Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Teresa d'Avila

Date rapide

Oggi: 15 ottobre

Ieri: 14 ottobre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Sicme Energy e Gas, il tuo partner per l'energia, Gas e Luce elettrica in Costiera AmalfitanaCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energeticoContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniSalerno e ProvinciaAssemblea Donne provincia di Salerno contro morale Convegno di Verona

Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.D'Amato Design - progettazione di interni, arredamento e forniture per alberghi e strutture ricettive, architettura d'interni, arredamenti casa, D'Amato Home DesignLa Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoCentro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Salerno e Provincia

Assemblea Donne provincia di Salerno contro morale Convegno di Verona

Scritto da (Redazione), sabato 30 marzo 2019 18:18:01

Ultimo aggiornamento sabato 30 marzo 2019 18:18:01

di Patrizia Reso

L'assemblea permanente di Donne della provincia di Salerno ha stilato un documento, per rimarcare il pensiero di associazioni, sindacati, partiti o anche singole persone, che lo hanno sottoscritto, che non condividono la morale esposta durante lo svolgimento del Convegno di Verona in corso da ieri.

Il documento, consegnato alla Prefettura di Salerno, è indirizzato alle presidenze della Repubblica, del Consiglio, del Senato e della Camera. E' sottoscritto da numerose firme, rappresentative o di se stessi oppure di quegli spicchi della realtà operativi in vari settori sociali, dalla politica di genere alla cultura, dal volontariato disinteressato alle categorie sociali. La consegna è avvenuta ad opera di un nutrito gruppo di donne alla presenza del vice prefetto, dottoressa De Asmundis Raffaella e due suoi collaboratori.

Ancora una volta è necessario ribadire che la legge 194 non induce ad abortire, ma garantisce la tutela sanitaria necessaria alla donna che ha deciso di interrompere la gravidanza, per suoi personali motivi e ragioni, che non sindacalizziamo. Che la legge 194, come pure i Consultori Familiari, siano nati anche per una sana e corretta informazione sui contraccettivi, nessuno lo dice e nessuno lo mette in pratica. Un tempo questo tipo di informazione avveniva, specie nei consultori che, inizialmente erano caratterizzati da un comitato di gestione, che provvedeva anche a questo tipo di programmazione. Durante il Convegno di Verona, il leader di Family Day, Massimo Gandolini, pur di giustificare l'insano gesto di distribuire portachiavi con feti di dieci giorni in gomma, come gadget, ha affermato che la scelta è , dopo la disquisizione sulle settimane di gravidanza, "per dire agli altri, che non hanno questa sensibilità (cioè di comprendere com'è un feto a 10 settimane)".

Questa supponenza stride con la volontà della donna. Come si permette Gandolini di parlare di sensibilità della donna, senza conoscerla! Non basta essere un ginecologo o altro professionista per conoscere la sensibilità della donna! E' necessario in primis essere donna! Come sono liberi di pensare e manifestare come vogliono tutti costoro che si sono riuniti a Verona, così siamo libere, e dobbiamo essere libere, noi altre donne di decidere, specie se la decisione investe il nostro corpo. Il principio è sempre lo stesso: eliminiamo ciò che si vede e il problema non esiste. Come per la richiesta di ripristinare le case chiuse, la prostituzione continua ad esistere, però legalizzata! Togliamo la 194 e le donne non andranno più ad abortire negli ospedali ma dai privati (e quindi fior di soldi) o dalle mammane, come un tempo. Che poi le donne muoiano per un ferro arrugginito o per un decotto di prezzemolo, poco importa, hanno tutelato la vita! Quella vita in formazione, ma non la vita di una donna, già parte integrante della società. Questi moralismi patriarcali sono in contrasto con realtà molto ben consolidate, come quella per esempio del cappellano militare che conforta e benedice i soldati che impugnano un fucile per uccidere propri simili, ma con una divisa diversa. Non ho mai visto né sentito di nessuna donna benedire la propria gravidanza interrotta! Una morale che prevede interventi prima dell'Interruzione della gravidanza, atti a far dare in adozione il concepito al termini dei nove mesi... Ecco ancora una volta emergere quella concezione patriarcale di mero contenitore del corpo femminile, come se fosse la cosa più semplice di questo mondo rinunciare a chi hai portato in grembo per nove mesi! Per non parlare di tutti quei provvedimenti, già in corso, che anziché garantire maggiore autonomia alle donne o ai minori, li relegano negli angolini, trasforma doli in piccoli oggetti carrozzabili, vedi decreto Pillon (lo stesso che troviamo tra i promotori del convegno) oppure la possibilità di lavorare fino al termine di una gravidanza, quando dal settimo mese in poi ogni momento può essere quello conclusivo.

