Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Accetta

Ultimo aggiornamento 13 ore fa S. Teofilo vescovo

Date rapide

Oggi: 7 marzo

Ieri: 6 marzo

Ultimi 3 giorni

Ultimi 7 giorni

Ultimi 30 giorni

Intervallo di date

cerca

Il Portico

Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Il Portico - Il quotidiano di Cava dei Tirreni

Egea Luce e Gas. La casa delle buone energie, in Costiera Amalfitana aperto il nuovo punto energia a MaioriAntica pasticceria Pansa ad Amalfi, caffetteria, sala da thè in Piazza Duomo con specialità dolciarie in Costiera Amalfitana. Acquista on line i dolci tipici della Costa d'AmalfiMielepiù S.p.a. - EcoBonus 65% con sconto in fatturaContract AR.DA Arredamenti ed architetture per Alberghi e Resort - Hotel FornitureCardine lavori in quota, opere edili, ripristino costoni rocciosi, pagina social ufficialeGenea Consorzio Stabile, Energia, Efficientamento energetico

Tu sei qui: SezioniCronacaTraffico di droga con metodo mafioso: 26 arresti tra Salerno, Avellino e Firenze

MielePiù, la scelta infinita. Ecobuonus 65% con sconto diretto in fattura, migliora l'efficienza energetica della tua abitazione, fonditalSoluzioni di connettività a banda ultra larga. Connectivia Fibra e soluzioni WirelessCardine SRL, Lavori in quota, Protezione, Sicurezza, Pannelli in fune d'acciaio, lavori edili, interventi post frana, perforazione pareti rocciose, messa in sicurezza costone rocciosoGenea Consorzio energetico, efficienza energeticaGranato Caffè, è leader in Costiera Amalfitana nella commercializzazione e nella distribuzione di macchine per caffè a cialde e capsule con il miglior caffè napoletanoAcquista on line il limoncello ed i liquori della Costiera Amalfitana. Terra di Limoni la genuitià della lavorazione artigianale direttamente a casa tua.La Tramontina, Caseificio dal 1952, la tradizione dei buoni sapori e l'esperienza casearia creano prodotti unici da gustare ogni giornoPorti di Amalfi, Pontile Coppola, Ormeggi in Costa d'Amalfi, Amalfi approdo turistico, Amalfi il portoHotel Villa Romana a Minori in Costiera Amalfitana - Hotel Benessere in Costa d'AmalfiLegambiente Città di Cava de' Tirreni - Salerno Campania Italia

Acquista on line le specialità del Maestro Pasticciere più amato d'Italia. Sal De Riso in Costa d'Amalfi realizza capolavori di dolcezza.Terra di Limoni, Acquista on line il limoncello della Costa d'Amalfi realizzato esclusivamente con limoni IGP della Costiera Amalfitana

Cronaca

Traffico di droga con metodo mafioso: 26 arresti tra Salerno, Avellino e Firenze

Scritto da (Redazione), venerdì 19 giugno 2020 06:37:04

Ultimo aggiornamento venerdì 19 giugno 2020 11:16:28

Dalle prime ore di questa mattina, nelle province di Salerno, Avellino e Firenze, i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno, con il supporto del 7° Nucleo Elicotteri di Pontecagnano e del Nucleo Cinofili di Sarno, stanno eseguendo un provvedimento cautelare, emesso dal GIP del Tribunale, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di 26 persone (11 in carcere, 9 agli arresti domiciliari e 6 con obbligo di dimora nel Comune di residenza).

Associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, con l'aggravante del metodo mafioso, Detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti, Detenzione e Porto abusivo di arma, Sostituzione di persona, Uso di atto falso, Falsità ideologica, Favoreggiamento personale, Ricettazione, Minaccia e Danneggiamento seguito da incendi: questi i reati contestati ai soggetti tratti in arresto.

