Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 6 ore fa Maria SS. della neve

Date rapide

Oggi: 5 agosto

Ieri: 4 agosto

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera AmalfitanaLa più antica pasticceria della Costiera Amalfitana, scoprite il nuovo sito web on line e la possibilità di acquistare comodamente da casa vostra le specialità della Costa d'AmalfiContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieIl rito del Giuramento Militare

Ravello Festival 2020 - Musica e spettacolo Costiera AmalfitanaSalerno e la sua Provincia, Turismo, Territorio, Tradizioni #adv #salernoemozionivicine #CCIAASA2020Cardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana

Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera Amalfitana

Storia e Storie

Il rito del Giuramento Militare

Scritto da (Redazione), domenica 2 giugno 2019 10:44:42

Ultimo aggiornamento domenica 2 giugno 2019 10:44:42

di Patrizia Reso

Oggi, 2 Giugno, Festa della Repubblica e delle Forze Armate, nate per difendere lo Stato e il popolo, non certo per offendere. In omaggio a chi ha scelto la carriera militare, una breve ricerca sul Giuramento Militare. Per me è stata un invito alla riflessione.

Sono molti i temi che difficilmente si trattano nei giornali, pur rientrando nella nostra realtà, anche se non direttamente, ma per cultura generale, utili per un pensiero avulso da condizionamenti o falsi condizionamenti. Uno di questi è il giuramento militare.

Molti di noi hanno avuto o hanno familiari, parenti, amici che indossano la divisa. Forse ci è capitato pure di assistere ad un giuramento militare, però non abbiamo dato peso alle parole pronunciate, perché presi emotivamente.
Il giuramento è un momento molto importante per chi si appresta ad indossare la divisa, è una promessa solenne, ci si assume un impegno e una responsabilità a vita. Di fatto si diventa veramente militari solo dopo il giuramento. In genere esiste una formula di base, che poi può variare nell'ultima parte da arma a arma, con un'aggiunta specifica.

La formula di rito è:
"Giuro di essere fedele alla Repubblica Italiana, di osservarne la Costituzione e le leggi e di adempiere con disciplina e onore a tutti i doveri del mio stato per la difesa della Patria e la salvaguardia delle libere istituzioni". (art.2 L. 382/78)
La formula ha uno spessore notevole, nei confronti dello Stato e del Popolo, nel rispetto della Carta Costituzionale, onorando Costituzione, Stato e Popolo.

Ovviamente il giuramento militare non è stato sempre lo stesso nel corso dei secoli. Per non tediare eccessivamente mi soffermerò solo sull'ultimo secolo, quello più vicino a noi, che ha dato origine a tante dolorose vicende.
Dopo l'Unità di Italia, la formula di rito era: "Giuro di essere fedele al Re ed ai suoi Reali successori, di osservare lealmente lo Statuto e le altre Leggi dello Stato, e di adempiere a tutti i doveri del mio stato al solo scopo del bene inseparabile del Re e della Patria" (col. Antonino Zarcone).

Avendo l'Italia una configurazione monarchica, il giuramento di fedeltà era rivolto in primis al re e ai suoi successori, ma anche alle leggi in vigore (Statuto Albertino) e per onorare la divisa il sacro impegno di adempiere al proprio compito con un solo fine , il bene inseparabile del Re e della Patria, quindi tutto il proprio impegno non solo per il bene del Re ma anche, e contestualmente, della Patria, concetto che implica non solo il territorio fisico di appartenenza, ma anche storia tradizione cultura del popolo a cui ogni singolo uomo appartiene, insomma la comunità. Il Re dunque resta comandante di tutte le forze armate, di terra e di mare e "l'esercito è istituito per difendere sino all'estremo l'onore e l'indipendenza della Patria, facendo la guerra ovunque venga dal Re ordinato" . ( Regolamento disciplina militare del Regio Esercito, art. 5, col. Antonino Zarcone).

Sappiamo tutti che con l'avvento del fascismo il Regno vide vacillare il proprio potere e una serie di compromessi ne assicurarono la continuità.

