Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 13 ore fa S. Policarpo vescovo

Date rapide

Oggi: 23 febbraio

Ieri: 22 febbraio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel I Saldi più attesi sono quelli di Petrillo Abbigliamento che vi aspetta a Contursi Terme con le migliori occasioni di fine stagione I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronacaTragedia sull'A30 alla sbarra Antonio Sorrentino

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Tragedia sull'A30, alla sbarra Antonio Sorrentino

Scritto da Il Mattino (admin), giovedì 13 giugno 2002 00:00:00

Ultimo aggiornamento giovedì 13 giugno 2002 00:00:00

Ecatombe sulla Caserta-Salerno: a giudizio due funzionari delle «Autostrade Spa». Si è chiuso il cerchio intorno ai presunti responsabili di un maxi-tamponamento, avvenuto nel giugno del 1996 nei pressi del casello di Sarno dell'A30, in cui persero la vita quattro persone, tra cui una donna di Cava de' Tirreni, Eugenia Grimaldi. Il Gup del Tribunale di Nocera Inferiore, Pietro Giocoli, ha deciso che vi sarà bisogno di un regolare processo per chiarire le eventuali responsabilità di due funzionari addetti alla manutenzione del tratto autostradale in cui si verificò la tragedia. Si tratta di Antonio Sorrentino, geometra di Cava, e del romano Armando Calà. Secondo le accuse, la società che gestisce la maggior parte dei tronchi autostradali della Penisola non avrebbe messo in atto tutte le cautele necessarie per la tutela della sicurezza degli automobilisti. Infatti, l'incidente, datato 16 giugno '96, fu provocato dal rogo di alcuni pneumatici di autotreno, ammassati al di sotto della sede autostradale, che qualcuno aveva «pensato bene» di dare alle fiamme. Il tamponamento a catena si verificò su un cavalcavia a poche centinaia di metri dal casello di Sarno. Due autoarticolati sbandarono paurosamente a causa della fitta coltre di fumo che aveva invaso le corsie, provocando un autentico disastro. Alla guida dei due mezzi pesanti, uno Scania ed un Iveco, il barese Tommaso D'Ammaco e Silvio Magro, autotrasportatore di Creta, entrambi rinviati a giudizio nei mesi scorsi per omicidio colposo. Ma, come è emerso dalle indagini successivamente condotte dal sostituto procuratore Elena Guarino, le responsabilità non sarebbero limitate ai soli camionisti. L'area sottostante il cavalcavia, infatti, pare non fosse stata debitamente recintata in modo da evitare l'accesso ai non autorizzati. La scarsa illuminazione del viadotto e, soprattutto, la mancanza di barriere tra una corsia e l'altra avevano fatto il resto. La signora Eugenia Grimaldi, infatti, che stava rientrando a Cava de' Tirreni, non morì a causa del tamponamento, ma le fu fatale l'aver cercato di scavalcare il viadotto nel tentativo di raggiungere l'altra corsia, per timore di essere travolta dalle altre auto in corsa. La donna, accecata dal fumo sprigionato dal rogo delle gomme bruciate, non si accorse dello spazio che intercorre tra le due corsie del viadotto, precipitando nel vuoto. A perdere la vita in quella tragica notte furono anche Giuseppe e Nicola Parisi, di Poggiomarino, ed il sianese Salvatore Aliberti. Circa quindici, invece, i feriti che dovettero ricorrere alle cure dei sanitari, per fortuna senza riportare gravi conseguenze. Si tratta di Salvatore Passafiume di Cava, dei salernitani Mario Cerusi e Giulia Renzi, di Raffaele e Luigi Ferraioli, Angela Avino e Raffaele Palumbo, tutti di Pagani, dei tre militari Antonio De Simone, Massimiliano Magliaviello e Paolo Senco, di Tullio Maddaloni di Pomigliano D'Arco, del camionista maltese Devis Malcom e della cittadina rumena Elena Nudu. Una vera e propria ecatombe, causata principalmente dal gesto criminale di chi aveva deciso di ripulire il terreno adiacente l'autostrada appiccando il fuoco alle decine di vecchi copertoni di tir abbandonati lì da mesi. Nel processo che prenderà il via nel prossimo mese di ottobre, dunque, saranno da chiarire le posizioni dei due funzionari della «Autostrade Spa.». A chiedere giustizia sono soprattutto i familiari di coloro che persero la vita nell'incidente, rappresentati dagli avvocati Patrizia Macario ed Edoardo Sorrentino.

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Pullman perde olio, traffico in tilt tra Santa Lucia e Sant'Anna

Traffico paralizzato sulla Sp360 tra Santa Lucia e Sant'Anna. Come riporta laredazione.eu, ieri pomeriggio una grande chiazza d'olio lasciata sull'asfalto da un pullman ha bloccato il tratto stradale, costringendo decine di automobilisti ad affrontare lunghe code e rallentamenti. A causa del manto stradale...

Tramonti, altro incidente sulla strada della vergogna. Non se ne può più [FOTO]

Ancora incidenti sulle strade della Costiera. L'ultimo, in ordine di temo, questo pomeriggio, poco dopo le 17, sulla Strada Provinciale 2 A che collega Maiori al Valico di Chiunzi. A poca distanza dalla parte più alta, nel territorio di Tramonti, il sinistro, in curva, tra un mezzo pesante e un'utilitaria...

Cava, paziente in stato di dissociazione aggredisce sanitari

Nella serata di ieri, verso le 22:00, i sanitari di Vietri sul Mare sono stati allertati a causa di un paziente in agitazione psicomotoria presso un locale di Cava de' Tirreni. Come riporta zerottonove.it, l'uomo è stato trasportato al pronto soccorso dell'Umberto I di Nocera Inferiore, dove ha aggredito...

Blitz a Cava: chiuso noto locale notturno

Ordinanza di chiusura per un noto locale notturno di Cava de' Tirreni. Situato nella zona nord della città e molto frequentato sia dai cavesi che da avventori dei comuni limitrofi, il locale è stato al centro di alcuni controlli da parte della polizia e dei carabinieri, i quali hanno riscontrato un'amministrazione...

Rissa in Cava 2000-Cetara, sconfitta 3-0 a tavolino per entrambe le squadre

Dopo alcuni giorni di attesa è arrivato il verdetto del Giudice Sportivo relativo alla rissa che ha coinvolto i calciatori del Cava 2000 e dell'Asd Cetara, al termine dell'incontro valevole per il girone H del campionato di II categoria. Lo scorso 10 febbraio, al termine della partita, la gara era stata...