Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 2 ore fa SS. Michele Gabriele e Raffaele

Date rapide

Oggi: 29 settembre

Ieri: 28 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Maurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De RisoHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: Cronaca, Notizie, LifestyleDante "personal trainer": ci insegna a pensare con la nostra testa, a difendere il valore supremo della libertà

Cardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Cronaca, Notizie, Lifestyle

Dantedì, l'Italia celebra il Sommo poeta

Dante "personal trainer": ci insegna a pensare con la nostra testa, a difendere il valore supremo della libertà

Rappresenta le nostre radici culturali più profonde. Per questo va amato, studiato, ricordato, celebrato

Scritto da (redazione), mercoledì 24 marzo 2021 21:50:23

Ultimo aggiornamento giovedì 25 marzo 2021 19:05:16

di Novella Nicodemi*

 

"Ma perché dobbiamo studiare Dante prof??" Quante volte nella mia esperienza di docente mi sono sentita rivolgere la stessa spiazzante e disarmante domanda! Dante è il nostro Shakespeare, con la differenza che i giovani anglosassoni sono ben lieti di mandare a memoria e declamare interi passi delle opere del beneamato William. Che siano orientati verso un mestiere o che abbiano deciso di intraprendere studi universitari conta ben poco. Fa parte della loro identità e ne vanno fieri. Da noi la conoscenza puntuale dei versi del Ghibellinfuggiasco è stata spesso confinata nei Licei, in primis nel Liceo classico fuori dal quale diventava quasi inutile promuoverne lo studio. Retaggio culturale che fortunatamente in questi ultimi anni sta scomparendo a vantaggio di una sempre più capillare attenzione al Sommo poeta. Per quello che riesce a dare a tutti noi italiani (e al mondo intero) in termini di arricchimento culturale, valoriale, linguistico e spirituale.

Il viaggio di Dante, ancora vivo, nel mondo delle anime è una fictio, una finzione letteraria in cui chi legge stringe un patto narrativo con chi scrive. Noi lettori accettiamo appunto di credere che nel mondo dei morti, accompagnato da Virgilio e poi da Beatrice, il Nostro incontri cani a tre teste, arpie, alberi da cui fuoriescono sangue e parole, fiamme biforcute che avvolgono anime di peccatori, demoni, angeli, e Lucifero in persona... E prima che il solito buontempone avanzi il sospetto che l'Alighieri, prima di avere tali visioni, fosse stato rifornito di roba buona da qualche pusher, affermo che no, non si era fumato niente: la sua droga era la sua passione per la Giustizia e per la Letteratura. "Caron dimonio, con occhi di bragia', il traghettatore delle anime, (come poi altri) cerca di impedire questo viaggio fatale, ma Virgilio lo liquida con un secco e perentorio "Vuolsi così colà dove si puote/ ciò che si vuole, e più non dimandare": è Dio che lo ha voluto e consentito, affinché sia da exemplum per l'intera umanità. Sono le forti passioni, quelle viscerali, a scatenare in modo naturale l'adrenalina della fantasia. Passioni devastanti come la storia d'amore tra Francesca da Rimini e suo cognato Paolo (uccisi dal marito di lei Gianciotto Malatesta) che porta alla dannazione eterna tutti e tre i protagonisti: un sentimento vissuto come forza invincibile e irrinunciabile se davvero "Amor ch'a nullo amato amar perdona". Per la serie: se io amo una persona, lei non può non corrispondermi. E la discussione letterario-filosofica che si innesta su questo assunto è nutrimento vitale per degli adolescenti. Finché si parla di amore, non sarà difficile suscitare il loro interesse. Ma poi c'è la questione della religione. Non è semplice far capire che nel Medioevo la vita di ogni uomo era permeata completamente dalla dimensione religiosa, così come oggi la vita di un uomo del ventunesimo secolo è permeata dalla tecnologia. Parlare di papi e imperatori era comune come oggi parlare di Putin, Trump, Biden, Papa Francesco e di tutti i potenti del mondo. Contestualizzare la Comedìa in una prospettiva storica e storicistica è la prima operazione da fare. Nel Medioevo Papa e Imperatore avevano ognuno i propri followers (parallelo ardito ma efficace) e anche nella stessa città i dissidi tra le fazioni erano violentissimi. Un po' come tra le tifoserie in un derby allo stadio. E Dante sarà vittima proprio delle violentissime lotte civili che dilaniavano Firenze in cui, a partire dal 1301, si erano impadroniti del potere i guelfi neri, capeggiati da Corso Donati. Questi ultimi saranno i principali responsabili, oltre al Papa Bonifacio VIII, dell'accusa di baratteria che arrivò come una mannaia sulla testa del poeta che era stato inviato a Roma come ambasciatore. Da questa infamante accusa di corruzione nell'esercizio delle cariche pubbliche Dante non intese discolparsi. Condanna: il rogo. Questa la causa del dolorosissimo esilio. Lasciare Firenze, casa, affetti, luoghi del cuore e dell'anima. Per sempre. Senza portare nulla con sé se non il proprio cervello, la memoria, la capacità linguistica e immaginativa. Tanto bastò per creare un poema di cento canti.