Sappiamo pure che durante il fascismo si formò la Milizia Fascista, che era cosa ben diversa dalle Forze Armate del Regno, tant'è che la formula di rito per il giuramento di chi si apprestava ad indossare la divisa della Milizia, che era considerata "la Guardia Armata della Rivoluzione Fascista" e derivava dalle disciolte Squadre d'azione, che si formarono insieme ai Fasci di combattimento nel 1919, era diversa e esprimeva fedeltà al Duce e al Fascismo: " Nel nome di Dio e dell'Italia giuro di eseguire gli ordini del Duce e di servire con tutte le mie forze e, se necessario, col mio sangue la causa della Rivoluzione Fascista" (da"Il primo libro del fascista").
E' evidente che i militi arruolati nelle Forze Armate del Regno si assumevano un impegno ben diverso da quello di chi si arruolava nella Milizia Fascista. C'è da aggiungere che in caso di guerra gli arruolati della Milizia venivano inglobati all'interno dell'Esercito Italiano (così denominato dal 1861). Comunque "il regime non riesce ad attuare il tentativo di fascistizzazione(operato in ogni settore- n.d.a.) delle Forze Armate, da sempre difensori della propria apoliticità" (col. Antonino Zarcone).

Infine quando si formò la Repubblica di Salò, le sue Forze Armate erano date dalle SS Italiane, che pronunciavano ancora un altro giuramento: "Davanti a Dio presto questo sacro giuramento, che nella lotta per la mia patria italiana contro i suoi nemici sarò in maniera assoluta obbediente a Adolf Hitler, supremo comandante dell'esercito tedesco e quale soldato valoroso sarò pronto in ogni momento a dare la mia vita per questo giuramento" (Le SS italiane. Primo de Lazzari).
Una riflessione, anche secondo un'ottica puramente grammaticale e concettuale, sulle formule di rito del giuramento potrebbe darci una diversa inquadratura delle vicende di quel periodo e forse anche più serenità agli animi.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

41 anni fa la morte di Luca Barba, leggendario promotore della storia di Cava de'Tirreni

L'8 giugno 1979 è una data triste per Cava de' Tirreni. Quel giorno di tanti anni fa, infatti, Luca Barba, uno dei tanti emeriti figli della città metelliana, perse la vita in un incidente stradale mentre, a bordo della sua Opel, percorreva la superstrada Brienza-Polla. La notizia gettò nello sconforto...

Cava de' Tirreni, 31 anni fa il concerto dei "Cure" allo stadio "Simonetta Lamberti" [VIDEO]

Il 3 giugno 1989, 31 anni fa, i Cure si esibivano in concerto allo stadio comunale "Simonetta Lamberti" di Cava de' Tirreni. La band di Robert Smith, all'epoca, era all'apice della popolarità: gruppo di punta del movimento dark, abiti neri attillati e occhi bistrati, sonorità taglienti e malinconiche....

Cava de' Tirreni, la festa della mamma nel ricordo di Mamma Lucia

di Angela Vitaliano Un silenzio innaturale ha accolto il nostro risveglio, il 10 maggio 2020. La Festa della mamma quest'anno ha un sapore antico, che la vita frenetica che avevamo, aveva ormai cancellato dalle nostre abitudini. Quest'anno è bastato uno sguardo, un fiore, un dolce magari fatto in casa,...

Franco Troiano: oggi l'anniversario della morte di un pezzo di storia cavese

Oggi, ricorre il 21° anniversario della morte di Franco Troiano, indimenticabile fondatore di Anni 60 Produzioni. Il suo periodo storico ha portato a conoscere Cava de' Tirreni nel mondo. Troiano è riuscito a cavallo tra gli anni ottanta e novanta a trasformare Cava in una capitale della musica dal vivo....

Strega annegata al Castello di Cava de' Tirreni: l'origine dietro alla leggenda

Il gruppo Cava storie, che ha lo scopo di far conoscere a grandi e piccini le bellezze di Cava de' Tirreni e dintorni, specie quelle di cui poco si parla, ha voluto raccontare una curiosa leggenda riguardante una strega annegata nel castello della città metelliana. Domenico Apicella, nella sua pubblicazione...