Ultimo aggiornamento 6 ore fa S. Cristina vergine

Date rapide

Oggi: 24 luglio

Ieri: 23 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico Costiera Amalfitana

Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Vi. Pa. Alberghi Ravello, Hotel Giordano, Villa Maria, Villa EvaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: CronacaRapina al ristorante 'Arcara'

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Cronaca

Rapina al ristorante 'Arcara'

Inserito da Il Mattino (admin), lunedì 1 ottobre 2001 00:00:00

Avevano il volto coperto da una calza e ognuno di loro impugnava un'arma. Così hanno fatto irruzione nei locali del ristorante Arcara, gestito dalla famiglia Senatore, di cui Fabio, uno dei fratelli, è il titolare. Gi hanno puntato la pistola al volto e hanno chiesto l'intero incasso della serata, circa sei milioni di lire. L'hanno minacciato fino a quando non hanno visto la cassa svuotarsi. Non contenti, però, hanno derubato i venti clienti ancora ai tavoli, arraffando numerosi oggetti di valore. Sono fuggiti a bordo di un'auto di grossa cilindrata. E' scoccata l'una: via Lambiase in località Arcara, a pochi passi dalla statale e da Salerno. In quattro entrano nell'antico portone che fa d'ingresso al ristorante Arcara (nella foto) di Fabio Senatore; ci sono ancora parecchi clienti. Loro sono in quattro. Con il volto coperto da una calza fanno irruzione nel salone d'entrata dove c'è la cassa. Uno punta la pistola contro la cassiera, gli altri si dispongono a cerchio. Vogliono l'incasso della serata. Armi in pugno: «Tutti i soldi». E si aspettano un lauto bottino, vista la serata prescelta: «Tutti i soldi e in fretta». Il proprietario non oppone resistenza. Apre la cassa ed estrae i contanti, circa sei milioni di lire. Intanto i camerieri e le altre persone presenti in sala restano impietrite. Non si sentono al sicuro neppure cucina. I ladri hanno occhi dappertutto. Ma non è finita. Il silenzio viene rotto da un'altra richiesta e da altre minacce. Questa volta a finire nel mirino dei ladri sono i clienti. Ad uno ad uno vengono ripuliti i tavoli ancora occupati dagli ospiti. Portano via gli oggetti più preziosi: gioielli, orologi ed i telefonini cellulari. Arraffano tutto ciò che riescono a scorgere tra la trama della calza che copre i loro occhi. I quattro scappano a bordo di un'auto di grossa cilindrata, mentre nel locale si assiste a scene di panico. Molti dei clienti hanno raggiunto il vicino pronto soccorso: nessun pericolo dicono i referti medici, solo un grosso spavento. Sconvolta è l'intera famiglia Senatore, da anni nel settore della ristorazione e del commercio, con il negozio di elettrodomestici al Corso Umberto I: «Così non si può andare avanti», le uniche parole che si sarebbero fatti scappare durante la sottoscrizione della denuncia. I carabinieri della stazione locale, guidata dal comandante Giuseppe Recchimuzzi, in collaborazione con gli uomini della Compagnia di Nocera Inferiore hanno interrogato i proprietari ed il personale dell'Arcara insieme a tutti i testimoni. Non è stato possibile ricostruire il loro identikit, ma dalle deposizioni sono saltate fuori utili indicazioni: giovani sui trent'anni. Abbigliamento sportivo, volto coperto, armati di pistola e di un coltello. Nessuna cadenza dialettale. L'ipotesi degli inquirenti è che i quattro possano essere rapinatori venuti da fuori per fare il colpo e poi andarsene. E allora cosa giustificherebbe il volto coperto: solo precauzione?

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 10469107

Cronaca

Contrasto al lavoro nero: scoperte irregolarità in cantiere edile di Amalfi

Un'importante operazione di controllo è stata condotta questa settimana dai Carabinieri dell'Aliquota Operativa del NORM di Amalfi e del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Salerno. L'obiettivo, intensificare la lotta contro il lavoro nero: un fenomeno purtroppo ancora diffuso che danneggia...

Incidente sull'A2: le vittime sono marito e moglie, gli avvocati Mario Valiante e Wilma Fezza

Sono gli avvocati Mario Valiante e Wilma Fezza, marito e moglie di Pellezzano, le vittime dell'incidente verificatosi questa mattina sull'autostrada A2 direzione Sud all'altezza dello svincolo per Eboli. Wilma e Mario erano molto conosciuti ed apprezzati per la loro professionalità e per la dedizione...

Incidente mortale sull'autostrada A2: otto mezzi coinvolti, due vittime

Tragico incidente poco fa sull'autostrada A2 direzione Sud all'altezza dello svincolo per Eboli (Sa). Per cause da verificare l'incidente ha visto coinvolti 8 mezzi tra cui un camion. Purtroppo si registrano 2 vittime (una coppia) e numerosi feriti anche gravi. Sul posto i Vigili del Fuoco, allertati...

Roccadaspide, sequestrati ingenti quantitativi di rifiuti speciali in un allevamento di suini

I Carabinieri del NOE di Napoli unitamente a personale della Stazione CC di Roccadaspide, collaborati da personale dell'ASL, servizio veterinario di Salerno, e dell' ARPA Campania, nel corso di un controllo finalizzato al rispetto della normativa ambientale stanno eseguendo un sopralluogo nei pressi...

Salerno, apprensione per la scomparsa del 21enne Kei Hixon

Kei Hixon, un ragazzo di 21 anni, alto circa 1,70 m, è scomparso il 13 luglio 2024 nella zona Litoranea di Salerno. Kei indossava una maglietta Nike e pantaloncini azzurri/blu al momento della scomparsa, ma non aveva con sé il telefono o i documenti. Kei parla solo inglese. Le autorità invitano chiunque...