Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 1 giorno fa S. Aureliano vescovo

Date rapide

Oggi: 16 giugno

Ieri: 15 giugno

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico Costiera Amalfitana

Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Vi. Pa. Alberghi Ravello, Hotel Giordano, Villa Maria, Villa EvaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: CronacaI portici di Cava: un patrimonio da tutelare

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Cronaca

I portici di Cava: un patrimonio da tutelare

Inserito da <b>Lello Pisapia</b> (admin), mercoledì 10 ottobre 2001 00:00:00

"Gli interventi finora realizzati sui portici servono ad eliminare gli effetti, ma non la causa remota del problema": una valutazione importante, espressa da chi ha approfonditamente studiato tutti gli aspetti del progressivo fenomeno di deterioramento che sta interessando da anni i portici di Cava de' Tirreni. L'esperto in questione è un ragazzo, sì, proprio un ragazzo di 27 anni: un elemento questo che potrebbe meravigliare o, comunque, creare sospetti sulla veridicità di tale affermazione. Ma lo stupore tende subito a scemare quando si apprende che Francesco Senatore (nella foto in alto), l'autore di questa valutazione, lavora con la Geo-Pro.Ge.T., ditta specializzata in geologia, in geotecnica e nella progettazione ingegneristica. E probabilmente lo scetticismo scompare del tutto se si considera che il "nostro" Francesco si è laureato in "Ingegneria civile (indirizzo geotecnico)" presso l'Università "La Sapienza" di Roma, con una tesi intitolata "I dissesti di natura geotecnica del centro storico di Cava de' Tirreni". Il suo lavoro è stato attentamente seguito dal prof. Calabresi, che si può ritenere uno dei più famosi esperti di geotecnica in Italia. Beh, a questo punto è probabile che al cospetto di tali credenziali si siano dissipate anche le perplessità dei più scettici.

Ma lasciamo al nostro interlocutore il compito di illustrarci l'evoluzione ed i risultati dei suoi suggestivi studi: "Il prof. Calabresi, particolarmente affascinato da questa problematica, ed io abbiamo deciso - spiega l'ing. Francesco Senatore - di prelevare, sino ad una profondità di 18 metri, alcuni campioni di terra sottostanti un pilastro che presentava notevoli problemi strutturali. Li abbiamo portati in laboratorio a Roma e li abbiamo attentamente studiati, cercando di simulare le cause che, a nostro parere, avevano potuto innescare i fenomeni deformativi osservati in sito, che in gergo tecnico possono essere denominati come "Fenomeni di punzonamento". In termini più semplici, sotto ogni pilastro del centro storico, con un'intensità maggiore nella zona compresa tra la Chiesa di S. Rocco e Via della Repubblica, in quanto trattasi dell'area con il maggior interasse tra i pilastri, si verifica un cedimento del terreno, che chiaramente diminuisce allontanandosi dall'asse dei pilastri stessi, creando un fenomeno di inarcamento della pavimentazione. Questo problema si è verificato soprattutto negli ultimi dieci anni e non può essere ricollegato al terremoto del 1980, almeno non in maniera diretta. La causa principale va rinvenuta altrove, più precisamente, a nostro parere, nell'acquedotto che, fungendo sia da rete fognaria che da rete di accumulo delle acque piovane, passa proprio sotto i pilastri del porticato. Si tratta di una struttura fatiscente, caratterizzata da notevoli perdite, come si è potuto constatare - ci rivela la nostra "guida" - durante l'esecuzione da parte della nostra Ditta (Geo-Pro.Ge.T) di alcuni lavori che hanno interessato il Borgo porticato".

Il discorso diventa davvero interessante: in che modo e perché tale situazione va direttamente ad agire sulla struttura dei portici è sempre Francesco a spiegarcelo. "In effetti, in laboratorio abbiamo attentamente studiato se l'abbassamento del suolo potesse essere determinato dal passaggio dei materiali di natura vulcanica sottostanti il porticato dallo stato di parziale saturazione a quello di saturazione completa. Abbiamo compiuto tutta una serie di test e di prove con metodi anche innovativi, valutando sia i parametri di resistenza che quelli di compressibilità dei campioni prelevati. Ebbene, abbiamo appurato che i materiali in esame subiscono un forte decremento delle loro caratteristiche di resistenza quando passano dalla condizione di quasi saturo a quella di saturo: ciò significa, con riferimento alla situazione dei portici, che il terreno, saturandosi progressivamente d'acqua, ha perso le sue caratteristiche di resistenza e compressibilità, finendo con il subire un "collasso strutturale". Questi risultati, in realtà, suggeriscono che l'unica soluzione per risolvere alla radice il problema consisterebbe nel rifare completamente la struttura degli acquedotti comunali centrali. Solo in questo modo si potrebbe eliminare la causa principale del fenomeno. Non discuto la validità intrinseca dei lavori sinora compiuti sui portici, anche perché essi consentono di rafforzare le fondazioni in modo tale da non determinare più cedimenti rilevanti. Ma si tratta di interventi isolati, sporadici, che determinano una perenne situazione di lavori in corso, senza considerare che essi vanno, comunque, ad intaccare e modificare una struttura che risale addirittura al 1500. Molto più logico, invece, sarebbe mettere in atto un intervento globale sia sull'acquedotto, fonte di tutti questi problemi, che sulle fondazioni; tra l'altro, quest'opera estesa e generalizzata su tutto il centro storico potrebbe rappresentare l'occasione adatta - suggerisce il nostro interlocutore - anche per rifare la pavimentazione".