"Cioè volete dire che se non lo avessero esiliato non avrebbe mai scritto la Commedia e noi non la dovremmo studiare oggi? Infami, due volte infami questi guelfi neri, prof!!" Di fronte a questa osservazione, che si origina da un moto di autentica e genuina rabbia, lascio abitualmente scorrere le sane risate come il fluido più propizio per l'apprendimento.

In una Firenze dove dilaga la corruzione politica e dei costumi, in una ‘serva Italia' (che il Nostro impara a conoscere da vicino nello straziante pellegrinaggio di corte in corte) "di dolore ostello, nave senza nocchiero in gran tempesta/non donna di provincie ma bordello", la gente di Chiesa "che dovrebbe esser devota" - ma nella curia papale "Cristo tutto dì si merca" - ha un posto assicurato all'Inferno mentre i due soli, i due campioni della fede, San Francesco e San Domenico risplendono in Paradiso. L'ingiusta sorte del Sommo poeta è richiamata per analogia dall'imperatore Giustiniano nel canto VI del Paradiso quando parla di Romeo da Villanova, che amministrò rettamente la corte di Berengario IV di Provenza, ma suscitò l'invidia dei provenzali e, invece di ricevere gratitudine, fu immeritatamente calunniato. Di qui il suo esilio: partì povero e vetusto, costretto a mendicare la sua vita ‘a frusto a frusto', ma con animo fiero e dignitoso.

Lo stesso fece Dante, come leggiamo nei versi tra i più commoventi del poema: le parole dell' antenato Cacciaguida che gli presagisce l'esilio (ovviamente si tratta di una falsa profezia perché Dante narratore ha già subito l'esilio che Dante personaggio deve ancora affrontare) la cui prima e amara conseguenza sarà lasciare "ogne cosa /diletta più caramente".

"Tu proverai sì come sa di sale/ lo pane altrui, e come è duro calle/ lo scendere e ‘l salir per l'altrui scale" gli dice Cacciaguida... E così sarà, fin quando il Sommo arriverà alla corte dei Da Polenta a Ravenna e qui morirà il 14 settembre del 1321. Settecento anni fa.

Dante con la Comedià ci insegna a vivere ma anche e soprattutto a morire con dignità. La dignità di chi aveva idee precise, certezze non scalfibili, monolitiche, e la forza di quelle idee lo sosteneva e sostentava proprio nel periodo più difficile. Ci mostra anche la straordinaria forza delle parole che quelle idee veicolano, la capacità linguistica duttile e malleabile che si presta a trattare qualsiasi argomento, dallo stile basso a quello elegiaco al tragico. Impareggiabile la maestria del Divin poeta da cui non si può che pescare, attingere, trovando tesori incommensurabili... Ci insegna a esercitare la memoria, perché "non fa scienza, sanza lo ritenere, avere inteso". Uno dei concetti più ostici per i miei studenti. Perché fare la fatica di imparare a memoria? Tanto poi, tempo una settimana, non si ricorda più nulla. E' proprio questo il punto. Se memoria deve essere, deve essere esclusivamente a lungo termine.Cultura non è ciò che semplicemente si capisce, ma è quello che si trattiene dentro la testa e il cuore per sempre.Come un tesoro prezioso da custodire. Dante l'ho sempre visto, tra gli altri aspetti, come un coach, un personal trainer. Ti insegna a farti tetragono, a resistere ai colpi della fortuna. Ti fa capire che la parola è davvero poetica nel senso etimologico del verbo greco poieo: crea, costruisce dei mondi, altrettanto reali rispetto a quello in cui viviamo, che ci sopravvivranno. Ci ammonisce che da un momento all'altro potremmo perdere tutto ciò che abbiamo di più caro: ma quello che c'è nella nostra testa e nella nostra anima non lo perderemo mai. Ci fa scoprire che la letteratura ci può far vivere tante vite parallele. Ci invita a pensare con la nostra testa, a non piegarci mai, a mantenerci saldi sulle nostre posizioni, se le riteniamo giuste, a difendere il valore supremo della libertà. "Fatti non foste a viver come bruti/ ma per seguire virtute e canoscenza" è il cuore del discorso che Ulisse fa ai suoi compagni per incitarli a seguirlo in una impresa impossibile oltre le colonne d'Ercole. La sete di conoscenza, il desiderio, la curiosità di sapere spingono Ulisse a voler superare i limiti dell'essere umano. A esercitare un diritto alla libertà che da subito si rivela autodistruttivo ma che appare insopprimibile: il ‘folle volo' verso l'ignoto è trascinante ben più del canto delle Sirene. Conoscenza è libertà.

