Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 28 minuti fa S. Giacomo martire

Date rapide

Oggi: 22 aprile

Ieri: 21 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Tutto il gusto di un panino d'Autore con la possibilità di abbinare un grande vino italiano. Divin Baguette apre prossimamente a Maiori in Costiera Amalfitana Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronacaTutta Cava in lutto per Alfredo

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Tutta Cava in lutto per Alfredo

Scritto da (admin), mercoledì 15 ottobre 2003 00:00:00

Ultimo aggiornamento mercoledì 15 ottobre 2003 00:00:00

Dietro allo scooter rosso e giallo, accartocciato dopo quel violento scontro contro il muro di cinta, saltano fuori i primi frammenti di verità. «I rilievi eseguiti - spiegano gli agenti della Polizia Municipale - mostrano che la moto che ha investito il giovane alla guida dello scooter procedeva su una sola ruota». Le indagini sono state avviate immediatamente dopo il terribile incidente di lunedì sera, nel quale ha perso la vita il 17enne Alfredo D'Ursi dopo un impatto frontale con una moto sulla quale c'erano due suoi cugini, i fratelli Antonio e Carmine Adinolfi. Da subito è chiara una cosa: i segni di frenata lasciati sull'asfalto sarebbero la prova di quella che, in gergo motociclistico, viene comunemente chiamata "impennata". Sarebbe stata anche questa una delle cause dello scontro. Per ora, l'esatta dinamica dell'incidente non è ancora stata ricostruita, ma un quadro sembra già delineato. L'altra sera, in via Ido Longo, mancava poco alle 23, Alfredo stava ritornando a casa su uno scooter preso in prestito, perché il suo era stato sequestrato qualche settimana prima (anche su questo particolare stanno indagando i Vigili Urbani). Abitava poco lontano dal luogo dove il motorino si è schiantato contro la moto. «È sbucato da una delle traverse - dicono gli inquirenti - per imboccare la discesa di via Ido Longo. All'improvviso e con ogni probabilità a velocità sostenuta, si è scontrato frontalmente con la moto che stava salendo la stessa strada». Secondo i primi rilievi, Antonio avrebbe "impennato", non riuscendo così a vedere lo scooter. I due giovani non hanno fatto in tempo a schivarsi e sono caduti sull'asfalto. Alfredo, invece, si è schiantato contro il muro. Il casco non è bastato a proteggerlo. Non c'è stato nulla da fare: è morto sul colpo. Gli altri due giovani se la sono cavata, almeno secondo i primi referti medici, con qualche frattura. Nella notte, però, le condizioni di Antonio sono peggiorate. Trasportato in un primo momento al Pronto Soccorso del "Santa Maria dell'Olmo", il giovane è stato poi trasferito a Salerno, dove è stato ricoverato al reparto di Ortopedia del "San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona". I medici parlano di perforazione del polmone e di una serie di fratture alle gambe, che potrebbero interessare anche i vasi. Da qui la necessità di sottoporlo ad un intervento di chirurgia vascolare. Nella stessa notte di ieri gli è stata asportata la milza. La prognosi resta riservata. Carmine, per fortuna, se l'è cavata con qualche contusione ed una frattura alla gamba. I familiari, rimasti in ospedale per tutta la notte, non hanno avuto il coraggio di raccontare la verità: la tragica morte del cugino. Ora attendono il prossimo bollettino medico per scongiurare il rischio di complicazioni. Il giorno dopo la tragedia di via Ido Longo, Sant'Arcangelo è sotto choc. La piccola frazione è sconvolta dal dolore per una disgrazia che ha segnato per sempre le famiglie Adinolfi e D'Ursi. Un destino terribile ha voluto che alla guida della moto che ha investito il giovane Alfredo ci fossero i due cugini. Non si danno pace i parenti: piangono Alfredo ed intanto restano con il fiato sospeso per le sorti di Antonio.

