Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 4 ore fa S. Sebastiano martire

Date rapide

Oggi: 20 gennaio

Ieri: 19 gennaio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Petrillo Abbigliamento augura Buona Natale a tutti i lettori de Il Portico e de Il Vescovado e vi aspetta a Contursi Terme con le sue migliori offerte di Natale

Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniPoliticaMessina non si arrende

La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Alfa Romeo Stelvio Q4 First Edition - Costiera Amalfitana la prova di endurance al servizio di AB Tech informatica e de Il Vescovado Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Parcheggio Mandara Maiori Costa d'Amalfi, parcheggi custoditi in costiera Amalfitana Positano Discover the beauty of the Amazing Amalfi Coast - Discover Positano is the ultimate web site for Positano Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Capri Tourism - Accommodation, Hotels, Restaurants in Capri Island - Social Stream - Insta Capri Associazione Giornalisti Lucio Barone, Cava dei Tirreni e Costa d'Amalfi Il tuo sito web al costo più conveniente, grafia e design di ultima generazione al prezzo più competitivo, web d'autore, siti d'autore Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Portico on line il giornale web della Città di Cava de' Tirreni aggiungi mi piace alla nostra pagina Facebook Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana AB Tech Informatica - La soluzione ai tuoi problemi di Information Technology - Web - Hosting - Server - Home Office e Personal Computer Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi Booble Italia - Notizie virali, senza virus, senza interferenze. La notiza dalla parte del lettore

Politica

Messina non si arrende

Scritto da (admin), giovedì 28 ottobre 2004 00:00:00

Ultimo aggiornamento giovedì 28 ottobre 2004 00:00:00

Il giorno dopo la pesante sconfitta in Consiglio comunale, Messina riprende il lavoro in solitudine. Il Palazzo trema, la gente si interroga, la sinistra incalza. Ieri il sindaco era al suo posto di lavoro. Porta i segni in volto della battaglia persa, ma è sempre più deciso a non chiudere definitivamente la sua storia politico-amministrativa. Il progetto di città, che aveva strappato il consenso della gente, mandando sconfitto a casa l'avversario Francesco Musumeci, capogruppo di una coalizione che aveva amministrato la città per 10 anni, non può finire così sotto l'onda di uno scontro tutto interno alla Casa delle Libertà. Messina non si dà pace e per questo lotta, non demorde. E' motivato, anche se porta i segni di una profonda tristezza. «Credo che ci sono ancora i margini per recuperare il sogno di una città a misura d'uomo, che era stato premiato da un ampio consenso. E' un momento particolarmente difficile per i sindaci e la storia di questi mesi a Cava, Battipaglia, Pagani, Eboli e Salerno dimostra ampiamente che qualcosa si è inceppato, a cui bisogna porre riparo». Ripercorre questi anni, rivede l'entusiasmo di quelle serate dopo la vittoria, di quei primi mesi, poi le prime fibrillazioni, le crisi palesi e sotterranee, quindi il no di An e poi ancora la rivolta dell'Udc e di tre dei suoi. Scorre le immagini di questi anni e si interroga dove ha sbagliato. L'errore di Messina - si sussurra nei corridoi del Palazzo e la voce viene proprio dai suoi - è quella di aver creduto di essere il padrone delle ferriere e non il simbolo ed il primo inter pares di una coalizione che lo aveva sostenuto. Ma Messina non ci sta: «Ho lavorato avendo come obiettivo la città e pensavo che tutti avessero i miei stessi obiettivi». Ora dovrà costruire un nuovo modello di gestione. Di qui l'azzeramento ed il rilancio della questione sul tavolo provinciale. Il sindaco avverte: «Ora dovranno i coordinatori provinciali assumersi la responsabilità del futuro, tracciando un cammino comune». Messina sa pure che, se non dovesse essere rispettoso dell'impegno assunto con la gente, potrebbe gettare la spugna. Allora metterebbe la parola fine alla sua avventura. Ieri l'atmosfera a Palazzo era cupa. La città è pessimista sugli esiti della crisi, temendo che si possa arrivare ad una soluzione pasticciata. Le segreterie cittadine sono in continuo contatto con quelle provinciali, attendono segnali ed indicazioni. La sinistra, intanto, incalza. Rifondazione comunista ha preparato una richiesta di mozione di sfiducia, che sta sottoponendo al vaglio degli alleati. «Il Consiglio comunale ha sancito non solo lo strappo dall'Amministrazione di An, ma anche dell'alleato Udc e di tre consiglieri di Forza Italia. Uno strappo che legittima la richiesta di restituire la parola agli elettori avanzata dalle forze della sinistra, ma che la dice lunga anche sul buon governo dell'Amministrazione Messina», afferma Raffaele Fiorillo. Il gruppo legato al consigliere regionale Pasquale D'Acunzi rilancia il tavolo dell'opposizione. «Ora più che mai, è tempo di riprendere il discorso politico che coinvolga tutta l'opposizione a Messina e si riappropi del governo della città»: così l'ing. Adriano Mongiello. Già sabato mattina è stata fissata una conferenza stampa dei partiti del centrosinistra. «Non può passare sotto silenzio - afferma Federico de Filippis, esponente della Margherita - la vicenda di un sindaco sfiduciato dalla sua stessa maggioranza e che come risposta manda tutti gli assessori a casa, assumendo di fatto tutti i poteri come un novello dittatore. Cava non è una Repubblica sudamericana».

