Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Marco vescovo

Date rapide

Oggi: 22 ottobre

Ieri: 21 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniSalerno e ProvinciaSalerno: arrestato per corruzione Direttore Agenzia delle Entrate

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoCentro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Salerno e Provincia

Salerno: arrestato per corruzione Direttore Agenzia delle Entrate

Scritto da (Redazione), venerdì 15 febbraio 2019 17:32:07

Ultimo aggiornamento venerdì 15 febbraio 2019 17:32:24

Il direttore provinciale dell'Agenzia delle entrate di Salerno, Emilio Vastarella, è stato arrestato nell'ambito di un'indagine per corruzione condotta da Guardia di Finanza e Carabinieri di Salerno e coordinata dalla Dda.

Oltre a Vastarella - al quale sono stati concessi i domiciliari - sono coinvolti e destinatari di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere un noto imprenditore del settore caseario Gianluca La Marca ed un ex collaboratore di giustizia già affiliato alla camorra, il pluripregiudicato Giovanni Maiale.

Al centro delle indagini le ipotesi di reato di corruzione e istigazione aggravata alla corruzione, detenzione e porto illegale di armi da sparo clandestine, ricettazione e turbata libertà degli incanti aggravata dal metodo mafioso. L'operazione, illustrata stamattina, nella sede della Procura della Repubblica di Salerno, è stata condotta dalla Guardia di Finanza e dai Carabinieri di Salerno.

IL COMUNICATO UFFICIALE DELLA PROCURA. Nella serata di ieri, militari della Guardia di Finanza e dell'Arma dei Carabinieri di Salerno, su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia di Salerno, hanno eseguito un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Salerno, nei confronti dell'imprenditore Gianluca La Marca, amministratore di fatto del noto Caseificio Tre Stelle di Eboli, e del pregiudicato Giovanni Maiale, capo dell'omonimo clan camorristico operante nella Piana del Sele, almeno sino al momento in cui, nel 1994, decise di collaborare con la giustizia successivamente alla condanna in primo grado per il reato associativo ed il concorso in diverse estorsioni.

Con la medesima ordinanza cautelare è stata disposta la misura degli arresti domiciliari nei confronti di Emilio Vastarella, direttore provinciale dell'Agenzia delle Entrate di Salerno, al quale viene contestato il delitto di corruzione in concorso con La Marca.

Le indagini hanno riguardato principalmente proprio la figura di Gianluca La Marca, il quale, negli ultimi anni, ha attuato una politica economica espansionistica:

- sfruttando risorse provenienti da una massiccia evasione fiscale attuata dall'azienda di famiglia, il Caseificio Tre Stelle, da lui di fatto amministrata, progettando di acquisire direttamente, o tramite familiari, aziende zootecniche e allevamenti bufalini della zona di Capaccio Paestum ed Eboli in stato di crisi e sottoposte a procedure esecutive;

- avvalendosi della capacità intimidatoria di Giovanni Maiale per minacciare imprenditori e scoraggiarli all'acquisto, alle aste giudiziarie, s'impossessava di un'azienda di allevamento e produzione di latte di bufala di suo interesse, ed annesso terreno.
In particolare, Giovanni Maiale detto ‘Giovanniello', ex collaboratore di giustizia capitalizzato, come documentato dalle indagini dei carabinieri, mediante minacce dissuadeva un imprenditore rivale alla partecipazione all'asta giudiziaria relativa ad una procedura esecutiva immobiliare avente oggetto l'aggiudicazione di un'azienda agricola, alla quale era interessato il La Marca.

In occasione dell'incanto in questione, nessun altro imprenditore partecipava ed i beni oggetto di esecuzione sono stati formalmente aggiudicati al prezzo complessivo di 944mila euro, a fronte di un valore stimato di circa 3 milioni, alla madre di Gianluca La Marca. Quest'ultimo, a sua volta, aveva anche cercato di corrompere il custode giudiziario ed incaricato della vendita all'asta, promettendogli del denaro (che non ha accettato) allo scopo di ritardare l'aggiudicazione dei beni.