Stamane i funerali di Alfredo

Questa mattina, alle ore 9.30, nella piccola cappella della frazione di Sant'Arcangelo, verranno celebrati i funerali di Alfredo D'Ursi. Prevista una grande partecipazione popolare. L'intero borgo si è rivestito a lutto. Tutti, d'altronde, conoscevano quel 17enne amante dei motori. E quel che ancor più sconvolge la località è l'amara vicenda che vede coinvolte due famiglie, la D'Ursi e la Adinolfi, accomunate da vincoli di sangue. Una disgrazia inaspettata: è il commento generale in città. Venuta proprio quando sembrava che i controlli più serrati delle Forze dell'Ordine avessero messo fine alle stragi sulle due ruote.

IL RICORDO DEI VICINI

«Un bravo ragazzo, che amava la velocità. Lui ed il motorino erano inseparabili»

Una ragazzo sveglio, allegro, sempre pronto al sorriso, che si guadagnava la giornata lavorando sodo. Da qualche mese era diventato aiuto manovale in una piccola impresa edile. «Lui ed il motorino erano inseparabili, amava la velocità e si divertiva a sbucare tra queste stradine come se fosse stato un circuito motociclistico. Sembrava che le strigliate dei familiari lo avessero un po' calmato in quest'ultimo anno. Ed invece...», ricorda Carmela, una vicina della famiglia D'Ursi. Una sua giovane coetanea aggiunge: «In molti, qui nella frazione, avevano avuto discussioni con i genitori di Alfredo per il suo modo di andare in motorino. Gli raccomandavano di andare più piano e di stare attento, perché sulla strada non c'era solo lui». In questi ultimi mesi, complice forse anche qualche rimprovero e contravvenzione, le cose erano andate diversamente. «Alfredo - dicono gli amici - era un ragazzo d'oro. Lo scooter era la sua grande passione. Non è giusto dare la colpa di quello che è successo alla sua passione, è stata solo una terribile disgrazia». Ma il pensiero va anche alla famiglia di Antonio e Carmine Adinolfi, i cugini di Alfredo, che ieri sera, per uno macabro disegno del destino, si sono trovati su quella strada.

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Torna l’incubo vandalismo a Cava, danneggiate tre auto

Ancora vandali a Cava de' Tirreni. Nella notte tra mercoledì e giovedì, infatti, sono stati frantumati i vetri di alcune automobili in via Giovanni Canali. Sono tre le vetture danneggiate. Stando alle indiscrezioni, nel mirino c'era anche una quarta auto, ma il tentativo di vandalismo non è andato a...

Nocera, arrestato parcheggiatore abusivo cavese: nascondeva hashish presso abitazione

Nell'ambito delle operazioni volte al contrasto dell'attività di spaccio di sostanze stupefacenti a Nocera Inferiore, gli agenti della Polizia di Stato del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza - Squadra Volante - hanno proceduto all'arresto di C.A., pregiudicato cavese di 24 anni. Secondo una prima...

Incidente mortale a Nocera, libero il 47enne cavese accusato di omicidio stradale

Torna libero M.A., il 47enne di Cava de' Tirreni responsabile, nella notte tra sabato e domenica, dell'incidente in via Nazionale a Nocera Inferiore che è costato la vita ad uno studente di 17 anni, Raffaele Rossi. L'automobilista cavese era alla guida dell'Opel Astra quando, dopo un sorpasso azzardato,...

Cava de’ Tirreni, truffa e falsi pellegrinaggi per San Giovanni Rotondo

Avevano promosso un pellegrinaggio per San Giovanni Rotondo, raccogliendo adesioni anche attraverso l'affissione di locandine in vari punti di Cava de' Tirreni, ma questa volta si trattava di una truffa. Lo hanno scoperto a loro spese due donne, M. A. e P. M., entrambe residenti in via Filangieri, a...

Cava, colpì l'amico in volto con un boccale di birra: a processo

Litigò con l'amico e, per futili motivi, lo colpì in volto con un boccale di birra, causandogli ferite da taglio multiple al viso e al collo. A distanza di circa tre anni, l'indagato, classe '76, è è destinatario di una richiesta di processo da parte del sostituto procuratore di Nocera Inferiore, Ernesto...