"Per questo le donne scendono in campo e chiedono che:

- LA FAMIGLIA non sia più il luogo della patria potestà, del diritto di stupro domestico, delle botte educative per moglie e figli/e. E nemmeno il "regno" delle donne mamme, casalinghe e sottomesse, come definito nel '42, in pieno fascismo, dalla legge sul diritto di famiglia, modificata solo con la nuova legge il 19 maggio 1975.

- LA FAMIGLIA sia, invece, il luogo dove la genitorialità sia una scelta condivisa e dove bambine e bambini trovino accoglienza per l'amore dei genitori.

Dove c'è violenza non c'è famiglia, e il DDL Pillon non tutela contro la violenza in famiglia. Dove c'è subalternità non c'è famiglia, l'autodeterminazione delle donne è fondamentale. Come fondamentale è non ritornare indietro sui diritti di TUTTE le famiglie, eterosessuali o omosessuali che siano, NON SI TORNA INDIETRO.

In questo quadro va difesa anche la scelta di una maternità consapevole, e non imposta dallo Stato: la donna, non altri, decide del suo corpo. Il ddl Gasparri-Quagliariello-Mallegni-Gallone toglie alla donna il controllo del suo corpo e rende inutile la 194, legge fondamentale nel percorso pluridecennale dell'autodeterminazione femminile.

Si è alzato troppo il tiro, ed è ora che si intevenga per il riequilibrio di una società nella quale è ormai evidente lo scontro tra chi vuole negare I diritti e chi è in campo per difenderli quali conquiste di civiltà."

Galleria Fotografica

rank:

Salerno e Provincia

Tagliano orecchie al cane per concorso di bellezza: a processo

Avevano tagliato le orecchie a un cane per permettergli di partecipare a un concorso di bellezza. Ora gli imputati, due ragazzi di Angri, sono finiti sotto processo per maltrattamenti all'animale. Nell'inchiesta era coinvolta anche una terza persona ma per quest'ultima è stato disposto lo stralcio. Tagliare...

Picchia la compagna davanti al figlio di 7 anni: arrestato 40enne nel salernitano

Violenza domestica nel salernitano, più precisamente nel comune di Polla. I carabinieri della Compagnia di Sala Consilina diretti dal capitano Davide Acquaviva, hanno tratto in arresto un 40enne ed applicato l'allontanamento d'urgenza dalla casa familiare con divieto di avvicinarsi ai luoghi abitualmente...

Choc al cimitero di Agropoli: rubata la bara di un 19enne

Agropoli è sotto choc per il furto della salma di Pasquale Picariello, 19 anni, deceduto nel lontano 2006 a causa di un incidente stradale. Ad accorgersi di quanto accaduto, la mattina del 13 ottobre, i custodi del camposanto che hanno allertato i carabinieri. Secondo una prima ricostruzione, i profanatori...

Incendio a Sarno, arrestato ragazzo di 16 anni

Importanti passi avanti nell'indagine sull'incendio che il 20 settembre scorso ha devastato i boschi sopra il Comune di Sarno, creando molta apprensione a tutta la cittadinanza. Ad appiccare le fiamme è stato un giovane di soli 16 anni, raggiunto da una ordinanza di custodia cautelare disposta dal Gip...

Blitz antidroga nel salernitano, anche l'Università tra le piazze di spaccio: 14 arresti

Viking: è questo il nome della vasta operazione antidroga dei Carabinieri, culminata ieri mattina nell'arresto dei 14 persone indagate per traffico illecito di sostanze stupefacenti. L'indagine ha riguardato tutta l'area del salernitano, nello specifico Nocera Inferiore, Pagani, Castel San Giorgio, Mercato...