I provvedimenti scaturiscono da una vasta ed articolata attività d'indagine avviata dal Nucleo Investigativo Carabinieri di Salerno nel mese di giugno 2017 sotto la direzione e con il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di questo capoluogo. È stata condotta con metodi tradizionali, con il supporto di attività tecniche e mirati servizi di osservazione, controllo e pedinamento, ma - questo va evidenziato - l'attività è risultata particolarmente complessa poiché molti dei soggetti investigati, per eludere i controlli, non hanno esitato a ricorrere all'intestazione fittizia di schede telefoniche a persone ignare (circa 15) ed all'utilizzo di smartphone (Blackberry) di difficile intercettazione per condurre i loro traffici illeciti, venendo comunque scoperti. L'indagine ha permesso di ricostruire l'esistenza di un'associazione a delinquere, con ruoli e competenze ben definite, dedita alla commissione dei suddetti delitti, con una disponibilità di notevoli quantitativi di stupefacente del tipo cocaina, hashish, amnèsia e marijuana ecc., che vantava un canale di rifornimento privilegiato con l'Albania e con l'Olanda (con circa 2 chilogrammi di cocaina sottoposti a sequestro). La compagine criminale gravitava attorno alle figure di spicco di Cuozzo Alfredo e Di Lascio Sabato, entrambi pluripregiudicati per stupefacenti e gravi reati contro la persona, i quali, assurti a veri e propri manager del gruppo, promuovevano e dirigevano l'associazione avvalendosi del metodo mafioso, che palesavano sul territorio di Acerno attraverso una serie di gravi minacce (tra cui l'incendio di autovetture), tese ad allontanare spacciatori e organizzazioni rivali, nonché ad imporre il loro predominio sulla illecita attività di spaccio, stabilendo, in particolare, il prezzo ed i canali di approvvigionamento della droga. È in tale ambito che si inserisce la contestazione del reato di detenzione e porto abusivo di una pistola semiautomatica marca "Tanfoglio", a carico di Cerasulo Paolo, Cuozzo e Di Lascio, gli ultimi due dei quali l'hanno portata illegalmente in luogo pubblico, sempre in Acerno, per minacciare Calabrese Gerardo, esplodendo, di notte, alcuni colpi di pistola in direzione di un cavallo di sua proprietà per "convincerlo" a desistere da attività di spaccio concorrenziali. Nel periodo di massima contrapposizione tra il gruppo Cuozzo-Di Lascio e gli altri spacciatori acernesi, l'attenzione degli inquirenti è stata rivolta anche al noto pluripregiudicato Persico Ciro, referente dello storico gruppo delinquenziale del centro storico salernitano (recentemente arrestato nell'ambito di una vasta operazione antidroga, che ha permesso di smantellare un gruppo criminale di 38 persone responsabili di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti), chiamato - grazie al suo ascendente criminale - a sostenere le attività di spaccio di Dell'Angelo Dany, di Acerno, divenuto contendente dei citati Cuozzo-Di Lascio. In tale frangente, sono stati altresì documentati contatti tra Cuozzo e i fratelli De Feo Carmine e Vito, a capo dell'omonimo clan attivo in Bellizzi. Le citate mediazioni hanno, di fatto, condotto ad una pacifica composizione del dissidio. Un ulteriore filone investigativo ha riguardato il "broker" salernitano Parotti Fiorenzo, soprannominato "Biondo" e "Tiger", che, pur non essendo organico al sodalizio in esame, ne ha condiviso i canali di rifornimento, a dimostrazione di una collaborazione di più ampio spettro nell'ambito del mercato degli stupefacenti in provincia. Il Parotti, infatti, oltre ad essere in contatto con gli stessi fornitori albanesi, è risultato più volte essere sia fornitore di cocaina, che cliente di sostanze stupefacenti del tipo leggero a favore del gruppo acernese. Il nome dell'operazione "Servitium" nasce dalla terminologia criptata usata dai gregari dell'organizzazione nel definire lo stupefacente, poiché, in una intercettazione telefonica, la cocaina veniva convenzionalmente chiamata "servizio". Nel corso dell'attività d'indagine, sono state arrestate 2 persone in flagranza di reato e sequestrati oltre 2 chili di stupefacente. Il fatturato mensile dell'impresa criminale si aggirava intorno ai 100.000 euro.

Se sei arrivato fino a qui sei una delle tante persone che ogni giorno leggono senza limitazioni le nostre notizie perché offriamo a tutti la possibilità di accesso gratuito.

Questo è possibile anche grazie alle donazioni dei lettori. Sostieni l'informazione di qualità, sostieni Il Portico!

Scegli il tuo contributo con

Galleria Fotografica

rank:

Cronaca

Covid e zona rossa, Sindaco di Cava annuncia più controlli: «Situazione dura per tutti»

«Saremo in zona rossa da lunedì. Preoccupa molto l'aumento dei ricoveri ospedalieri collegato all'aumento della curva del contagio. Gli ospedali dedicati al Covid 19 sono in sofferenza e si allungano i tempi di attesa. Questa la situazione che ci troviamo ad affrontare. È dura. È dura per tutti noi»....

Assembramenti e zona rossa, Sindaco di Cava: «Difficile avere controlli in ogni angolo della città»

Da lunedì 8 marzo la Campania sarà zona rossa. Nella giornata di ieri, i sindaci dell'Agro e della Valle Metelliana si sono riuniti in videoconferenza con il Prefetto di Salerno per discutere del tema dei controlli. Due sono state le parole d'ordine del Prefetto: severità e visibilità dei controlli,...

Corruzione Eboli-Cava, ancora guai per Cariello: 40 indagati tra cui la suocera

Sono circa 40 le persone coinvolte nell'inchiesta che per protagonista Massimo Cariello, ex sindaco di Eboli. Come scrive il quotidiano "Il Mattino", si tratta di imprenditori, dirigenti comunali, presidenti di cooperative ed anche la suocera dell'ex primo cittadino, Anna Buoninfante, presidente dimissionaria...

Covid, trend in crescita a Cava. Sindaco: «Situazione più tranquilla rispetto al resto della Campania»

«L'andamento del contagio segue un andamento altalenante. In un primo momento avevamo 80 positivi, poi questo trend è cambiato. Oggi siamo arrivati a 308 positivi. Abbiamo tante persone che sono in isolamento domiciliari, mentre altre sono ricoverate nei vari ospedali dedicati al Covid». Sono le parole...

Covid, 308 positivi e 44 guariti a Cava de' Tirreni: l'aggiornamento del Sindaco

Leggero calo di positivi a Cava de' Tirreni. Dall'ultimo report dell'Unità Epidemiologica, dell'Asl Salerno, risultano 308 cavesi attualmente positivi al Covid 19, di cui 16 sono in ospedale. I nuovi guariti sono 44, mentre sono 6 i deceduti nella seconda fase della pandemia. Rispetto al 3 marzo (data...