"Libertà va cercando ch'è sì cara/ come sa chi per lei vita rifiuta": così Virgilio esorta Catone l'Uticense a non impedire il viaggio di Dante. Un distico che si stampa nel nostro DNA. Libertà di esprimere le proprie opinioni e di non sottostare, anche sacrificando la propria vita, ad alcuna dittatura, ma anche libertà spirituale dal peccato. Cosa poi si intenda per peccato, va ricondotto all'epoca storica di riferimento. Un autore medievale è medievale e basta, non può essere modernizzato. E' semplicemente universale, senza tempo. Per capirlo a fondo dobbiamo calarci in un'epoca in cui ancora si pensava che la Terra fosse al centro dell'Universo. Dante incarna il pensiero filosofico occidentale: l'individuo, il valore sacro della persona. E di tutto ciò che ci rende umani. Rappresenta le nostre radici culturali più profonde. Per questo e altre mille ragioni va amato, studiato, ricordato, celebrato.

*docente in Italiano e Storia presso il Liceo "De Filippis-Galdi", indirizzo Economico Sociale, di Cava de' Tirreni

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca, Notizie, Lifestyle

Scoperta piantagione di marijuana in casa: arrestati due fratelli a Cava de' Tirreni

A seguito dell'intensificazione dei servizi di controllo del territorio miranti - in particolare - al contrasto dello spaccio di sostanza stupefacenti destinato soprattutto ai giovanissimi abitanti di Cava de' Tirreni, gli Agenti di Polizia del Commissariato hanno scoperto - a seguito della tradizionale...

Cava de' Tirreni. Perde il controllo dell'auto e si schianta contro il muro della Caritas

Poco dopo le 6,30 di questa mattina, un'automobilista ha perso il controllo della sua piccola utilitaria, finendo la sua corsa contro un muro in Via Avallone a Cava de' Tirreni. Esplosi entrambi gli airbag con gravi danni alla parte frontale dell'auto. Alla guida un trentenne residente nella città metelliana....

Esplosione in un parcheggio a San Valentino Torio: colonna di fumo nero visibile a decine di chilometri di distanza

Colona di fumo nera in un parcheggio di San Valentino Torio, dove un'esplosione ha provocato un vasto incendio che sta investendo camion e capannoni. Come riporta Telenuova, la colonna di fumo, visibile anche in Costa d'Amalfi e a Cava de' Tirreni, si è liberata invadendo tutto il territorio circostante....

Va in arresto cardiaco durante trasferimento al "Ruggi": 59enne di Cava de' Tirreni salvato dalla Croce Bianca

Momenti di apprensione per un 59enne di Cava de' Tirreni arrivato all'ospedale "Santa Maria dell'Olmo" con esteso IMA infero-postero laterale. Dopo opportuna terapia, i medici hanno richiesto il trasferimento dell'uomo alla emodinamica del "Ruggi" ma durante il viaggio per l'ospedale salernitano qualcosa...

Salerno, espulso algerino: era accusato di lesioni, ricettazione e violenza sessuale

L'Ufficio Immigrazione della Questura di Salerno, in collaborazione con la Direzione Centrale dell'Immigrazione di Roma ha eseguito un rimpatrio coattivo con riaccompagnamento in Algeria. Lo straniero era stato già destinatario di un Provvedimento di Espulsione, quindi trattenuto presso il Centro per...

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.