Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 12 ore fa S. Bernardetta Soubirous

Date rapide

Oggi: 18 febbraio

Ieri: 17 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniStoria e StorieGiuramento di fedeltà alla Costituzione

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoCentro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiMTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - ItaliaIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Storia e Storie

Giuramento di fedeltà alla Costituzione

Scritto da (Redazione), domenica 29 aprile 2018 15:32:25

Ultimo aggiornamento domenica 29 aprile 2018 15:38:47

di Patrizia Reso*

Il 25 Aprile è passato, ma restano i pregiudizi e molto amaro in bocca.

Fa male leggere di comuni, enti comunali, che si sono rifiutati di organizzare la Giornata della Liberazione insieme all'ANPI. Come fa male leggere del 25 Aprile come di una festa trita e ritrita, con un cerimoniale da farsa e da passerella. Fa male leggere e sentire commenti sullo sventolio nostalgico di drappi rossi. Come fa male sapere che da festa di tutti è considerata, da molti, festa di parte.

Questa Giornata è nata con la logica e con lo spirito di unire tutti. Inutile ridicolizzare chi ci crede ancora in questi valori o colpevolizzarli di farne una festa di parte. Non è colpa loro se la sentono anche propria, mentre altri non vi si riconoscono. Piuttosto tutto ciò dovrebbe invitare ad una riflessione, anzi a più di una riflessione. Perché non vi si riconoscono? Perché non dovrebbero partecipare i filo palestinesi? Perché alcuni temi in Italia sono ancora tabù?

E' assurdo che a distanza di 70 anni gli antifascisti debbano ancora giustificare la loro scelta, come se essere antifascisti in Italia equivalesse a indicare persone esaltate e fanatiche. Nulla di tutto questo! Se solo si imparassero a conoscere le persone prima di giudicarle, forse ci si renderebbe conto che sono persone come altre. Con pregi e difetti, come tutti.

L'antifascismo dovrebbe far parte del nostro corredo cromosomico, proprio perché Repubblica e Costituzione si sono avute solo dopo, DOPO, più di 20 anni di terribile repressione di idee e di persone. Le angherie hanno avuto origine prima del '22, hanno avuto origine con la formazione delle milizie. Si sono realizzate nell'indifferenza, ed anche opportunismo, di chi era deputato a vigilare. Si sono realizzate e sono state denunciate, ma sono rimaste inascoltate (un nome per tutti: Giacomo Matteotti). L'antifascismo dovrebbe essere un sentimento naturale.

Tutti i nostri amministratori dovrebbero, prima di iniziare qualsiasi mandato, giurare fedeltà, davanti al popolo, al rispetto della Costituzione. Sarebbero esempio, per il popolo, di impegno e di fratellanza. Purtroppo a questo rito si attengono pochi rappresentanti istituzionali: il Presidente della Repubblica, il Primo Ministro, i Ministri e i Giudici della Corte Costituzionale.

I Deputati non giurano più da tempo. Da prima della formazione dello stato democratico e repubblicano. Inizialmente perché aggirarono la legge che ne prevedeva l'impegno, successivamente per abitudine, sino a giungere all'Assemblea Costituente, che, fiduciosa degli animi e degli spiriti di chi, allora, si approcciava alla gestione della cosa pubblica, legiferò l'obbligo del giuramento alla Costituzione solo per Presidente e Ministri.

Non riesco a immaginare che effetto sortirebbe, oggi, una legge che prevedesse questo impegno, formale e morale.

Forse non avremmo assistito nel tempo a personaggi , sedicenti politici, che hanno dato fuoco al tricolore o che si esprimessero in modo ingiurioso relativamente all'Italia, rimasti impuniti, lasciando passare che tutto è lecito. Normale che da questo clima ad arrivare alla totale mancanza di senso civico o di amore per la Costituzione, non ci vuole nulla! Forse non saremmo arrivati a richieste protocollate di gruppi, associazioni, collettivi per ottenere quella che doveva essere l'ovvietà delle cose, come revocare la cittadinanza onoraria al duce, conferita illo tempore, per e soltanto servo encomio, da quasi tutti i comuni italiani. Forse avremmo evitato pure la raccolta di firme, tramite una piattaforma online, per non far vendere feticci mussoliniani. Forse non ci sarebbe stato bisogno neppure di un 25 Aprile.

Non sono gli antifascisti le persone di cui non fidarsi. Saranno anche noiosi con i loro "rituali", ma siamo certi che rispettano i principi fondanti della nostra Carta Costituzionale e non credo debbano più giustificarsi.

*Presidente ANPI Cava de' Tirreni

Galleria Fotografica

rank:

Storia e Storie

Salerno: quarant'anni fa la tragedia dello “Stabia Primo”, nella bara sommersa anche due marinai della Costiera Amalfitana

Sono trascorsi esattamente quarant'anni dalla tragedia dello "Stabia Primo", la nave da carico affondata all'imboccatura del porto commerciale di Salerno il 4 gennaio 1979 con a bordo il suo equipaggio di tredici uomini. Tra questi due giovani della Costiera Amalfitana: Enrico Guadagno di Amalfi e Maurizio...

Settimia Spizzichino, vincitrice della storia

di Patrizia Reso* 16 ottobre 1943. Settantacinque anni fa, all'alba di quel 16 ottobre, il quartiere ebraico di Roma, Portico d'Ottavia, fu invaso e rastrellato dalle truppe naziste e fasciste. Noi Cavesi abbiamo avuto l'onore di conoscere l'unica donna sopravvissuta su 1259 persone deportate, di cui...

11 settembre, diciassette anni fa l'attentato alle Torri Gemelle

Sono passati diciassette anni dal tragico evento terroristico che sconvolse il mondo e colpì al cuore l'America. Era l'11 settembre 2001: quattro aerei di linea vennero dirottati e lanciati, da un gruppo di terroristi - in maggioranza sauditi -, contro le Twin Towers (le Torri Gemelli), simbolo della...

Donne che non si conoscono: Rose Montmasson

Di Patrizia Reso L'11 maggio del 1860 ci fu un evento che ha riempito, poi, pagine e pagine di storia, la storia dell'Unità d'Italia. Oggi, infatti, è l'anniversario del famoso Sbarco dei Mille, che in effetti erano un po' di più. Salirono a bordo delle due navi, che salparono da Quarto, 1162 uomini...

Cava de’ Tirreni: l’alzata del panno, tra storia e tradizione [FOTO]

Era l'anno del Signore 1656, quando la città di Cava de' Tirreni - allora denominata la Cava - fu devastata da una cruenta pestilenza. Seimilatrecento furono in tutto i decessi per il contagio. Il parroco della frazione Annunziata, don Angelo Franco, nell'ottava del Corpus Domini, organizzò con i fedeli,...