati»

In una scuola di Qualiano, nell'hinterland di Napoli, sono stati registrati 13 alunni positivi (8 scuola dell'infanzia, 4 elementari, 1 scuola media), e 5 insegnanti. L'istituto, il "Salvatore Di Giacomo - Santa Chiara", ha sospeso le lezioni in presenza per una settimana, tornando alla didattica a distanza...

Dramma a Cava de' Tirreni: madre 37enne stroncata dal Covid in ospedale

Dramma a Cava de' Tirreni. Una 37enne, originaria di Scafati, non ancora vaccinata, ha perso la vita in ospedale dopo aver combattuto contro il Covid-19. Come scrive "La Città di Salerno", la donna era arrivata all'ospedale metelliano nella tarda serata di lunedì, con gravi problemi respiratori e febbre...

Atti vandalici in una scuola di Torre Annunziata: arrestato 28enne di Cava de' Tirreni

Nella serata di ieri, un 28enne di Cava de' Tirreni, insieme ad un complice, si è introdotto nella scuola di via Cavour, a Torre Annunziata, per danneggiare porte e mettere a soqquadro alcuni locali dell'istituto. I residenti della zona hanno quindi allertato gli agenti del Commissariato di Torre Annunziata...

Appalti truccati: Savastano si difende e tira in ballo Adolfo Salsano di Cava de' Tirreni

Il consigliere regionale Nino Savastano, consigliere regionale ed ex assessore alle politiche sociali del Comune di Salerno, finito agli arresti domiciliari per lo scandalo su appalti, ha risposto alle domande del giudice per le indagini preliminari, Gerardina Romaniello, e dei pm Guglielmo Valenti ed...

Estorsioni su gite in barca nel Cilento: confermata condanna a 46enne di Cava de' Tirreni

Tentata estorsione e associazione di tipo mafioso. Condannati anche in appello i due armatori operanti nel Cilento, arrestati nel 2015 dai carabinieri di Vallo della Lucania. Si tratta di Davide Morinelli, 46enne originario di Cava de' Tirreni e residente a Casal Velino, e Gennaro Esposito, 60enne originario...