Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 3 ore fa S. Ireneo martire

Date rapide

Oggi: 15 dicembre

Ieri: 14 dicembre

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

La pasticceria Pansa augura le più dolci festività 2018 a tutti voi e ricorda che sul nuovo portale pasticceriapansa.it è possibile acquistare i dolci più buoni delle festeDivin Baguette Maiori Costa d'AmalfiContract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury HotelAcquista on line i Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfiIl Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera AmalfitanaVilla Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana

Tu sei qui: SezioniCronacaUltras, le mamme scendono in campo

La dolcezza del Natale a portata di Click con i Panettoni e le specialità natalizie di Sal De RisoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoD'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamentoCentro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a RavelloLa bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoFerrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazioneSalvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'AmalfiHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania ItaliaPalazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'AmalfiMTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - ItaliaIl Vescovado, il giornale on line della Costiera AmalfitanaAcquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tuaAmalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera AmalfitanaInternet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Acquista on line i capolavori di dolcezza e genuinità artigianale del Maestro Pasticciere Sal De Riso

Cronaca

Ultras, le mamme scendono in campo

Scritto da (admin), mercoledì 6 febbraio 2008 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 6 febbraio 2008 00:00:00

Le mamme degli ultras chiamano, Gravagnuolo risponde. Il clamore suscitato dagli episodi al "Bentegodi" di Verona non si attenua. Le mamme degli ultras incriminati e di tanti tifosi pestati e maltrattati chiedono chiarezza e giustizia. E si rivolgono al sindaco. «Sappiamo - così una di esse - che è sempre stato vicino ai giovani, ha voluto nei momenti difficili essere tra loro nelle Curve. Gli chiediamo che faccia chiarezza, vogliamo conoscere la verità: Cava, le nostre famiglie meritano rispetto». Già nella giornata di lunedì Elvira D'Amore aveva levato la sua voce in difesa dei giovani che a Verona erano incappati nelle brutte storie riportate da tutti i giornali. «Le versioni sono differenti - dice - occorrerebbe, prima di gettare la croce su questi giovani, far emergere la verità».

Al grido di appello delle mamme, dei giovani e della città, Gravagnuolo non si è sottratto. Lunedì, a quanti gli consigliavano di lasciare a se stessi i giovani, aveva replicato: «Sarebbe un gravissimo errore gettare la spugna. Io non lo farò, continuerò, pur nella chiarezza delle posizioni, a dialogare con gli ultras. Sarò lieto di ricevere le loro mamme, insieme potremmo individuare un percorso comune di azione e di sostegno». Nei prossimi giorni la segreteria del sindaco organizzerà l'incontro a Palazzo di Città. I fatti di Verona potrebbero acuire quel clima, superato nei mesi scorsi, di ostilità con tutto ciò che rappresentava lo Stato, in particolare le Forze dell'Ordine. Di qui la necessità di creare le condizioni per la ripresa del dialogo con i giovani.

Due incontri casalinghi consecutivi potrebbero rappresentare un serio pericolo. «Chiediamo che si tuteli il nome delle nostre famiglie, dei nostri figli e della città. La domenica al "Bentegodi" di Verona occorre archiviarla, ma solo dopo che sia stata fatta giustizia e sia emersa la verità», spiega una mamma. «Non possiamo fermarci in questo processo di crescita, sarebbe un suicidio. Tutti insieme per la città e per lo sport vero», conclude Gravagnuolo.

«Non rovinate l'immagine della città»
Una presa di posizione coraggiosa da parte della società e del sindaco: un incontro con i vertici della Polizia e delle autorità istituzionali per far rispettare le regole, difendere i tifosi pacifici e l'immagine della città. Il messaggio è stato lanciato dagli stessi supporter della Cavese dalle pagine on line di siti dedicati al tifo biancoblù. In queste ore una serie di testimonianze e conseguenti appelli alla mobilitazione circolano nei forum dedicati alla squadra del cuore. E non mancano le provocazioni: «Siamo pronti a fermarci, a rinunciare alle nostre domeniche di calcio, se i nostri appelli non vengono ascoltati».

