Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 9 ore fa S. Filippo Neri sacerdote

Date rapide

Oggi: 26 maggio

Ieri: 25 maggio

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico, il quotidiano di Cava dei Tirreni

Divin Baguette Maiori Costa d'Amalfi Contract Arda, arredamento e progettazioni di interni, Hotel contract, forniture alberghiere, Charming and Luxury Hotel I Panzuppati di Sal De Riso, il piacere deciso di un lievitato di grande qualità intriso con liquori di eccellenza. #Panzzuppati #CostadAmalfi Il Giardiniello Minori dal 1955 eccellenza gastronomica in Costiera Amalfitana Villa Romana Hotel & SPA a Minori in Costiera Amalfitana Palazzo Avino Ravello, Luxury Hotel on the Amalfi Coast, Hotel di Lusso per eventi esclusivi in Costiera Amalfitanai

Tu sei qui: SezioniCronacaTragedia a Santa Lucia: s'impicca Giuseppe Fumo

Pizzeria Sorbillo anche a Cava de'Tirreni, inaugurazione 31 maggio

Spari a Cava, parla il responsabile: «Ho sparato per antipatia»

Intervento atteso un anno, la vicissitudine di un anziano di Cava de' Tirreni

La frutta e i suoi benefici nella stagione estiva

"Benessere In 2018", 28 maggio la presentazione a Palazzo di Città

Disservizi all’ufficio mobile nella frazione di Passiano: l'appello dei cittadini

"Cava 1943 - i giorni del terrore": 25 maggio presentazione del libro di Gregorio Di Micco

Cava, tenta di derubare anziana: 48enne arrestato

Spari a Cava de' Tirreni: oggi verrà interrogato il responsabile

Nocera Superiore e Inferiore verso la fusione, sabato 26 un seminario del Comitato Pro Referendum

Banca Campania Centro, 26 maggio inaugurazione filiale a Cava de’ Tirreni

Cava de' Tirreni, 26 maggio Karolina Bednorz in mostra al Solimene Art

Roberto Adduono del “Re Maurì” di Salerno è il miglior sommelier della Campania [VIDEO]

Cava de’ Tirreni, a giugno i festeggiamenti in onore del Santissimo Sacramento [PROGRAMMA]

Governo M5s-Lega: Conte accetta con riserva incarico di Mattarella, oggi le consultazioni

Lions Club Cava de’ Tirreni - Vietri sul Mare, eletto nuovo Consiglio direttivo

Malattie cardiovascolari, secondo i dottori un uovo al giorno riduce il rischio

Convegno sulla clown terapia, 27 maggio a Cava de' Tirreni

Rinviata discussione sull'ex Velodromo, Canora: «Nessun ritardo nel cronoprogramma»

Cava, consigliere Lamberti: «Bisogna espropriare l'ex cinema Capitol»

D'Amato Home & Design a Maiori in Via nuova chiunzi tutto quanto necessario per il vostro nuovo arredamento Centro estetico FRAI FORM Costa d'Amalfi del dottor Franco Lanzieri. In Costiera Amalfitana Epilazione Definitiva con Laser 808 di ultima generazione - FRAI FORM a Ravello La bottega di Capone in Corso Reginna, 30 a Maiori e in via Pasitea 380 a Positano Porti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il porto Ferrara Impianti - Servizi idraulici, impiati per alberghi e strutture ricettive, manutenzione caldaie ed impianti di riscaldamento e condizionamento - Aria condizionata, climatizzazione Ristorante Sensi - il gusto della grande cucina della Costa d'Amalfi Villa Eva Ravello - Villa esclusiva per eventi e matrimoni, il fascino dello stile, le comodità di una struttura ricettiva con il massimo della privacy Salvatore De Riso - Pasticceria - Caffetteria - Gelateria - American Bar - Pizza - Bistrot - Sal De Riso Minori Costa d'Amalfi Hotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'Amalfi Geljada la gelateria artigianale in Costa d'Amalfi - Sul lungomare di Maiori potrete assaggiare il miglior gelato della Costiera Amalfitana Legambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia Palazzo Avino - Dimora di Lusso e Charme in Costa d'Amalfi MTN Company Comunicazione integrata Cava dei Tirreni (SA) Campania - Italia Il Vescovado, il giornale on line della Costiera Amalfitana Acquista on line i limoni della Costa d'Amalfi, ti saranno consegnati freschi appena raccolti direttamente a casa tua Amalfi Coast Private Car, Tour, Transfer ed escursioni in Costiera Amalfitana Internet ad alta velocità in Costiera Amalfitana, la banda larga in Costa d'Amalfi

Cronaca

Tragedia a Santa Lucia: s'impicca Giuseppe Fumo

Scritto da Il Mattino (admin), venerdì 5 ottobre 2001 00:00:00

Ultimo aggiornamento venerdì 5 ottobre 2001 00:00:00

Si è impiccato con il rullo della persiana legato ad uno degli infissi della finestra.