Uno studio, quello compiuto dall'ing. Francesco Senatore, che sarebbe riduttivo definire soltanto interessante e che dovrebbe seriamente essere preso in considerazione da questa o, quanto meno, dalle future amministrazioni cittadine. Come non è stato fatto, invece, in un recente passato...: "Non posso certo dire - conferma il giovane dottore - di essere stato seguito in maniera ottimale. La prima sorpresa negativa si è verificata quando ho constatato di persona che il Comune non disponeva dei dati storici relativi a questo problema; in altri termini, non ci si è mai interessati di compiere rilevamenti statistici relativi a tali cedimenti. Alla mia richiesta in tal senso mi hanno solo fornito una serie di fascicoli inerenti ad atti di obbligo di interventi, ma di dati tecnici neanche l'ombra... Inoltre, in occasione dell'arrivo a Cava di alcuni insigni professori in materia, non c'è stato nessuno che si sia preoccupato di riceverli o accompagnarli nel corso della visita. Mi auguro che la nuova amministrazione si dimostri più sensibile nei confronti di questa problematica e di questo mio lavoro. Ho già ricevuto alcune offerte per la pubblicazione, ma chiaramente gradirei che fosse il Comune di Cava a farlo. In fondo, si tratta di un'opera che riguarda un aspetto molto importante della vita cittadina. Un problema che, pur non essendo destinato, in base ai miei studi, a giungere ad una situazione di collasso, sarebbe comunque giusto affrontare nel modo più celere ed opportuno possibile".

C'è poco da aggiungere alle parole di Francesco. Ci auguriamo soltanto che ci sia la precisa volontà di non incrementare ulteriormente una statistica, questa sì, a Cava particolarmente curata e copiosa: quella delle grandi occasioni sprecate!

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 101514104

Cronaca

Armi, droga a resistenza a pubblico ufficiale: un arresto a Pellezzano

Nella notte del 14 giugno, a Pellezzano (SA), i Carabinieri dell'Aliquota Radiomobile del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Mercato San Severino hanno arrestato un uomo, per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente, oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale...

Furto di profilati in alluminio a Sant'Egidio del Monte Albino: arrestati un 24enne ed un 20enne

Nel rispetto della presunzione di innocenza e fermo restando che eventuali giudizi di responsabilità potranno conseguire solamente a pronunciamenti irrevocabili, si rende noto che nella serata del 12 giugno, a Sant'Egidio del Monte Albino, i Carabinieri della Stazione di Angri hanno arrestato, in flagranza...

Furgone in fiamme a Montecorvino Pugliano: provvidenziale l'intervento dei vigili del fuoco

Incendio stamattina alle 9:00 in zona Bivio Pratole (Montecorvino Pugliano) nei pressi del cimitero militare inglese. Per cause da accertare, un furgone che trasportava materassi ha preso fuoco durante la marcia. Immediatamente allertati i Vigili del Fuoco che sono intervenuti da Salerno per estinguere...

Nocera Inferiore, maltrattamenti alla moglie: uomo ai domiciliari

Nel rispetto della presunzione di innocenza e fermo restando che eventuali giudizi di responsabilità potranno conseguire solamente a pronunciamenti irrevocabili, si rende noto che la Polizia di Stato in data 11 giugno 2024 ha eseguito la misura cautelare degli arresti domiciliari a carico di un soggetto...

Droga, armi, estorsioni e rapine: blitz anti-camorra nell'Agro nocerino sarnese, 23 arresti

In data odierna, personale della Squadra Mobile della Questura di Salerno e del Reparto Territoriale Carabinieri di Nocera Inferiore hanno eseguito un'ordinanza di applicazione di misure cautelari personali, emessa dal GIP del Tribunale di Salerno su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di...

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.