A finire sul banco degli imputati, secondo i tifosi della Cavese, non devono essere soltanto gli ultras, ma l'intero sistema, che prevede delle regole che non vengono rispettate, o meglio, non in maniera uniforme ed egualitaria. «Per favore, aiutateci a fare un minimo di chiarezza. Non abbiate timore di esporvi per paura di smascherare un sistema che fa acqua da tutte le parti, non abbiate timore di aiutare a far capire alla gente che quando succedono simili incidenti non è solo colpa dei ragazzi - dice un 45enne presente domenica pomeriggio allo stadio "Bentegodi" - Vorrei capire perché i biglietti si comprano con il sistema TicketOne fino alle 19 del sabato, ma solo per il settore ospiti. Domenica molti cavesi li hanno acquistati allo stadio di Verona senza presentare il documento. Se è così, vuol dire che si usano due pesi e due misure. In un settore la Polizia è stata esageratamente ligia al dovere e fiscale oltre ogni limite, mentre a 50 metri, in altri settori, si poteva entrare senza documenti tranquillamente e magari portando bottigliette ed altro senza nemmeno essere perquisiti».

A fargli eco molti altri tifosi, adulti, padri di famiglie: «Siamo gente pacifica, che possono dire la verità ed aiutare a far trionfare la giustizia una volta tanto». A quanto si apprende dal loro racconto, domenica pomeriggio allo stadio non c'erano solo i cosiddetti violenti, ma erano presenti molte famiglie e persone adulte, addirittura qualche anziano, che hanno assistiti inermi ad una situazione che a poco a poco è degenerata e che poteva causare una tragedia. Da qui la richiesta di difendere la parte sana del tifo.

rank:

Cronaca

Insegue l'ex fidanzata da Cava a Salerno: 50enne ai domiciliari

Episodio di stalking a Cava de' Tirreni. Un 50enne ha inseguito dal capoluogo metelliano a Salerno la sua ex fidanzata. Spaventata, quest'ultima ha chiesto l'intervento della polizia. L'uomo ha dapprima cercato di allontanarsi, ma poco dopo è stato fermato e portato in commissariato. A seguito della...

Simula incidente e tenta truffa ad anziana: denunciato 23enne cavese

Simula un incidente e tenta la truffa ai danni di un'anziana donna. L'episodio si è verificato a Cava de' Tirreni ed a farne le spese è stato un giovane cavese di 23 anni, incensurato. Il ragazzo, stando alle prime ricostruzioni, ha simulato un incidente stradale a danno della propria autovettura per...

Cava de' Tirreni, brucia furgone aziendale: indagini in corso

La notte scorsa, per cause ancora da accertare, un furgone aziendale di AdvCity, nota agenzia di pubblicità e comunicazione cavese, è stato distrutto completamente dalle fiamme. Non si sa se le cause siano di matrice dolosa o vandalica. Quel che è certo che il tutto è avvenuto intorno all'1:30, in Via...

Stewart ferito durante Cavese-Potenza: si indaga

Tensioni ieri sugli spalti del "Simonetta Lamberti", durante il match tra Cavese e Potenza (clicca qui per approfondire). Dopo la rete del vantaggio potentino, si è acceso un parapiglia in tribuna, che ha portato al ferimento di un responsabile della sicurezza dello stadio Come riporta "Il Mattino",...

Esplode auto del presidente di "Resilienza": indagini in corso a Cava de' Tirreni

Paura a Cava de' Tirreni nella serata di ieri a causa di una bomba carta che ha distrutto l'autovettura di Filomena Avagliano, presidente del Centro di ascolto "Resilienza", ovvero il centro di ascolto nato come baluardo di lotta a tutte le violenze di genere. A rivelare questo drammatico episodio è...