Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 12 ore fa S. Bernardetta Soubirous

Date rapide

Oggi: 18 febbraio

Ieri: 17 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieSettimia Spizzichino, vincitrice della storia

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoCentro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiMTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - ItaliaIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Storia e Storie

Settimia Spizzichino, vincitrice della storia

Scritto da (Redazione), martedì 16 ottobre 2018 12:04:33

Ultimo aggiornamento martedì 16 ottobre 2018 12:04:33

di Patrizia Reso*

16 ottobre 1943. Settantacinque anni fa, all'alba di quel 16 ottobre, il quartiere ebraico di Roma, Portico d'Ottavia, fu invaso e rastrellato dalle truppe naziste e fasciste.

Noi Cavesi abbiamo avuto l'onore di conoscere l'unica donna sopravvissuta su 1259 persone deportate, di cui oltre 600 erano donne e più di 200 bambini, Settimia Spizzichino, divenuta nostra concittadina con l'onorificenza conferitagli dall'allora Amministrazione Fiorillo. Da quel rastrellamento tornarono solo in sedici.

Da alcuni anni si sta imponendo, con l'arroganza dell'ignoranza, un processo negazionistico dello sterminio delle minoranze etniche e religiose e politiche, pianificate scientificamente e giustificate da provvedimenti legislativi, avvenute durante quegli anni bui ancora molto vicini a noi. "La storia la scrivono i vinti!", sostengono i negazionisti con enfasi sprezzante, quasi ad affermare, già solo con queste parole, che quanto è stato trasmesso fino ad oggi, sono solo panzane e falsità.

Settimia non è una vincitrice della storia. Settimia ha subito la storia sulla sua pelle. Portava le cicatrici sul suo corpo delle violenze, della crudeltà, del senso di dominio e di superiorità di quei governanti che oggi, i negazionisti, vogliono riabilitare.

Settimia aveva il corpo pieno di cicatrici per quegli pseudo esperimenti "scientifici" che il famigerato Mengele praticava adoperando gli internati come cavie.

Qualche negazionista sarebbe capace di controbattere che quelle ferite se l'era inferte da sola ... Un po' come fanno alcuni giovani oggi che, per noia, per frustrazione, si tagliuzzano dando origine a quel fenomeno detto cutting, che altro non è che una forma di autolesionismo praticato da persone disagiate.

Settimia non era una persona priva di equilibrio. Settimia era una giovane donna che aveva rispetto del suo corpo e dei suoi cari.

Settimia è sopravvissuta alla crudeltà umana, fatta legge, perché è stata creduta morta e accantonata in una montagna di cadaveri.

Secondo i negazionisti, Settimia avrebbe potuto essersi inventata tutto e essere andata alla ricerca di notorietà.

Chi l'ha conosciuta sa di essersi trovato di fronte a una persona semplice, simpatica, riservata, timorosa, dalla piacevole parlata romanesca, professante un'altra religione diversa da quella cattolica. Settimia non avrebbe mai voluto parlare. Non voleva ricordare! Sono state le amiche Angela (Benincasa) e Anna (Faiella) ad insistere perché la sua vita trascorsa si trasformasse in una pagina di storia.

Settimia soffriva ogni volta che rievocava con gli studenti quei terribili giorni.

Settimia oggi non c'è più, come non ci sono più moltissime persone che hanno vissuto in quel periodo, però ci sono i documenti, ci sono gli atti parlamentari, ci sono diari, ci sono le persone che la/le hanno conosciuta/e che continueranno ad essere la loro voce.

*Presidente Anpi Cava

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Salerno: quarant'anni fa la tragedia dello “Stabia Primo”, nella bara sommersa anche due marinai della Costiera Amalfitana

Sono trascorsi esattamente quarant'anni dalla tragedia dello "Stabia Primo", la nave da carico affondata all'imboccatura del porto commerciale di Salerno il 4 gennaio 1979 con a bordo il suo equipaggio di tredici uomini. Tra questi due giovani della Costiera Amalfitana: Enrico Guadagno di Amalfi e Maurizio...

11 settembre, diciassette anni fa l'attentato alle Torri Gemelle

Sono passati diciassette anni dal tragico evento terroristico che sconvolse il mondo e colpì al cuore l'America. Era l'11 settembre 2001: quattro aerei di linea vennero dirottati e lanciati, da un gruppo di terroristi - in maggioranza sauditi -, contro le Twin Towers (le Torri Gemelli), simbolo della...

Donne che non si conoscono: Rose Montmasson

Di Patrizia Reso L'11 maggio del 1860 ci fu un evento che ha riempito, poi, pagine e pagine di storia, la storia dell'Unità d'Italia. Oggi, infatti, è l'anniversario del famoso Sbarco dei Mille, che in effetti erano un po' di più. Salirono a bordo delle due navi, che salparono da Quarto, 1162 uomini...

Cava de’ Tirreni: l’alzata del panno, tra storia e tradizione [FOTO]

Era l'anno del Signore 1656, quando la città di Cava de' Tirreni - allora denominata la Cava - fu devastata da una cruenta pestilenza. Seimilatrecento furono in tutto i decessi per il contagio. Il parroco della frazione Annunziata, don Angelo Franco, nell'ottava del Corpus Domini, organizzò con i fedeli,...

L'arte muraria a Cava de’ Tirreni: origini e sviluppo

Non tutti sanno che, tra il '400 e il '600, Cava de' Tirreni conquistò grande fama nell'arte muraria. Già nella metà del quattrocento, nella sua opera "Il Novellino", lo scrittore Tommaso Guardati, detto Masuccio Salernitano o Masuccio da Salerno, riferisce che la città metelliana «fu sempre abbondantemente...