Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Abbiamo a cuore la tua privacy

Come indicato nella cookie policy, noi e alcuni partner selezionati facciamo uso di tecnologie, quali i cookie, per raccogliere ed elaborare dati personali dai dispositivi (ad esempio l'indirizzo IP, tracciamenti precisi dei dispositivi e della posizione geografica), al fine di garantire le funzionalità tecniche, mostrarti pubblicità personalizzata, misurarne la performance, analizzare le nostre audience e migliorare i nostri prodotti e servizi. Con il tuo consenso potremo fare uso di tali tecnologie per le finalità indicate. Puoi liberamente conferire, rifiutare o revocare il consenso a tutti o alcuni dei trattamenti facendo click sul pulsante "Preferenze". Puoi acconsentire all'uso delle tecnologie sopra menzionate facendo click su "Accetta" o rifiutarne l'uso facendo click su "Rifiuta".

RifiutaPersonalizzaAccetta

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il rispetto della tua riservatezza è la nostra priorità

Noi e i nostri fornitori archiviamo informazioni su un dispositivo (e/o vi accediamo), quali cookie e trattiamo i dati personali, quali gli identificativi unici e informazioni generali inviate da un dispositivo per le finalità descritte sotto. Puoi fare clic per consentire a noi e ai nostri fornitori di trattarli per queste finalità. In alternativa puoi fare clic per negare il consenso o accedere a informazioni più dettagliate e modificare le tue preferenze prima di acconsentire. Le tue preferenze si applicheranno solo a questo sito web. Si rende noto che alcuni trattamenti dei dati personali possono non richiedere il tuo consenso, ma hai il diritto di opporti a tale trattamento. Puoi modificare le tue preferenze in qualsiasi momento ritornando su questo sito o consultando la nostra informativa sulla riservatezza.

Cookie strettamente necessari Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito e non possono essere disattivati ​​nei nostri sistemi. Di solito vengono impostati solo in risposta alle azioni da te effettuate che costituiscono una richiesta di servizi, come l'impostazione delle preferenze di privacy, l'accesso o la compilazione di moduli. È possibile impostare il browser per bloccare o avere avvisi riguardo questi cookie, ma di conseguenza alcune parti del sito non funzioneranno. Questi cookie non archiviano informazioni personali.

Cookie per pubblicità mirata Questi cookie possono essere impostati tramite il nostro sito dai nostri partner pubblicitari. Possono essere utilizzati da queste aziende per costruire un profilo dei tuoi interessi e mostrarti annunci pertinenti su altri siti. Non memorizzano direttamente informazioni personali, ma sono basati unicamente sull'individuazione del tuo browser e del tuo dispositivo internet. Se non si accettano questi cookie, riceverai una pubblicità meno mirata.

Rifiuta tuttoAccetta tuttoAccetta selezionati

Ultimo aggiornamento 32 minuti fa S. Massimo martire

Date rapide

Oggi: 28 settembre

Ieri: 27 settembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Maurizio Russo liquorificio e prodotti di eccellenza dal 1899 a Cava de' TirreniAcquista on line i capolavori di dolcezza del Maestro Sal De RisoHotel Santa Caterina, Albergo 5 Stelle lusso ad Amalfi. Ristorante Il Glicine, stella Michelin ad AmalfiEgea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: ChiesaIniziazione alla vita monastica, a Cava de' Tirreni le emozioni di don Vincenzo di Marino e fratel Vincenzo Senatore

Cardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Chiesa

Cava de' Tirreni, vita monastica, chiesa, religione, fede

Iniziazione alla vita monastica, a Cava de' Tirreni le emozioni di don Vincenzo di Marino e fratel Vincenzo Senatore

Presi per mano e condotti in questo “nuovo inizio” dal Priore Dom Eugenio Gargiulo che insieme alla sua straordinaria forza sa infondere umana emozione.

Scritto da (Redazione Costa d'Amalfi), giovedì 22 settembre 2022 09:41:16

Ultimo aggiornamento giovedì 22 settembre 2022 09:41:16

Una giornata speciale quella che domenica ha visto, presso la Parrocchia SS. Salvatore Passiano, a Cava de' Tirreni, don Vincenzo di Marino e fratel Vincenzo Senatore protagonisti del rito di iniziazione alla vita monastica. Presi per mano e condotti in questo "nuovo inizio" dal Priore Dom Eugenio Gargiulo che insieme alla sua straordinaria forza sa infondere umana emozione.

