Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 1 ora fa S. Giacomo martire

Date rapide

Oggi: 22 aprile

Ieri: 21 aprile

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Tutto il gusto di un panino d'Autore con la possibilità di abbinare un grande vino italiano. Divin Baguette apre prossimamente a Maiori in Costiera Amalfitana Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronacaTroppa play station convulsioni per un bimbo di 7 anni

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Troppa play station, convulsioni per un bimbo di 7 anni

Scritto da (admin), lunedì 18 agosto 2003 00:00:00

Ultimo aggiornamento lunedì 18 agosto 2003 00:00:00

Stava giocando con la sua inseparabile play station. Gli occhi fissi sul monitor per rispondere tempestivamente a quella scarica di effetti luminosi che rimbalzava dallo schermo. Ore ed ore a caccia di mostri da annientare. Solo una breve pausa, per poi riprendere la sfida, durata l'intero pomeriggio. Ma all'improvviso è stato colto da malore: una terribile crisi di convulsioni. Le braccia e le gambe iniziano a sbattere violentemente. Subito dopo il bambino non risponde più ad alcuna sollecitazione. Il piccolo "maratoneta dei videogame" piomba in uno stato di semi-incoscienza. Così, un bimbo di Tramonti di appena 7 anni è giunto al Pronto Soccorso dell'ospedale "Santa Maria dell'Olmo". I genitori hanno temuto il peggio, ma fortunatamente, dopo i primi accertamenti, il piccolo si è ripreso. Secondo i medici dell'Unità operativa di Pediatria, a scatenare la terribile reazione sarebbero stati gli stimoli luminosi emessi dal monitor del computer ed assimilati dal bambino per tanto tempo. «Questi raggi - hanno spiegato i pediatri cavesi - possono far scatenare una particolare forma d'epilessia, altrimenti silente. Si chiama epilessia idiopatica: inizia in età pediatrica e normalmente non è accompagnata da crisi eclatanti». Il bimbo è stato ricoverato nel reparto di Pediatria per essere sottoposto ad una serie di esami. Le sue condizioni sono subite migliorate. «Si tratta di un episodio oggi abbastanza frequente - commentano i medici del reparto - ma per avere la certezza di essere in presenza di un caso di epilessia, e dunque per una giusta terapia, bisogna eseguire un esame chiamato video-elettroencefalogramma a lungo termine». Fino ad un mese fa, quest'apparecchiatura non era disponibile in nessun ospedale della Campania e nel resto del Meridione. Da luglio l'unità di Neuropediatria del "Santa Maria dell'Olmo si è dotata di tale strumentazione. Si tratta di monitorare per più di un giorno l'attività del cervello. I bambini vengono sistemati in un'accogliente cameretta, dove dovranno svolgere le loro abituali attività, mentre piccoli elettrodi (impiantati con una comunissima cuffietta copricapo) registreranno le onde cerebrali. Un sistema di telecamere a circuito chiuso permette agli specialisti non solo di visionare il tracciato, ma anche di visualizzare sullo schermo l'epicentro della crisi epilettica, vale a dire la regione precisa in cui si è generata una sorta di corto circuito, che si determina a livello cerebrale e determina la scarica. «Questo tipo di esame - spiegano Mauro Budetta, responsabile del Polo neurologico, e gli "aiuti" Livio Sorrentino e Maria Luisa Carpentieri - ci permette di scoprire le forme dubbie di epilessia che possono manifestarsi anche dopo una prolungata esposizione al computer o durante il sonno, sfuggendo, così, all'attenzione dei genitori. In particolare, si tratta di epilessie farmaco-resistenti, cioè che non rispondono alla terapia a base di farmaci». Secondo le stime registrate in questi ultimi anni, il 30% dei ricoveri eseguiti nell'Unità di Pediatria riguardano proprio problemi neurologici. «Il nostro Polo di Neuropediatria - spiega Basilio Malamisura, direttore dell'Unità operativa di Pediatria - non si occuperà solo di epilessie, ma di un variegato ventaglio di patologie che riguardano la sfera neurologica».