«Ti penserò anche da quell'altra parte. Invece di fare male a te, preferisco farlo a me...perdonami, ti amo. Ti amo tanto». Poche frasi scritte su fogli lasciati sparsi sul comodino. L'ultimo pensiero alla donna che da un paio di anni era la sua convivente. Poi ha stretto il cappio intorno al collo. Giuseppe Fumo, 33 anni, pregiudicato, è stato trovato morto ieri mattina da suo fratello, che aveva più volte bussato invano alla sua porta. Una mattina come tutte le altre nella modesta abitazione in via Vitale a Santa Lucia (nella foto la piazza della frazione), dove sotto lo stesso tetto convivono le difficili storie della famiglia Fumo. La madre Gaetana, costretta dopo il divorzio a crescere quattro figli con le modeste entrate da operaia in un'impresa di pulizia. Ed insieme a lei la figlia Alfonsina ed i suoi tre fratelli: Salvatore, Aniello, parcheggiatore al Santa Maria Dell'Olmo, emigrato in Sicilia alla ricerca di fortuna, ed il più grande, Giuseppe, con un passato pesante alle spalle. Piccoli reati, una vita vissuta fuori e dentro il carcere, a combattere contro un destino che lo aveva già marchiato: affiliato, uomo del clan camorristico Bisogno. Lui quella colpa l'aveva già scontata. Dopo alcuni anni di reclusione per una condanna per associazione a delinquere era tornato in libertà, ricominciando ad arrangiarsi con alcuni lavoretti saltuari come operaio. Aveva ritrovato la casa da dividere con una donna: un nuovo amore e finalmente un legame stabile. Eppure non ce l'ha fatta. Proprio ora, quando ormai era ad un passo da un'esistenza normale, tutto è crollato. Forse quello stesso orrore più volte visto in faccia, durante la sua vita al limite, gli è apparso sotto un'altra veste: «Non ce la faccio - una delle frasi trovate in un'agendina nascosta nella tasca dei pantaloni - Mi sento una nullità. Sono una nullità». Quell'ansia gli ha creato un groppo alla gola, quella stessa che ha strozzato con una corda. Sono da poco trascorse le 9 quando Salvatore, suo fratello, bussa alla camera da letto. Un paio di colpi alla porta, chiusa a chiave, ma nessuna risposta. Un segno che non lascia il tempo ad altro pensiero. I familiari chiamano la polizia. Nella casa al civico 70 arrivano gli agenti. Forzano la serratura e, una volta aperto l'uscio, si presenta una scena agghiacciante: Giuseppe, cianotico, è appeso al rullo della persiana. Il suo corpo senza vita penzola da quel cappio che lui stesso ha fissato alla persiana prima di lasciarla andare. Il medico del 118 e gli operatori dell'Humanitas cercano di rianimarlo, ma ogni soccorso è vano. Giuseppe è morto già da un paio di ore. Lo sconforto e le urla di dolore richiamano la madre, già uscita di casa. La sua depressione? Quella relazione diventata il suo fallimento? Le voci, come le numerose supposizioni, si rincorrono, ma senza una possibile conferma. Le uniche verità sono i segni sul corpo di Giuseppe. Gli uomini del commissariato di polizia locale, diretto dal vicequestore Sebastiano Coppola (nella foto), hanno eseguito i primi rilievi. Per cercare di provare la causa del decesso, che visto il suo passato poteva dare adito a qualche sospetto. Sono saltate fuori, così, le prime risposte. Nella stanza sono stati trovati dei foglietti, alcune frasi indirizzate alla convivente. Il cui contenuto, secondo gli inquirenti, lascerebbe pensare ad un addio e ad un chiaro proposito suicida. Ipotesi confermata dal ritrovamento di un'agendina custodita nelle tasche dei pantaloni. Con una stessa frase: «Non ce la faccio più», ripetuta di seguito. Anche l'esame esterno del cadavere ha sciolto ogni dubbio: per gli inquirenti si è trattato di suicidio. Nella stessa mattinata di ieri il magistrato ha liberato la salma, disponendo che venga seppellita nella giornata di oggi.

Galleria Fotografica

rank:

Ultimi articoli in Cronaca

Spari a Cava, parla il responsabile: «Ho sparato per antipatia»

«So quello che ho fatto ma non so perché. Ho sparato a più persone, non ricordo quante. Alcune le avevo già viste. Mi erano antipatiche». Queste le parole di Luca Criscuolo rese agli inquirenti e riportate da "Il Mattino". Il 27enne, che lunedì sera, a bordo di una Fiat Punto grigia, aveva esploso alcuni...

Cava, tenta di derubare anziana: 48enne arrestato

Tenta di rapinare un'anziana, ma viene inseguito e catturato da un carabiniere. L'episodio si è verificato ieri pomeriggio a Cava de' Tirreni, in via XXV Luglio, nei pressi del caseificio Bisogno. Come riporta "La Città", un 48enne di Siano, R.N., di origini rom, si era recato a casa di S.F., una 78enne...

Spari a Cava de' Tirreni: oggi verrà interrogato il responsabile

Sarà interrogato dal giudice nella giornata di oggi, per la convalida a fermo, Luca Criscuolo, il 27enne che lunedì sera, a bordo di una Fiat Punto grigia aveva esploso alcuni colpi di pistola dinanzi un bar di Piazza Abbro a Cava de' Tirreni ferendo una ragazza. L'uomo, che ha confessato spontaneamente...

Preso nell'Agro il responsabile degli spari di Cava

E' stato fermato nella serata di oggi a Nocera Inferiore l'uomo che lunedì sera, a bordo di una Fiat Punto grigia aveva esploso alcuni colpi di pistola dinanzi un bar di Piazza Abbro a Cava de' Tirreni ferendo una ragazza . A quanto pare è Luca Criscuolo il responsabile anche di altre sparatorie che...

Presunta fuga di gas, evacuati il "De Filippis-Galdi" e l'Istituto "Giovanni XXIII"

Non solo il liceo "De Filippis-Galdi" (clicca qui), anche l'Istituto Giovanni XXIII è stato oggetto di una presunta fuga di gas in mattinata. Gli alunni, i professori e i collaboratori scolastici, dopo aver avvertito un forte odore di gas, hanno evacuato entrambi gli edifici per permettere ai vigili...