Proprio lui che quando era monaco alla Badia di Cava ha visto crescere il piccolo don Vincenzo e che oggi, dopo oltre quarant'anni, lo accompagna in un percorso ancora più intimo e profondo. In una spiritualità che ha le sue regole, i suoi doveri ma anche la gioia di essere parte di un insieme fatto di amore e fratellanza.

Dopo il rito, i momenti di cosciente silenzio e gli abbracci fraterni, don Vincenzo di Marino e fratel Vincenzo Senatore hanno raccontato un po' di sé e di ciò che rappresenta la loro iniziazione alla vita monastica.

"È difficile spiegare questo momento perché le emozioni si stratificano - spiega don Vincenzo - . Da una parte penso ‘Finalmente!' perché non vedevo l'ora; dall'altra mi rendo conto che è solo il principio di un cammino assolutamente nuovo. Conoscere attraverso i libri e gli esercizi spirituali è cosa ben diversa dal viverci dentro. Quindi oggi mi sento veramente discepolo e sono pronto a disimparare. Bisogna infatti saper anche togliere molto di quello che si è sedimentato come idea e che invece nella pratica è tutt'altro.

Siamo quasi giuridicamente parte della comunità ma non ancora in maniera definitiva. Alla fine dell'anno - o forse di più - deciderà la comunità. Noi, parlo anche per il più giovane fratel Vincenzo, ce la metteremo tutta! Non è facile soprattutto alla mia età, a 56 anni. E ritorno ai miei 13 anni, al momento in cui ho sentito di voler fare questo cammino e di entrare in monastero. Ma ero troppo piccolo. Già all'età di dieci anni, con la Prima comunione, mi sentivo attratto da momenti vissuti nello spirito di Cristo, come ad esempio un seminario estivo con l'Arcidiocesi di Salerno che fu una vacanza estiva con finalità vocazionali. Anche a scuola, durante la quinta elementare, provai gioia infinita nel conoscere un missionario che venne in classe per parlare della sua missione in Mozambico.

Poi di lì a poco mi consigliarono di andare alla Badia di Cava, luogo di grande prestigio, dove conobbi il Padre Priore Dom Eugenio Gargiulo che all'epoca era Maestro dei novizi. Poi don Gargiulo fu nominato parroco e, dopo un periodo di noviziato con don Rudsindo Coppola, con il sopraggiungere di problemi alla salute, dovetti lasciare ma l'imprinting di quei quasi tre anni li porto ancora con me!

Negli anni a seguire ho avuto la fortuna di studiare dai Gesuiti che continuamente infondevano l'ideale della vita comune con l'auspicio che un domani, anche da sacerdoti, potessimo vivere insieme nelle parrocchie. Ma è una cosa molto difficile! Infine sono diventato parroco a Passiano di Cava de' Tirreni, mentre lavoravo - l'ho fatto per 30 anni - per la vita monastica attraverso una continua pratica di discernimento con la Badia di Cava, soprattutto in questi ultimi quattro anni. Ma il monastero era troppo vicino alla mia casa e quindi si pose il quesito sul dove andare.

Chiamai subito il mio primo Padre spirituale, Dom Gargiulo, che mi invitò a venire a Farfa, luogo che raggiunsi per chiedere di essere umilmente illuminato e nel quale mi trovo da quasi un anno! Ma è solo l'inizio! L'amore per la vita monastica c'è sempre stato e come parroco ho cercato di trasfonderlo in quelli che stavano con me perché è uno dei patrimoni della chiesa. Forse la salvezza della chiesa e del mondo stesso è venuta dalla vita monastica che ha un incidenza formidabile anche sull'umanità".

Lo spirito e l'opera di don Vincenzo diventa tangibile con la presenza a Farfa del giovane Vincenzo Senatore che con lui è cresciuto mentre, chiamato da Dio, maturava la decisione di vivere nello spirito di comunione scandito dalla Regola del padre fondatore del monachesimo San Benedetto da Norcia.

"Sono arrivato a Farfa il 27 giugno 2022 - racconta fratel Vincenzo -. Già c'ero stato per diversi periodi fino a quando sono tornato per restare nel luogo che fin da principio mi aveva affascinato. Ho 22 anni e posso dire che la mia vita è sempre stata scandita dalla preghiera e da regole riconducibili a una vita monastica. Il primo monastero, infatti, l'ho vissuto in famiglia che mi ha sempre sostenuto nelle scelte fatte. Qui è iniziato tutto e qui è avvenuto il mio primo discernimento.