I CONSIGLI DELL'ESPERTO

«Attenzione ai videogames: i bambini ci devono giocare ad intervalli brevi. La televisione va guardata a distanza»

Bambini ed adulti vittime dell'accattivante fascino delle tecnologie, spesso causa di danni irreversibili. Un passatempo divenuto una vera e propria "patologia" della modernità. Per curarla, insieme ad altri disturbi della sfera psichiatrica infantile, all'ospedale di San Leonardo funziona un reparto di Neuropediatria. A dirigerlo è il pediatra Lello Albano. Dottore, come si verificano questi fenomeni? «Di solito, colpiscono soggetti geneticamente predisposti, che, a contatto con una sostanza luminosa intermittente, sviluppano una scarica elettrica simile ad un corto circuito. Ne conseguono forti crisi convulsive». Come si diagnosticano? «Con un preciso studio elettromagnetico, esponendo il soggetto ad una fonte luminosa intermittente». Quali sono le fonti nocive? «Quelle dei videogames, ma non solo. Molta attenzione va usata di fronte all'apparecchio televisivo, al grande schermo ed alle luci psichedeliche installate nelle discoteche. Esistono, poi, una serie di situazioni in cui si creano stimolazioni luminose che possono danneggiare le corteccia cerebrale e provocare reazioni anche gravi». È possibile prevenirle? «Non ci sono farmaci specifici, solo alcune regole da seguire per evitare gli effetti nocivi. Ad esempio, soprattutto i bambini devono guardare la televisione ad una certa distanza e stare davanti ai videogiochi solo ad intervalli brevi. La tecnologia è accattivante, ma farne abuso danneggia grandi e piccoli». Quindi, non è solo un problema pediatrico... «Assolutamente no. Nessuno immagina i danni provocati da luci e suoni all'interno delle discoteche. Si tratta di fenomeni più o meno latenti, che agiscono sul fisico e sulla psiche in modo devastante, talvolta persino fatale».

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Torna l’incubo vandalismo a Cava, danneggiate tre auto

Ancora vandali a Cava de' Tirreni. Nella notte tra mercoledì e giovedì, infatti, sono stati frantumati i vetri di alcune automobili in via Giovanni Canali. Sono tre le vetture danneggiate. Stando alle indiscrezioni, nel mirino c'era anche una quarta auto, ma il tentativo di vandalismo non è andato a...

Nocera, arrestato parcheggiatore abusivo cavese: nascondeva hashish presso abitazione

Nell'ambito delle operazioni volte al contrasto dell'attività di spaccio di sostanze stupefacenti a Nocera Inferiore, gli agenti della Polizia di Stato del locale Commissariato di Pubblica Sicurezza - Squadra Volante - hanno proceduto all'arresto di C.A., pregiudicato cavese di 24 anni. Secondo una prima...

Incidente mortale a Nocera, libero il 47enne cavese accusato di omicidio stradale

Torna libero M.A., il 47enne di Cava de' Tirreni responsabile, nella notte tra sabato e domenica, dell'incidente in via Nazionale a Nocera Inferiore che è costato la vita ad uno studente di 17 anni, Raffaele Rossi. L'automobilista cavese era alla guida dell'Opel Astra quando, dopo un sorpasso azzardato,...

Cava de’ Tirreni, truffa e falsi pellegrinaggi per San Giovanni Rotondo

Avevano promosso un pellegrinaggio per San Giovanni Rotondo, raccogliendo adesioni anche attraverso l'affissione di locandine in vari punti di Cava de' Tirreni, ma questa volta si trattava di una truffa. Lo hanno scoperto a loro spese due donne, M. A. e P. M., entrambe residenti in via Filangieri, a...

Cava, colpì l'amico in volto con un boccale di birra: a processo

Litigò con l'amico e, per futili motivi, lo colpì in volto con un boccale di birra, causandogli ferite da taglio multiple al viso e al collo. A distanza di circa tre anni, l'indagato, classe '76, è è destinatario di una richiesta di processo da parte del sostituto procuratore di Nocera Inferiore, Ernesto...