La pericolosità sociale del La Marca è stata ulteriormente confermata allorché, nel corso di perquisizioni disposte dalla DDA, lo scorso mese di giugno, le Fiamme Gialle traevano in arresto il cugino, trovato in possesso, presso la sua abitazione, di un fucile a pompa e di una pistola con matricola abrasa. Tali armi, come emerso dalle intercettazioni, erano di proprietà del La Marca, il quale, temendo controlli delle forze dell'ordine, le aveva date in custodia al cugino, nonché dipendente del Caseificio Tre Stelle, affinché le nascondesse. Quest'ultimo, dopo una prima dichiarazione, si autoaccusava falsamente di essere il proprietario delle armi pur di non fare il nome di Gianluca La Marca.

Nel corso delle indagini, si accertava altresì che Gianluca La Marca, al fine di risolvere le pendenze tributarie del Caseificio Tre Stelle ed i debiti che aveva accumulato con il Fisco, si era rivolto direttamente al Direttore provinciale dell'Agenzia delle Entrate di Salerno, Vastarella Emilio, corrompendolo con la dazione di un bracciale da donna in oro e brillanti (che veniva effettivamente rinvenuto e sequestrato nella abitazione del Direttore dell'Agenzia) ed un orologio di valore (che il La Marca intercettato confermava di avere poco prima consegnato), ottenendo, in cambio, uno sconto di oltre 60mila euro in realtà non spettante sulle sanzioni che erano state comminate al caseificio dalla Commissione Tributaria.

Tale trattamento di favore veniva formalmente giustificato, nel provvedimento a firma del Direttore, sulla scorta di un'eccezionale situazione di difficoltà finanziaria del caseificio, miratamente fatta emergere nella istruttoria della pratica, quando nella realtà i conti dell'azienda evidenziavano una situazione particolarmente florida e l'attività commerciale era in piena espansione.

In questo modo, il caseificio, oltre a beneficiare di uno sconto di più di 60 mila euro sulle sanzioni, otteneva dall'Amministrazione finanziaria lo sblocco di un ingente rimborso IVA, che l'Agenzia delle Entrate aveva, come per prassi, congelato in presenza delle controversie tributarie. Per tale vantaggio economico, conseguito illecitamente, il Gip aveva già accolto la richiesta di sequestro preventivo avanzata da questa DDA e la Guardia di Finanza aveva sottoposto a sequestro più di un milione di euro sui conti correnti del Caseificio Tre Stelle.

COMUNICATO UFFICIALE PROCURA

Galleria Fotografica

rank:

Salerno e Provincia

A Salerno sentenze pilotate in cambio di denaro: arrestati giudici e imprenditori

Nuovi arresti nell'ambito delle indagini sulla Commissione Tributaria di Salerno. Applicata misura cautelare della custodia in carcere per ulteriori 7 indagati tra giudici, funzionari, commercialisti ed imprenditori. Nello sviluppo delle indagini, che lo scorso 15 maggio avevano già portato all'arresto...

Tagliano orecchie al cane per concorso di bellezza: a processo

Avevano tagliato le orecchie a un cane per permettergli di partecipare a un concorso di bellezza. Ora gli imputati, due ragazzi di Angri, sono finiti sotto processo per maltrattamenti all'animale. Nell'inchiesta era coinvolta anche una terza persona ma per quest'ultima è stato disposto lo stralcio. Tagliare...

Picchia la compagna davanti al figlio di 7 anni: arrestato 40enne nel salernitano

Violenza domestica nel salernitano, più precisamente nel comune di Polla. I carabinieri della Compagnia di Sala Consilina diretti dal capitano Davide Acquaviva, hanno tratto in arresto un 40enne ed applicato l'allontanamento d'urgenza dalla casa familiare con divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente...

Choc al cimitero di Agropoli: rubata la bara di un 19enne

Agropoli è sotto choc per il furto della salma di Pasquale Picariello, 19 anni, deceduto nel lontano 2006 a causa di un incidente stradale. Ad accorgersi di quanto accaduto, la mattina del 13 ottobre, i custodi del camposanto che hanno allertato i carabinieri. Secondo una prima ricostruzione, i profanatori...

Incendio a Sarno, arrestato ragazzo di 16 anni

Importanti passi avanti nell'indagine sull'incendio che il 20 settembre scorso ha devastato i boschi sopra il Comune di Sarno, creando molta apprensione a tutta la cittadinanza. Ad appiccare le fiamme è stato un giovane di soli 16 anni, raggiunto da una ordinanza di custodia cautelare disposta dal Gip...