Nel focolare domestico dove ogni domenica ma anche ogni giorno, specialmente in particolari momenti dell'anno, si viveva con la preghiera, il lavoro e lo studio che sto continuando come studente del Corso di Lettere Moderne. Poi ho vissuto la mia vocazione nell'ambito parrocchiale a Cava de' Tirreni dove mi sono messo subito al servizio degli altri e della comunità della Chiesa.

Mi sentivo chiamato a questo ed ho cercato di trascinare con me tanti giovani facendoli partecipare alla celebrazione eucaristica, aiutandoli nel catechismo ma anche attraverso la corale di cui sono sempre stato parte attiva. La Parrocchia era un luogo familiare dove ci sentivamo accolti anche dal parroco che era don Vincenzo, divenuto presto il mio Padre spirituale. Grazie a lui mi sono avvicinato alla vita monastica, allo spirito benedettino e alla sua Regola.

L'Abbazia di Farfa mi venne proposta da don Vincenzo e, dopo una giusta e meditata valutazione che ha tenuto conto anche di altre realtà monastiche, ho fatto questo viaggio. Oggi posso testimoniare che l'amore per il luogo, le persone, la comunità e la nostra guida Dom Eugenio Gargiulo mi suggerisce di rimanere e proseguire il cammino qui.

E concludo dicendo che ho avuto la grazia e la fortuna di vivere questa esperienza con chi mi ha sempre consigliato e guidato! Si dice che la prima buona parola è la testimonianza, ecco la testimonianza del mio padre spirituale, don Vincenzo, che vive in prima persona queste cose ed è per me ancor più edificante".

La Comunità benedettina è il cuore dell'Abbazia e sotto la guida del Padre Priore Gargiulo cammina in silenzio per trovare e dare pace. Lo fa in uno spazio intimo e privato. Lo fa accogliendo gli altri nel nome di una comunione fatta di ascolto e profonda comprensione.

Foto: Roberta Duranti

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Chiesa

Cava de' Tirreni: 29 settembre la festa di San Michele Arcangelo, patrono della Polizia di Stato

Il 29 settembre la Polizia di Stato celebra su tutto il territorio nazionale il suo Santo Patrono, San Michele Arcangelo. In questo ambito provinciale la festa sarà officiata presso la Chiesa di San Michele Arcangelo di Cava de'Tirreni, Via Generale Luigi Parisi 151, alle ore 10.30, con una Messa solenne....

Cava de' Tirreni, le chiavi della città a Padre Pio

In occasione della venuta della reliquia dell'abito di Padre Pio, accolte nella parrocchia di Sant Alfonso da padre Giacchino Lanzillo ed esposte alla venerazione dei fedeli dal 16 al 20 settembre, il Sindaco Vincenzo Servalli ha consegnato a Padre Pio le chiavi della città di Cava de' Tirreni, alla...

L'Arcivescovo Orazio Soricelli invia il suo messaggio agli studenti, ai genitori e agli insegnanti

Lettera dell'Arcivescovo Monsignor Orazio Soricelli "Settembre è il mese in cui un po' tutte le attività riacquistano nuovamente forza e vigore dopo la parentesi estiva: anche la scuola riprende con i suoi ritmi. Iniziano i giorni della campanella, dei banchi, dei libri, dei compiti; le giornate verranno...

Festa dell'Assunta a Erchie: il borgo in festa con i portatori di San Pietro e i Pistonieri di Santa Maria del Rovo

di Massimiliano D'Uva "Quando non si appartiene a nessun luogo, o vi si appartiene troppo, in realtà si appartiene ad ogni luogo." è la teoria del poeta canadese Alden Albert Nowlan che trova la sua applicazione concreta nella comunità del piccolo borgo di Erchie. Sarà il richiamo delle mie radici (mia...

Cava de' Tirreni, CSI torna a collaborare con le comunità parrocchiali per le feste patronali

Il CSI Comitato Territoriale di Cava de' Tirreni, facendo seguito alle richieste di varie comunità parrocchiali, ritorna a collaborare con le stesse in occasione delle feste patronali. Si inizia a Dupino in occasione della festa di S. Anna con l'allestimento di un piccolo spazio-gioco dove i ragazzi...

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Abbiamo notato che stai usando uno strumento che blocca gli annunci pubblicitari.

La pubblicità ci permette di offrirti ogni giorno un servizio di qualità.

Per supportarci disattiva l'AdBlock che stai utilizzando.