Alfredo il "tagliatore di teste"

Messina passerà alla storia politico-amministrativa della città come il "tagliatore di teste". Nei primi tre anni di governo a Palazzo di Città ha mandato a casa ben 11 assessori. Prima Alfonso Senatore, dopo pochissimi giorni dall'insediamento, che aveva osato contestare per motivi di opportunità la nomina a direttore generale dell'avv. Vittorio Del Vecchio. Poi Vincenzo Trapanese, Umberto Faiella, Daniele Fasano, Antonio Barbuti per due volte, dimissionato una prima volta, riassunto in Giunta dopo pochi giorni, Alfonso Laudato, Giuseppe Gigantino, Fabio Siani, Bruno D'Elia, Carmine Salsano e Giovanni Carleo. All'elenco bisogna aggiungere Annamaria Armenante, che si dimise volontariamente dopo circa un anno di lavoro a Palazzo. E poi, Messina ha perduto nel corso degli anni per dimissioni il direttore generale Vittorio Del Vecchio, il suo addetto stampa Silvia Lamberti ed infine il capo staff Pasquale Petrillo, in dissenso con la sua politica.

rank:

Ultimi articoli in Politica

Cava, consigliere Baldi annuncia nuova adesione

Martedì 16 gennaio 2018, il Consigliere Comunale Gerardo Baldi, ha comunicato la sua adesione, alla neonata Federazione Consiliare costituita dai Consiglieri Comunali rappresentanti dei Gruppi CAVA CIVILE, DIREZIONE FUTURO e PSI. Consigliere al quarto mandato consecutivo presso l'amministrazione metelliana,...

Cava de' Tirreni, assessore Moschillo prossima alle dimissioni?

Paola Moschillo, delegata agli Organismi Partecipati e alle Politiche Giovanili, potrebbe lasciare la carica di assessore. Secondo laredazione.eu, l'assessore sarebbe pronta a rimettere le sue deleghe nelle mani del sindaco Vincenzo Servalli. Secondo le ultime indiscrezioni, alla base della decisione...

Ius soli: se ne discute a Cava de' Tirreni

In un periodo storico in cui i giovani sembrano sempre più allontanarsi dalla politica, venerdì sera, 12 gennaio 2018, il circolo GD di Cava de'Tirreni e numerose persone di forze politiche diverse, si sono confrontati a Palazzo di Città sul tema ius soli. Con ius soli si intende che può far richiesta...

Cava, consigliere Baldi lascia l'Udc: «Recupero la mia civicità»

Il consigliere di maggioranza Gerardo Baldi lascia il gruppo consiliare dell'Udc e prosegue il suo percorso di maggioranza. La sua decisione è stata comunicata ieri pomeriggio alla presidente del Consiglio comunale, Lorena Iuliano. «Recupero la mia civicità - ha dichiarato Baldi - per portare avanti...

Attentati dinamitardi a Cava, le indagini proseguono nel massimo riserbo

Ieri pomeriggio la commissione consiliare Mobilità e Sicurezza si è riunita a Palazzo di Città per fare il punto sui recenti episodi criminali a Cava de' Tirreni. Oltre allo squarcio delle gomme della auto del sindaco Servalli e dell'assessore Senatore, la città metelliana è stata colpita da due bombe...