Ultimo aggiornamento 8 ore fa S. Cristina vergine

Date rapide

Oggi: 24 luglio

Ieri: 23 luglio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico Costiera Amalfitana

Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava de' Tirreni Il quotidiano di Cava de' Tirreni

Vi. Pa. Alberghi Ravello, Hotel Giordano, Villa Maria, Villa EvaCaseificio "La Tramontina" - Prima Cotta, la Mozzarella di Bufala Campana fuori dal coro. Caseificio dal 1952, tradizione, sapori, esperienza casearia, QualitàSmall Boutique Hotel in Costiera Amalfitana, Villa Romana Hotel & SPAConnectivia Fibra diretta e soluzioni tecnologiche avanzate per la tua azienda o la tua Maurizio Russo liquori e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' Tirreni. Elisir di Limone, il Limoncello di Maurizio Russo, è realizzato esclusivamente con limone IGP della Costa d'Amalfi Hotel Marina Riviera Amalfi - Luxury 4 Stars Holte in Amalfi - Swimming Pool - Bistrot - Gourmet

Tu sei qui: CronacaClan Bisogno, in aula il trio delle estorsioni

Maurizio Russo, liquorificio dal 1899 - Bu, le creme con latte di BufalaPasticceria Pansa ad Amalfi la dolcezza dal 1830Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Cronaca

Clan Bisogno, in aula il trio delle estorsioni

Inserito da Il Mattino (admin), martedì 6 novembre 2001 00:00:00

La prima verifica delle intercettazioni ambientali che accusano Vincenzo D'Elia, Pierangelo Pezzella e Guerino Lambiase, i tre presunti affiliati al clan Bisogno, è fissata per domani mattina. Il giudice Dilletto conferirà l'incarico ad un tecnico, che dovrà esaminare il materiale raccolto da Gerardo Pisapia, l'imprenditore/testimone antiracket, e decidere se inserirlo a titolo di prova nel fascicolo del processo. Si tratterebbe di dialoghi scottanti. Cassette registrate dal testimone chiave con puntuali stop sulle presunte intimidazioni e richieste. Pisapia, imprenditore impegnato nel ramo dei trasporti (aveva i suoi camion parcheggiati nel retro dello stadio comunale, di fronte alla curva sud), avrebbe consegnato agli inquirenti diverse registrazioni per provare il ricatto a cui era sottoposto: un pizzo quasi a cadenza quotidiana. Ma di modesta entità, dalle 50 alle 300mila lire, da versare durante incontri programmati. Fino al blitz del 17 novembre dello scorso anno. L'appuntamento era fissato per le 19. L'uomo, prima di raggiungere via Mazzini, luogo dell'incontro, avrebbe avvertito gli agenti della polizia locale. Ed una volta davanti alla tribuna dello stadio comunale Simonetta Lamberti (nella foto) avrebbe premuto il tasto del registratore. La zona era accerchiata dagli uomini della squadra anticrimine, che aspettarono il momento giusto per entrare in azione. I tre furono arrestati mentre afferravano le banconote. Per loro fu formulata l'accusa di estorsione con metodi camorristici. Di tutt'altro tenore la versione della difesa, che fin dalle prime ore dopo il fermo ha motivato la riscossione del denaro come il saldo di un credito, acceso in seguito all'acquisto di una cabina per camion. Diversa anche la posizione dei tre imputati: per Lambiase, l'unico a non avere pendenti per associazione camorristica, il giudice ha interrotto nei mesi scorsi la custodia cautelare in carcere. Per gli altri due, invece, l'accusa ha chiesto l'acquisizione della sentenza di condanna nel processo Bisogno più 44 per provare l'imputazione del 416 bis. Nel corso della prima udienza dibattimentale, tenutasi il 27 ottobre scorso, sia l'accusa, rappresentata in aula dal pm Filippo Spiezia, che la difesa (Marco e Maurizio Mastrogiovanni, legali di Lambiase, Giovanni Annunziata, difensore di Pezzella, e Rodolfo Viserta, avvocato di D'Elia) furono concordi nella scelta di affidare ad un esperto il compito di riascoltare e trascrivere il contenuto delle registrazioni. Sull'attendibilità dei dialoghi una parola definitiva dovrà dirla la consulenza tecnica, pronta non prima di 30 giorni.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank: 101717108

Cronaca

Contrasto al lavoro nero: scoperte irregolarità in cantiere edile di Amalfi

Un'importante operazione di controllo è stata condotta questa settimana dai Carabinieri dell'Aliquota Operativa del NORM di Amalfi e del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Salerno. L'obiettivo, intensificare la lotta contro il lavoro nero: un fenomeno purtroppo ancora diffuso che danneggia...

Incidente sull'A2: le vittime sono marito e moglie, gli avvocati Mario Valiante e Wilma Fezza

Sono gli avvocati Mario Valiante e Wilma Fezza, marito e moglie di Pellezzano, le vittime dell'incidente verificatosi questa mattina sull'autostrada A2 direzione Sud all'altezza dello svincolo per Eboli. Wilma e Mario erano molto conosciuti ed apprezzati per la loro professionalità e per la dedizione...

Incidente mortale sull'autostrada A2: otto mezzi coinvolti, due vittime

Tragico incidente poco fa sull'autostrada A2 direzione Sud all'altezza dello svincolo per Eboli (Sa). Per cause da verificare l'incidente ha visto coinvolti 8 mezzi tra cui un camion. Purtroppo si registrano 2 vittime (una coppia) e numerosi feriti anche gravi. Sul posto i Vigili del Fuoco, allertati...

Roccadaspide, sequestrati ingenti quantitativi di rifiuti speciali in un allevamento di suini

I Carabinieri del NOE di Napoli unitamente a personale della Stazione CC di Roccadaspide, collaborati da personale dell'ASL, servizio veterinario di Salerno, e dell' ARPA Campania, nel corso di un controllo finalizzato al rispetto della normativa ambientale stanno eseguendo un sopralluogo nei pressi...

Salerno, apprensione per la scomparsa del 21enne Kei Hixon

Kei Hixon, un ragazzo di 21 anni, alto circa 1,70 m, è scomparso il 13 luglio 2024 nella zona Litoranea di Salerno. Kei indossava una maglietta Nike e pantaloncini azzurri/blu al momento della scomparsa, ma non aveva con sé il telefono o i documenti. Kei parla solo inglese. Le autorità invitano chiunque...